Simon Cracker il creativo indie che narra la contemporaneità tra disincanto e sogno

Abbiamo incontrato Simon Cracker, il giovane creativo italiano che sfida il gusto comune e le regole di mercato.

Simon Cracker il creativo indie che narra la contemporaneità tra disincanto e sogno - sc - Gay.it
4 min. di lettura

Nel 2010 nasce Simon Cracker, il brand che venne presentato tra i giovani talenti a Parigi durante la fashion week
al palazzo Pierre Cardin.
Tutto ebbe inizio proprio allora, come ci racconta Simone “ero un ragazzetto cicciottello a disagio tra tanti designer molto pieni di se’, portai a casa tre store in Giappone e i complimenti con stretta di mano di Henrik Vibskov, che ai tempi era il mio idolo.
Fino al 2009 la mia testa era una cascata di idee, arcobaleni e casino. Ero graphic & textile designer per un’azienda che lavorava per i noti marchi del lusso. Ovviamente ero represso, elaboravo idee che stavano perfettamente dentro una scatola. Non si usciva dagli schemi e io, appena potevo, buttavo giù le mie idee che, invece, dagli schemi uscivano anche troppo.”

Simon Cracker il creativo indie che narra la contemporaneità tra disincanto e sogno - 79873994 10221253310187678 1680044348378447872 o - Gay.it
La sua ultima collezione, presentata alla Milano fashion week, si ispira alle Streghe, ai film dell’orrore che collezionava e con cui è cresciuto, a Lydia di Beetlejuice emarginata e presa in giro dai compagni di classe; Simone ha creato anche per questa stagione il suo esercito: ha voluto mettere in primo piano chi è stato escluso e discriminato.
“Nei film si difende sempre il protagonista sfigato, ma nella vita additiamo il primo che si vuole distinguere o va controcorrente. Non capisco molte cose e vedo marciume ovunque, quindi protesto nell’unico modo che conosco. Nella vita, poi, sono tranquillo e non litigo quasi mai.
Mi piace la coerenza e, da Bilancia ascendente bilancia, l’equilibrio delle cose. Non capisco, quindi, perchè le stesse persone che hanno sofferto, a cui davano del frocio alle medie e venivano bullizzate, appena ce la fanno nella vita e si prendono una bella rivincita, diventano editor, direttore creativo o semplicemente dimagriscono, si trasformano negli stessi stronzi o peggio, di chi li ha fatti sentire nulla decine di anni prima.
Penso ci si possa supportare a vicenda proprio perché abbiamo delle storie condivise e non nuotare nella piscina della moda, schizzando chi non entra perché non è a suo agio per il proprio corpo.”

Pro e contro della moda italiana?

Nella moda italiana non mi piace la paura che da anni ormai si respira nelle collezioni. Chi ha un minimo di sensibilità la percepisce: le voci di corridoio che suggeriscono le influenze e ispirazioni rubate ai brand che contano per potersi rifugiare nel giusto territorio, quello che assicura vendite e posto nelle pagine tendenza.
Trovo tutto questo nauseante e noioso.
Il rischio per me è lo stimolo per andare avanti. Molti mi dicono che faccio collezioni inquietanti e io ne sono felice perché so di aver fatto provare un’emozione. Anche se orrenda, è vera e la si può sentire addosso.
Continuerò a disegnare finchè qualcuno proverá ancora qualcosa guardando e indossando i miei pezzi.
Non so perché ho iniziato dicendo quello che non mi piace. Di positivo nella moda italiana rimane nel tempo la qualità, gli show che raccontano storie come piace a me e i materiali quasi km 0 che ci invidiano in tutto il mondo.

Simon Cracker il creativo indie che narra la contemporaneità tra disincanto e sogno - sm2 - Gay.it

Con quale brand ti piacerebbe collaborare?

Credo mi scatenerebbe una bella tempesta creativa collaborare con brand sportivi, sto puntando sempre più alla comoditá per arrivare anche al mio obiettivo di NO SIZE.
Da ex cicciottello vorrei, con una serie di capi, togliere il disagio di dover dire a una commessa che taglia portiamo..che sia una s o una xxxl.
Mi piacerebbe creare una collaborazione con Nike: sarebbe un sogno rielaborare modelli e distruggerli per dare vita a qualche “frankenstein” dei miei.

