Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Cento buoni motivi per godersi l'estate in giro per l'Italia tra le sue spiagge gay e dove poter praticare naturismo. dal Friuli alla Calabria, passando per Lazio e Puglia. Ecco dove divertirvi!

ascolta:
0:00
-
0:00
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia
54 min. di lettura

Nell’estate del 2024, aggiorniamo con piacere una guida molto seguita da chi ci legge: l’elenco delle 100 spiagge gay d’Italia. Questa edizione, con un focus sulle spiagge naturiste situate lungo fiumi, mari e laghi del nostro BelPaese, offre tutte le informazioni necessarie per chi desidera organizzare una vacanza che soddisfi le proprie “gay-sigenze”! È l’occasione ideale per godersi una tintarella senza limiti e fare nuove conoscenze.

L’edizione 2024 delle 100 spiagge gay d’Italia è arricchita da novità: troverete schede aggiornate con nuove fotografie e descrizioni dettagliate, arricchite da aneddoti e curiosità sulle diverse località. Un vero e proprio viaggio attraverso le regioni italiane, un utile compagno di viaggio da conservare tra i preferiti e da consultare durante i mesi estivi.

Il nostro Paese continua ad espandere l’offerta di spazi dedicati alla comunità gay e gay-friendly, con alcune regioni che si distinguono per la loro particolare ospitalità, soprattutto nei mesi estivi. Scopriamo insieme queste 100 meravigliose spiagge gay in Italia.

In questo articolo

SPIAGGE GAY IN LIGURIA 2024

punta_crena_panoramio

Le spiagge gay in Liguria sono almeno una decina. Noi abbiamo selezionato le migliori secondo le opinioni di che le frequenta. Eccole qui di seguito.

Spiaggia gay di Varigotti (SV)

Pagina Instagram della spiaggia

Indicazioni Google Maps

Punta Crena, considerata da molti la spiaggia più bella del Ponente Ligure, si trova tra Noli e Varigotti, nella provincia di Savona. Questo angolo di paradiso è popolare tra chi pratica naturismo e chi cerca un’atmosfera rilassata e accogliente, a dispetto della sua accessibilità non proprio semplice.

Arrivare a Punta Crena richiede un po’ di avventura. Dalla spiaggia principale di Varigotti, le persone più temerarie possono raggiungerla a nuoto, godendo delle acque cristalline del Mar Ligure. In alternativa, si può optare per un sentiero che parte dal paese e si dirige verso la storica torre saracena. Questo percorso è un po’ pericoloso, soprattutto per l’ultimo tratto dove è necessario utilizzare delle corde per scendere dalla cima del promontorio. Nonostante ciò, chi decide di intraprendere questa via troverà una spiaggia isolata e tranquilla, perfetta per chi cerca un contatto diretto con la natura.

Per chi arriva da Savona, il viaggio inizia lasciando l’abitato di Noli, dove si incontrano tre gallerie distanziate da circa un chilometro l’una dall’altra. È la terza galleria quella di riferimento. Poco prima di questa, sulla sinistra, inizia un sentiero in salita. Dopo circa 300 metri, in un tratto rettilineo, si apre una diramazione sempre sulla sinistra. Seguendo questo sentiero, ora più pianeggiante, si arriva infine a una vista del mare. Da qui, si scende lungo un percorso segnalato fino a raggiungere il ciglio della scogliera e poi si segue il contorno roccioso fino alla spiaggia.

Per chi non si sente a proprio agio con una discesa così impegnativa, c’è l’opzione di raggiungere la spiaggia via mare. Una traversata in canottino dal molo del paese è breve e permette di approdare direttamente sulla spiaggia senza dover affrontare il sentiero.

La spiaggia di Punta Crena è un luogo ideale per staccare dalla routine quotidiana e immergersi in un ambiente tranquillo, dove il rispetto per la natura e per gli altri è palpabile. È importante, tuttavia, venire preparati: non ci sono servizi di alcun tipo, quindi è essenziale portare con sé cibo, acqua e tutto il necessario per una giornata al mare, inclusi i sacchetti per i rifiuti, per mantenere pulito questo piccolo angolo di paradiso.

Spiaggia gay di Guvano (SP)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia di Guvano, situata a pochi chilometri da Corniglia, comune di Vernazza (La Spezia), è un angolo nascosto e affascinante delle Cinque Terre. Nonostante Corniglia sia l’unico borgo delle Cinque Terre non direttamente affacciato sul mare, paradossalmente ospita una delle spiagge più incantevoli della zona, celebre per il nudismo e frequentata sin dagli anni ’70 dagli hippies. Guvano è una spiaggia di sabbia e sassi, con un litorale a mezzaluna immerso in uno scenario naturale di rara bellezza, circondato da una costa rocciosa frastagliata, con scogliere a picco sul mare turchese e cristallino.

