Cos’è lo Shudō, l’amore omosex dei Samurai

In Giappone, lo shudō ha un'origine antichissima.

shudo
2 min. di lettura

Potremmo dire che lo shudō non è molto diverso dalla pederastia che si consumava nell’antica Grecia tra un ragazzo giovane (tipicamente 17-18 anni) e un uomo più anziano (a partire dai 25 anni). Per shudō infatti si intende l’amore gay che si crea tra due samurai.

Siamo appunto in Giappone, e anche qui come in Grecia, questa pratica tradizionale prevede due figure, fondamentali per la relazione: il nenja (念者), ovvero il samurai anziano, e il wakashu (若衆), il giovane samurai. Altro punto in comune con la pederastia dell’antica Grecia è il fatto che non si tratta solamente di rapporti sessuali, ma anche di sentimenti. Il tipo di unione che si va a creare tra il nenja e il wakashu è un legame profondo, e proprio per questo si parla di amore omosessuale tra samurai. 

Dello shudō si parla per la prima volta intorno al 1600. L’omosessualità era accettata, e avere rapporti con persone dello stesso sesso era considerata la normalità. Questo fatto, come in Grecia, è confermato dai diversi ritratti ritrovati negli anni passati. Ma dopo 200 anni di amore libero e incontrastato, qualcosa cambia: l’arrivo del cristianesimo e della cultura occidentale portano una visione completamente diversa dell’omosessualità, mostrandola come un fattore poco virile. Impossibile da accettare per la figura dell’uomo forte e macho. Una storia già sentita, e che si sente ancora oggi. E che nel giro di poco tempo ha costretto l’amore gay tra samurai a nascondersi, ponendo la parola fine allo shudō. Poco prima dell’inizio del ‘900, la pratica omosessuale viene dichiarata illegale.

Dallo shudō all’omosessualità in Giappone oggi

Sebbene l’influenza occidentale e religiosa abbiano influito negativamente nei confronti dello shudō, è anche vero che non sono i soli responsabili. Lo shudō, come già detto, era un aspetto tradizionale in Giappone, ma si deve sempre tenere conto che si parla di un rapporto di amore.

Facciamo una premessa: il samurai era prima di tutto un soldato del Giappone feudale. Ogni samurai doveva avere un padrone. Quest’ultimo doveva essere protetto, anche a costo della vita del samurai. Tra protetto e protettore, si creava un forte legame di fiducia e di onore. Ma con lo shudō, c’era un altro forte legame, quello tra nenja e wakashu.

E’ questo che, influenzato da altre culture, ha iniziato a preoccupare. Valeva di più il legame di amore tra i due samurai o quello di fiducia tra samurai e padrone? C’era più fedeltà tra i due soldati o per il Giappone, intesa come propria patria da difendere? Tanti dubbi, che hanno sancito la fine del libero amore. 

Oggi il Giappone non criminalizza l’omosessualità, che è legale dal 1880. Ma la strada dei diritti è ancora lunga: il matrimonio egualitario non è consentito, mentre le unioni tra coppie dello stesso sesso sono permesse solo in certe zone del Paese, con limitati benefici e senza valore dal punto di vista legale.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Napoleone era bisessuale? - Rupert Everett 2 - Gay.it

Napoleone era bisessuale?

News - Redazione 24.11.23
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia - Alessandro Magno - Gay.it

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia

Serie Tv - Federico Boni 2.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Stephen Laybutt, l'ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out - Stephen Laybutt header Attitude - Gay.it

Stephen Laybutt, l’ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out

Corpi - Redazione 18.1.24
Omosessuali e Omocausto cancellati dal Ministero dell'Istruzione per la Giornata della Memoria - omocausto circolare ministero istruzione giornata memoria - Gay.it

Omosessuali e Omocausto cancellati dal Ministero dell’Istruzione per la Giornata della Memoria

News - Francesca Di Feo 25.1.24
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24