Quali sono i punti di forza del brand?

Uno dei punti di forza di Simon Cracker credo sia la curiosità che scatta guardando un capo. A volte sembrano pezzi assurdi, ti invitano a provarli e la maggior parte delle volte te ne innamori.
Ma il vero punto di forza, a mio parere, è quello di essere un brand costruito su dei valori reali. Sostenibilità dei materiali, upcycling, inclusione del “diverso”, body positivity… sono tutti principi che i marketing manager oggi si trovano ad appiccicare ai brand, senza che ci sia un legame di alcun tipo con la sua storia, le sue origini, semplicemente perché “oggi va questo”. Valori che Simon Cracker si porta dietro dagli albori, perché ci ho creduto
davvero e ho voluto essere coerente nelle mie scelte.
Per capire i miei punti di forza e di debolezza faccio tante domande agli store che vendono il brand, sono curioso e voglio capire sempre l’impatto che hanno le mie collezioni sulla gente.

Simon Cracker il creativo indie che narra la contemporaneità tra disincanto e sogno - sm3 - Gay.it

Il sogno segreto di Simone?

Simone sogna ad occhi aperti da quando ha scoperto cosa sono i sogni. Volevo essere un regista quando ero piccolo e credo di esserlo diventato a mio modo.
Ogni mio show lo organizzo come fosse un film: c’è una morale, personaggi insoliti e interessanti e un finale caotico.
Il mio sogno è che il concetto Cracker possa supportare artisti interessanti che trovo di continuo attorno a me e durante i miei viaggi e possa proiettarsi su qualsiasi cosa, il fatto di distruggere per dare nuova vita ad un materiale o a un oggetto è nato sull’abbigliamento e con i filati destinati al macero, ma vorrei farlo arrivare anche all’arredamento e design per la casa.

Simon Cracker in un breve slogan.

Distruggi quello che non va bene per trasformarlo in qualcosa di nuovo e adatto a te.

www.instagram.com/simoncracker

www.instagram.com/simone.botte

Simon Cracker il creativo indie che narra la contemporaneità tra disincanto e sogno - sm4 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Roberto Vannacci accusato di istigazione all'odio e difeso dalla Lega di Salvini

“Vannacci ha istigato all’odio razziale” l’accusa, la Lega di Salvini lo difende

News - Redazione Milano 26.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24

Hai già letto
queste storie?

giacomo cavalli gay.it

Giacomo Cavalli, dal surf alle luci della moda: ecco tutto quello che sappiamo su di lui

Lifestyle - Luca Diana 20.9.23
Max Peiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia

Max Peiffer Watenphul e la scena queer mai più dimenticata della scuola Bauhaus

Culture - Redazione Milano 30.11.23
marco mengoni gay it adriano russo vogue hong kong

Marco Mengoni dice che nessuno può nascondere le emozioni: è su Vogue HK nei ritratti di Adriano Russo

News - Redazione Milano 14.9.23
@bellaramsey

Bella Ramsey presta il volto alla linea di moda per persone non binarie

Culture - Redazione Milano 8.11.23
Gabriele Esposito, Giuseppe Giofrè e Simone Susinna - Foto: Instagram

18 bollenti mutande indossate per Calvin Klein

Lifestyle - Luca Diana 5.1.24
Donatella Versace premiata da Marco Mengoni per il suo sostegno ai diritti LGBTQIA+ - Donatella Versace premiata da Marco Mengoni per il suo sostegno ai diritti LGBTQIA - Gay.it

Donatella Versace premiata da Marco Mengoni per il suo sostegno ai diritti LGBTQIA+

News - Redazione 25.9.23
Eva Riccobono a Belve: “Sono stata con una donna. Mi sono finta uomo trans per entrare ad una festa” - VIDEO - Eva Riccobono a Belve - Gay.it

Eva Riccobono a Belve: “Sono stata con una donna. Mi sono finta uomo trans per entrare ad una festa” – VIDEO

Culture - Redazione 18.10.23
aberrcrombie Mike Jeffries bbc

Giovani ragazzi ignari da sfruttare sessualmente: Mike Jeffries ex CEO di Abercrombie&Fitch accusato

News - Francesca Di Feo 16.10.23