Tradizionalmente, questa spiaggia è frequentata da naturisti e ospita raduni annuali organizzati da associazioni di naturisti.

L’accesso alla spiaggia può essere impegnativo. Si può raggiungere attraversando una galleria non illuminata, lunga circa 1,5 km. È indispensabile portare una torcia per illuminare il cammino, che dura circa 15 minuti. Durante la stagione turistica, spesso si formano gruppi di turisti che percorrono insieme la galleria, rendendo il tragitto meno intimidatorio per chi teme i luoghi chiusi e bui.

Un’alternativa per accedere alla spiaggia di Guvano è tramite un sentiero pedonale che si collega al Sentiero Azzurro. Tuttavia, questo sentiero, segnato in giallo sulla mappa, è diventato molto pericoloso dopo un crollo nel 2012e al 2024 è ancora in pessimo stato, senza lavori di recupero previsti. Si sconsiglia vivamente di percorrerlo.

Per coloro che preferiscono un accesso meno avventuroso, è possibile raggiungere le due spiagge “friendly” vicine: la spiaggia di levante, accessibile scendendo una scala metallica di circa 20 gradini, è la più frequentata dai naturisti. La spiaggia di ponente, invece, è più facilmente accessibile e più ampia. Un’altra opzione è parcheggiare lungo la S.S. 51 nel paese di San Bernardino e proseguire a piedi verso il mare.

Infine, anche se meno pratico, è possibile affittare una barca per raggiungere la spiaggia.

Spiaggia gay di Balzi Rossi (Ventimiglia – IM)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia dei Balzi Rossi, situata poco prima del confine francese e immersa nella splendida Riviera dei Fiori, è uno degli angoli più suggestivi della Riviera di Ponente. Questa area, che si estende nella zona di Capo Mortola, tra Latte e Balzi Rossi, è famosa per le sue spiaggette nascoste, raggiungibili attraverso sentieri ripidi e attraversando la linea ferroviaria, una caratteristica che ne rende l’accesso piuttosto avventuroso.

La vista che vi accoglie una volta arrivati è mozzafiato: rocce rosse che contrastano con il mare turchese, circondati da una rigogliosa vegetazione mediterranea e il profumo di salsedine. Nonostante l’accesso impegnativo, queste piccole spiagge attraggono molti visitatori, specialmente appassionati di naturismo e membri della comunità gay, grazie alla loro tranquillità e isolamento.

Per raggiungere le spiagge più appartate, il percorso inizia nei pressi del ristorante Baia Benjamin, da dove si segue un sentiero che scende direttamente verso il mare. Ci sono due calette: la prima è più piccola e la seconda è più ampia e attraente, spesso meta di coppie e gruppi di amici che cercano un luogo riservato per godersi il sole e il mare.

Si raccomanda di portare con sé una stuoia o un materassino dato che i sassi possono essere scomodi per stendersi. Un’ulteriore precauzione è quella di fare attenzione al parcheggio sulla strada principale, poiché sono stati segnalati furti da auto parcheggiate.

Durante l’estate, la spiaggia vede un’affluenza costante di visitatori provenienti non solo dall’Italia ma anche dalla Francia e da altre nazioni, attirati dalla bellezza del luogo e dalla possibilità di incontri spontanei, specialmente nella pineta vicina. Questa spiaggia rappresenta quindi un piccolo paradiso per chi cerca un’esperienza di mare unica, pur richiedendo un piccolo sforzo per essere raggiunta.

Spiaggia gay di Punta Bianca (Ameglia – SP)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia Punta Bianca, situata nella provincia di La Spezia, a Ameglia, è un’affascinante scogliera conosciuta per la sua natura selvaggia e incontaminata. Questo luogo prende il nome dalle caratteristiche rocce bianche che dominano il paesaggio, rendendolo uno dei punti più scenografici della zona. Punta Bianca è notoriamente frequentata da una comunità vivace e variegata che include nudisti gay, bisex ed etero, rendendola una meta molto popolare, soprattutto durante i mesi estivi.

Arrivare a Punta Bianca può essere un’avventura di per sé. Se optate per non arrivare via mare, il tragitto inizia con un viaggio in auto lungo la strada che collega Bocca di Magra a Montemarcello. Lungo questa strada, poco dopo aver lasciato Bocca di Magra, si trova un’indicazione per una stradina sulla sinistra che conduce al sentiero per Punta Bianca. È necessario parcheggiare l’auto appena possibile e prepararsi per una passeggiata di circa 30 minuti su un sentiero sterrato.

Durante la camminata verso la spiaggia, il sentiero offre non solo viste mozzafiato ma anche pezzi di storia, come i resti di strutture della Seconda Guerra Mondiale e tratti di un antico binario che un tempo serviva la zona. Seguendo le indicazioni lungo il sentiero, si arriva infine alla scogliera, dove la vista delle imponenti rocce bianche e del mare cristallino accoglie i visitatori.

La spiaggia è particolarmente amata da chi pratica il naturismo e da coppie gay, che trovano in Punta Bianca un luogo discreto e accogliente per godersi il sole e il mare. Nonostante sia accessibile solo di mattina e pomeriggio, la spiaggia offre un’atmosfera rilassante e un’esperienza unica di contatto con la natura e con un ambiente socialmente aperto e accogliente.

Altre spiagge gay in Liguria

Queste appena descritte sono le migliori spiagge gay in Liguria. Ma segnaliamo quelle di Chiavari, Piani D’Invrea, Villa Delle Rose, Spiaggia dei Saraceni e Borgio Verezzi.

SPIAGGE GAY IN TOSCANA 2024

2

Anche in Toscana non possono mancare spiagge gay che si rispettino. Sono tante e anche in questo caso le abbiamo selezionate sulla base delle recensioni di chi ci è passato per una giornata alla ricerca di incontri interessanti. 

Spiaggia gay la Lecciona (LU)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia della Lecciona, situata tra Viareggio e Torre del Lago Puccini in Toscana, è una delle spiagge gay friendly più celebri d’Italia, particolarmente affollata durante i fine settimana estivi. Questo tratto di costa è uno degli ultimi in Versilia a rimanere libero e selvaggio, con dune sabbiose naturali e una ricca vegetazione tipica della macchia mediterranea. Dal 2022 un segmento di questa spiaggia è stato ufficialmente autorizzato alla pratica del naturismo, diventando un punto di riferimento per la comunità naturista e per chi cerca un ambiente accogliente e aperto.

Per raggiungere la spiaggia della Lecciona non ci sono molte complicazioni. Chi parte da Firenze può uscire dall’autostrada Firenze Mare a Pisa Nord – Migliarino, seguire le indicazioni per Torre del Lago Puccini e, una volta nel paese, dirigersi verso il mare fino a Viale Europa. Parcheggiando qui, si può procedere a piedi lungo le passerelle fino a raggiungere la spiaggia, proseguendo verso nord per circa 500 metri per trovare il tratto naturista segnalato tra i pali 13 e 15.

Per chi proviene da Viareggio, è possibile prendere l’uscita A12 Viareggio e seguire le indicazioni per Torre del Lago, uscendo a Viareggio centro per poi imboccare Viale dei Tigli. Qui, si può parcheggiare vicino al ristorante La Lecciona e camminare per circa 15-20 minuti attraverso la pineta in direzione del mare. Questa passeggiata è particolarmente suggestiva e termina con la vista mozzafiato delle acque limpide e della spiaggia incontaminata che attende i visitatori.

La spiaggia è facilmente accessibile anche con i mezzi pubblici, con diversi autobus che collegano la Stazione di Viareggio a Viale dei Tigli, sebbene si debba prestare attenzione agli orari, specialmente nei giorni festivi.

La Lecciona è un luogo dove il rispetto per l’ambiente e per gli altri è fondamentale. Situata all’interno dell’Ente-Parco Regionale Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli, che include anche un’area marina protetta, i visitatori sono invitati a minimizzare l’impatto ambientale utilizzando solo le passerelle ufficiali e mantenendo puliti i luoghi. Questa attenzione ecologica contribuisce a preservare la bellezza naturale della spiaggia e dell’area circostante, rendendola un vero paradiso per naturisti e non solo.

Per le persone che preferiscono la spiaggia attrezzata c’è Mama Dune Beach, dal 2003 è la prima spiaggia attrezzata per gay, lesbo, trans e i loro amici. Una piccola oasi di sole, con musica di vari generi e possibilità di fare tantissime attività sportive e, non da meno, incontri gay divertenti e interessanti! Sicuramente un’ottima opzione.

Spiaggia gay di Nido dell’Aquila (LI)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia del Nido dell’Aquila, situata a sud di San Vincenzo nella splendida provincia di Livorno, è un piccolo paradiso per gli amanti del naturismo e della libertà, immersa nello straordinario Parco Naturale di Rimigliano. Questa spiaggia, celebre per le sue acque cristalline, è diventata un punto di riferimento per la comunità gay.

Raggiungere la spiaggia del Nido dell’Aquila è abbastanza semplice. Partendo dal centro abitato di San Vincenzo, si percorre la Strada della Principessa in direzione sud, parallela al mare, passando attraverso il parco. Dopo circa cinque chilometri, superati due vecchi casali, si trova un punto dove parcheggiare. Da qui, una breve passeggiata di cinque minuti attraverso la pineta porta direttamente nel cuore del Parco di Rimigliano. Proseguendo per altri dieci minuti verso sud, si arriva alla zona frequentata dalla comunità gay, situata vicino a una pineta attrezzata con tavoli e panche, ideale per chi desidera trascorrere una giornata all’insegna del relax e del contatto con la natura.

Inaugurata ufficialmente come spiaggia naturista nel 2010 con un’ordinanza del Comune di San Vincenzo, l’FKK (nome tedesco per indicare le spiagge nudiste) offre un’esperienza unica di naturismo grazie all’ambiente protetto del Parco Naturale. La spiaggia è dotata di comodi servizi, tra cui lettini, ombrelloni, e docce, nonché accesso a un bar/ristoro dove i visitatori possono godere di rinfreschi e piatti locali.

Per chi arriva da più lontano, San Vincenzo è facilmente raggiungibile in treno da Pisa, con un viaggio che dura circa 90 minuti. Una volta in città, la spiaggia è solo a breve distanza, rendendola accessibile per una gita giornaliera o per un soggiorno più lungo.

Spiaggia gay sull’Isola d’Elba: Acquarilli (LI)

Indicazioni Google Maps

Sull’Isola d’Elba, una delle perle del Mar Tirreno situata nella provincia di Livorno, si trova la spiaggia di Acquarilli, popolare tra la comunità LGBTQ+ e gli amanti del naturismo. Situata tra Lacona e Capoliveri, poco prima di Norsi, questa spiaggia si caratterizza per la sua bellezza naturale e per essere uno degli ultimi angoli di costa sabbiosa rimasti relativamente selvaggi nella regione.

Raggiungere Acquarilli richiede un certo impegno a causa del sentiero scosceso che parte dal promontorio, il quale serve anche come parcheggio. Da qui, le persone devono scendere verso la spiaggia seguendo il sentiero sulla destra, guardando il mare. È importante tenere la sinistra durante la discesa; un errore di percorso significa dover tornare indietro per prendere l’unico sentiero che effettivamente conduce giù alla spiaggia.

Il sentiero, con un dislivello di circa 100 metri, è notoriamente scosceso e può essere impegnativo, ma il premio per chi lo percorre è una spiaggia quasi paradisiaca, ideale per chi cerca un’esperienza di naturismo in totale tranquillità. Il Comune di Capoliveri ha ufficializzato questa pratica con una delibera nel 2015, designando la spiaggia di Acquarilli come area riservata al naturismo (FKK).

Sulla spiaggia non sono disponibili servizi, quindi è consigliabile portare con sé tutto il necessario, inclusi acqua e ombrelloni, per proteggersi dal sole intenso riflettuto dalla sabbia e dai ciottoli neri. Prima di scendere, è possibile fare una sosta al bar situato presso il parcheggio per rifornirsi di snack o bevande.

Infine, per chi arriva in auto, il promontorio ora ospita un parcheggio a pagamento inaugurato nel 2016, con alcuni posti anche lungo la strada. La spiaggia di Acquarilli è quindi un luogo perfetto per chi cerca una fuga dalla folla, immerso in un ambiente naturale di rara bellezza e riservatezza.

Altre spiagge gay in Toscana meritevoli di menzione

Altre due spiaggia gay sempre nei dintorni di Livorno sono l’Oasi di Bolgheri e la spiaggia di Sassoscritto, mentre in provincia di Grossetto abbiamo le spiagge gay di Chiarone, Capalbio, Parco dell’Uccellina (Marina di Albarese) e di Marina di Grosseto.

SPIAGGE GAY IN TRENTINO ALTO ADIGE 2024

speciale-spiagge-gay-italia-2023

Le spiagge gay in Trentino-Alto Adige offrono un ambiente accogliente e inclusivo per la comunità LGBTQ+. Sia che tu stia cercando un luogo di relax o l’opportunità di fare nuove amicizie, queste spiagge sono il posto ideale per godersi il sole e l’estate.

Spiaggia gay sul Talvera (BZ)

Indicazioni Google Maps

Nel cuore del Trentino-Alto Adige, la città di Bolzano nasconde un piccolo angolo paradisiaco molto apprezzato dalla comunità LGBTQ+: la spiaggia gay sul Talvera. Questo tratto del greto del torrente Talvera, noto per essere un luogo di ritrovo naturista, attira visitatori locali e non, grazie al suo ambiente rilassante e riservato.

La spiaggia si trova a pochi chilometri dal centro di Bolzano, rendendo facile l’accesso per chi desidera evadere dalla città per un po’ di tranquillità. Per arrivare a questa spiaggia gay, bisogna dirigersi verso Sarnthein/Sarentino. Dopo circa 4 km, una volta superata l’ex cava Sil, si gira a destra in direzione Sill. Proseguendo lungo questa strada si arriva fino al Palaghiacci Sill, dove la strada termina e inizia il sentiero per la spiaggia.

Da qui, lasciata l’auto nel parcheggio, si prosegue a piedi per circa 500 metri. Il percorso non è particolarmente impegnativo e si snoda lungo il greto del torrente, offrendo una piacevole passeggiata immersi nella natura prima di arrivare alla spiaggia. Durante il fine settimana, la spiaggia diventa un vivace punto di incontro.

Spiaggia gay sul lago di Caldonazzo (TN)

Indicazioni Google Maps

Il Lago di Caldonazzo in Trentino-Alto Adige, nella zona della Valsugana, offre un rifugio idilliaco non solo per gli amanti della natura ma anche per la comunità LGBTIQ+, con la sua spiaggia particolarmente apprezzata dai naturisti e dai turisti gay.

Per raggiungere questo angolo di paradiso, partendo da Trento, si prosegue per circa 10 km in direzione Padova. Dopo aver attraversato l’abitato di Pergine, si continua verso Levico. Superata la località Ca’ Rossa e il primo tunnel, è possibile parcheggiare a destra in uno spazio disponibile prima di una successiva galleria, circa 300 metri dopo il tunnel. Da qui, con una discesa piuttosto ripida, si arriva direttamente alla riva del lago.

Questa spiaggia è ben conosciuta non solo per la sua atmosfera rilassante e soleggiata ma anche per lo spazio limitato disponibile per sdraiarsi, il che non ne diminuisce l’attrattiva, specialmente nei mesi estivi quando è frequentata da un pubblico internazionale e locale. L’accessibilità limitata contribuisce a mantenere un’atmosfera di tranquillità e riservatezza, rendendola ideale per coloro che cercano un’esperienza più intima e distaccata.

Il Lago di Caldonazzo non è solo un luogo per rilassarsi al sole o fare un tuffo nelle acque fresche, ma anche un’area attrezzata per una varietà di attività acquatiche come windsurf, sci nautico e canoa. Oltre a questo, la zona circostante è perfetta per passeggiate nelle pinete, contribuendo a un’esperienza veramente rigenerante in natura.

Per i visitatori interessati, ci sono anche opzioni di alloggio e ristorazione friendly nelle vicinanze, che offrono un’accoglienza calorosa e un’oasi di tranquillità, perfetta per una vacanza rilassante.

Torrente Leno di Rovereto (TN)

Indicazioni Google Maps

Il torrente Leno di Rovereto offre un’incantevole esperienza naturista e nudista, immerso in uno scenario di natura incontaminata e di pacifica solitudine. Per raggiungere questo luogo suggestivo, partendo dal centro di Rovereto, si deve percorrere la SS 46 in direzione Vicenza. Dopo pochi chilometri, superati gli abitati di Sega e Noriglio e poco prima di un piccolo ponte sul torrente, è necessario svoltare a sinistra lungo una stretta strada che segue il profondo canyon scavato dal torrente Leno.

Proseguendo lungo questa strada, si attraversa il fiume su un ponticello vicino a una chiesa poco prima di arrivare a CaBianca. Da qui, il percorso continua a piedi, seguendo il corso del torrente Leno. Superando un’ampia distesa di ghiaia, ci si immerge in un paesaggio quasi fatato, lontano dalle strade battute e protetto dalla vista indiscreta dei passanti, grazie alla conformazione del canyon che offre una naturale privacy.

Il luogo è particolarmente apprezzato da due gruppi di naturisti che si distribuiscono su due piazzuole, dove il naturismo può essere praticato in totale libertà e rispetto reciproco. Il torrente Leno è consigliato per una visita nei mesi più caldi, luglio e agosto, quando il sole rende l’atmosfera particolarmente piacevole, nonostante le acque rimangano sorprendentemente fredde.

È consigliabile portare con sé cibo e bevande, dato che la zona, pur essendo di straordinaria bellezza, è isolata e manca di servizi di ristorazione.

SPIAGGE GAY NEL LAZIO 2024

spiagge gay italia, spiagge gay nel lazio

Le spiagge gay in Lazio non sono tante come in Liguria e in Toscana, ma probabilmente sono tra le più frequentate e conosciute in Italia. Fra di esse ci sono le seguenti.

Spiaggia gay di Capocotta (Ostia – RM)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia di Capocotta, situata vicino a Ostia e a breve distanza da Roma, è una delle spiagge gay più rinomate e apprezzate, non solo in Lazio ma in tutta Italia. Questo tratto di litorale si distingue visibilmente grazie alle grandi bandiere arcobaleno che sventolano tra le dune.
Capocotta non è solo un luogo di incontro popolare tra i turisti gay, ma è anche una delle poche spiagge libere in Italia dove il naturismo è autorizzato e praticato liberamente. Qui la libertà regna sovrana.
Per raggiungere la spiaggia di Capocotta da Roma, si può percorrere la Via Cristoforo Colombo in direzione Ostia. Una volta arrivati al mare, bisogna girare a sinistra verso Torvaianica e proseguire lungo la litoranea per circa 8-10 km. Per chi preferisce i mezzi pubblici, è possibile prendere la metropolitana da Roma Ostiense fino a Ostia, e poi proseguire con un breve tragitto in autobus o taxi.

Sono disponibili servizi come toilette, docce, e la possibilità di noleggiare ombrelloni e lettini a prezzi ridotti nel pomeriggio. Inoltre, c’è un bar dove è possibile gustare un aperitivo o un pasto leggero, godendosi il tramonto sul mare.

Mentre la maggior parte della spiaggia di Capocotta è aperta a tutti, esiste una zona specifica, situata a circa 200-300 metri più a sud, dedicata esclusivamente al naturismo. Questa area riservata offre un’ulteriore possibilità per chi desidera vivere un’esperienza di totale libertà in un contesto naturalistico e riservato.

Spiaggia gay dei 300 gradini (Gaeta – LT)

Indicazioni Google Maps 

Pagina Facebook: Lido 300 Gradini

La spiaggia dei 300 Gradini, situata tra le pittoresche città di Gaeta e Sperlonga nel Lazio, è una meta affascinante e ricercata, specialmente dalla comunità gay e dagli amanti del nudismo. Questo tratto di costa è celebre per la sua bellezza naturale e l’accesso unico attraverso una scalinata di 300 gradini, che aggiunge un tocco di avventura al raggiungimento della spiaggia. Il pagamento di un ingresso è necessario, in quanto si tratta di una proprietà privata.

Questa spiaggia è particolarmente apprezzata per la sua sabbia fine e dorata, il mare cristallino e la cornice naturale fornita da pareti rocciose e aree boscose che la circondano, rendendola una delle località balneari più belle d’Italia. Una volta superata la sfida dei gradini, i visitatori sono ricompensati con un panorama mozzafiato e un ambiente tranquillo, ideale per godersi una giornata di sole e mare.

Per arrivare alla spiaggia dei 300 Gradini da Roma, si può prendere la Statale Pontina, proseguire per Terracina e poi Sperlonga. Poco prima di Gaeta, dopo la “piana di Sant’Agostino”, si trova l’accesso denominato “Ultima spiaggia“, da cui inizia la scalinata. Da Napoli, invece, si può seguire la SS Quater Domitiana in direzione di Roma, cambiando poi itinerario verso Gaeta. Dall’uscita autostradale di Cassino, seguendo le indicazioni per Formia e Gaeta, si raggiunge facilmente la zona.

In alternativa, una volta a Gaeta, si può procedere verso Serapo e, poco dopo, verso Sperlonga. Lungo questo tragitto si incontrano diversi lidi; il primo è “Le Scissure” e, dopo un centinaio di metri, si trova il cartello per “Ultima spiaggia”, dove inizia il cammino verso la spiaggia dei 300 Gradini.

Spiaggia gay di Sabaudia (LT)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia di Sabaudia, situata nella provincia di Latina, è una spiaggia caratterizzata dalle sue estese dune di sabbia, che creano un ambiente naturale e riservato, ideale per il relax e il naturismo.

Il tratto di spiaggia tra Via Sacramento e Via S. Andrea a Sabaudia diventa particolarmente frequentato dalla comunità queer nel pomeriggio durante l’inverno e fino a sera in estate. Nonostante non sia una spiaggia ad alta frequentazione, è ben conosciuta e apprezzata per la sua discrezione e sicurezza, rendendola un luogo ideale per incontri casuali e momenti di svago.

Per raggiungere questa zona di Sabaudia, dalla città si deve prendere la litoranea in direzione Latina. Superato un primo tratto di curve, si arriva a un rettilineo che costeggia il mare. Oltrepassando il campeggio sulla destra, si continua fino a raggiungere il tratto di strada situato tra la seconda e la terza piazzola di sosta, che si trovano sulla sinistra della strada. Qui è possibile parcheggiare e procedere a piedi fino alla spiaggia.

SPIAGGE GAY IN CAMPANIA 2024

bagni-regina-giovanna_3

Scendendo a Sud, verso la Campania, ecco altre spiagge gay in Italia dove ti consigliamo di fare un salto per sfogare la tua voglia di divertimento e, allo stesso tempo, di relax.

Spiaggia gay Marina di Licola e Lido di Circe (NA)

Indicazioni Google Maps: Marina di Licola

Indicazioni Google Maps: Lido di Circe

La spiaggia di Marina di Licola, situata a Pozzuoli, rappresenta una piccola oasi di tranquillità e libertà, particolarmente apprezzata dalla comunità LGBTIQ+ e dai naturisti. Questo tratto di litorale si trova al termine di una serie di lidi privati e ben attrezzati, e si distingue per il suo ambiente più riservato e meno commerciale.

Marina di Licola è facilmente accessibile anche con i mezzi pubblici: si può raggiungere prendendo la Circumflegrea fino alla fermata Marina di Licola. Una volta scesi dal treno, la spiaggia è raggiungibile seguendo le indicazioni locali fino alla fine dei lidi attrezzati.

Vicino a Marina di Licola si trova anche il Lido di Circe, un’altra spiaggia libera molto apprezzata dalla comunità LGBTQ+. Questa area è caratterizzata dalla presenza di una fitta pineta, che non solo offre ombra e frescura nei giorni più caldi, ma anche privacy per chi desidera un ambiente più discreto e isolato. La pineta è un luogo popolare per incontri e socializzazione, rendendo entrambe le spiagge mete ideali per chi cerca sia relax sia divertimento.

Per arrivare al Lido di Circe e alla spiaggia di Marina di Licola in auto, è necessario uscire dalla tangenziale a Licola e seguire le indicazioni per Lido Circe. Al termine del lido, girare a sinistra e proseguire fino all’ultimo stabilimento balneare; subito dopo si trova la spiaggia libera.

Nonostante negli ultimi anni la spiaggia di Marina di Licola abbia subito una certa trascuratezza, continua a essere un luogo significativo per la comunità gay e trans, grazie alla sua posizione appartata e alla sua atmosfera accogliente.

Spiaggia gay del Fusaro (Cuma – NA)

Indicazioni Google Maps: Lido Fusaro

La spiaggia del Fusaro è situata strategicamente tra l’Acropoli di Cuma e il Lido di Napoli. Facilmente accessibile grazie alla sua vicinanza con la stazione del Lido Fusaro sulla linea Circumflegrea, questa spiaggia attira non solo turisti ma anche molti membri della comunità LGBTIQ+, che trovano in alcune sue zone libere un ambiente ideale per socializzare e praticare il cruising.

La spiaggia del Fusaro si estende ampiamente e presenta sia aree libere sia tratti gestiti da centri balneari attrezzati con ombrelloni, lettini e sedie sdraio, offrendo così opzioni per tutti i gusti. Nonostante la sua bellezza e la popolarità, è importante notare che la qualità delle acque può variare; in particolare, durante le alte maree, il mare può portare detriti e sporco fino al bagnasciuga, rendendo talvolta difficile l’accesso al mare.

Per chi cerca un’area più tranquilla e riservata, le zone libere della spiaggia del Fusaro sono particolarmente apprezzate dalla comunità gay per la loro atmosfera distesa e la possibilità di incontrare nuove persone in un contesto naturale e aperto. Questi spazi offrono la libertà di godersi la spiaggia in maniera più autentica e meno commerciale.

Raggiungere la spiaggia del Fusaro è semplice: dopo aver lasciato la stazione del Lido Fusaro, è possibile seguire le indicazioni per la spiaggia, che si trova a breve distanza a piedi. È una destinazione ideale per una gita di un giorno da Napoli, dove si può combinare il piacere di una giornata al mare con la scoperta delle antiche rovine di Cuma nelle vicinanze.

Spiaggia gay Bagni Regina Giovanna (Sorrento – NA)

Itinerario Google Maps: Bagni Regina Giovanna

I Bagni Regina Giovanna rappresentano una gemma nascosta nella splendida cornice della penisola sorrentina, particolarmente apprezzata dalla comunità gay. La spiaggia, in realtà una scogliera liscia che degrada verso un mare cristallino, si trova vicino a Capo di Sorrento. Nonostante il naturismo non sia ufficialmente permesso e ci possano essere controlli occasionali, il luogo rimane un punto di ritrovo per chi cerca un’esperienza di mare più libera e informale, dove poter fare anche incontri interessanti.

Come raggiungere i Bagni Regina Giovanna. Da Sorrento, si può prendere un bus di linea che parte dal centro e si dirige verso Capo di Sorrento. Una volta arrivati a Capo di Sorrento, si segue un breve e ben segnalato sentiero che in circa venti minuti conduce direttamente alla scogliera. Nonostante il percorso possa sembrare un po’ impegnativo, il panorama mozzafiato e la tranquillità della spiaggia compensano ampiamente lo sforzo.

Per chi proviene da Napoli, è possibile prendere la Circumvesuviana fino a Sorrento e da lì proseguire con il bus verso Capo di Sorrento. Questa opzione è particolarmente conveniente per chi non dispone di un’auto e desidera comunque godere di una delle spiagge più suggestive e meno conosciute della zona.

Altre spiagge gay in Campania

Segnaliamo anche le spiagge gay di Lucullo a Eboli, quella di Passerella a Laura di Paestum e la spiaggia del Troncone, in zona Palinuro.

SPIAGGE GAY IN CALABRIA 2024

Capo Rizzuto.

La regione con uno dei mari più belli in assoluto e con siti storici di grande importanza, conta un discreto numero di spiagge gay. Vediamo quali sono.

Spiaggia gay Torre Mezza Praia (Curinga – CZ)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia di Torre Mezza Praia, situata nel tratto di costa tra Pizzo Calabro e Lamezia Terme, è una delle destinazioni più apprezzate dalla comunità gay in Calabria, grazie alla sua bellezza naturale e al contesto accogliente. Questa lunga spiaggia di sabbia bianca mista a ghiaia è bagnata dalle acque cristalline del mare calabrese e si trova nel comune di Curinga, in provincia di Catanzaro.

La spiaggia è accessibile dalla SS18, svoltando a sinistra dopo una fitta e verde pineta che offre non solo ombra e frescura ma anche privacy, rendendo la zona particolarmente adatta per cruising e incontri. Dietro questa pineta, la spiaggia si presenta pulita e attira numerosi visitatori, soprattutto durante l’estate, ma anche nei fine settimana invernali.

Come arrivare alla spiaggia di Torre Mezza Praia. Dalla SS18, seguire le indicazioni per il mare subito dopo aver attraversato la pineta. Una volta arrivati sul lungomare, è consigliabile parcheggiare l’auto nei pressi degli ultimi lidi balneari. Da qui, si prosegue a piedi in direzione del pontile visibile alla fine del golfo. Si raccomanda di indossare scarpe chiuse, poiché la spiaggia può essere a tratti sporca con rifiuti portati dal mare, come plastica e vetro.

Spiagge gay di Sant’Andrea sullo Ionio e di Squillace (CZ)

Indicazioni Google Maps: Sant’Andrea sullo Ionio

Indicazioni Google Maps: Spiaggia di Squillace Lido

Le spiagge di Sant’Andrea sullo IonioSquillace Lido, entrambe situate nella provincia di Catanzaro, rappresentano due delle mete più apprezzate dalla comunità gay per la loro bellezza naturale e per le opportunità di socializzazione che offrono.

Sant’Andrea sullo Ionio. Questa spiaggia si distingue per le sue acque cristalline e la sabbia pulita. La zona dedicata alla comunità gay e naturista si trova prevalentemente all’interno dell’ampia pineta retrostante, un luogo ideale per cruising e incontri. Per raggiungere questa spiaggia, bisogna dirigere da Catanzaro Lido verso la località di Sant’Andrea Apostolo dello Ionio. Dopo aver superato il ponticello del torrente Bruno, girare a sinistra fino a raggiungere un parcheggio. Da qui, scendendo in spiaggia e dirigendosi verso sinistra, dopo alcuni centinaia di metri si arriva all’area desiderata.

Spiaggia di Squillace Lido. Nota per la sua sabbia bianca e il mare di un blu intenso, la spiaggia di Squillace Lido è una meta turistica molto frequentata dalla comunità gay. Il lungomare di Squillace, soprattutto nel tratto sud vicino alla rotatoria, diventa un punto di ritrovo vivace, particolarmente nelle serate estive di luglio e agosto, dopo le 20:00 e ancor di più dopo le 22:00. Qui, il cruising è comune e la pineta retrostante offre ulteriore privacy e opportunità per incontri discreti. La spiaggia è accessibile dalla S.S. 106 Ionica, con uno svincolo specifico per Squillace Lido. Dal parcheggio, si procede a piedi per circa 700 metri attraverso la pineta sul lato sinistro fino a raggiungere la spiaggia, situata tra Roccelletta di Borgia e il lido.

Spiaggia gay del Camping San Paolo: primo campeggio gay e naturista del Sud Italia (KR)

Sito Web: Camping San Paolo

Indicazioni Google Maps

Situato a Isola di Capo Rizzuto, in provincia di Crotone, il Camping San Paolo vanta il titolo di primo stabilimento naturista e gay-friendly del Sud Italia. La presenza costante di musica, talvolta fino all’alba, e la clientela cosmopolita e colorata contribuiscono a rendere ogni soggiorno al Camping San Paolo un’esperienza indimenticabile.

Per coloro che sono interessati a socializzare e fare nuove conoscenze, la spiaggia è un luogo ideale per incontrare altri ragazzi gay, sia italiani che stranieri, in un contesto divertente e rilassato. Tuttavia, sebbene il campeggio offra molti divertimenti e opportunità di socializzazione, si trova in una zona piuttosto isolata. Di conseguenza, è consigliabile avere a disposizione un’auto per esplorare le città vicine e variare l’esperienza durante il soggiorno.

Per raggiungere la spiaggia del Camping San Paolo, si può seguire la segnaletica all’interno di Isola di Capo Rizzuto che conduce direttamente al campeggio. Una volta arrivati, basta chiedere indicazioni specifiche per la spiaggia all’interno del camping stesso.

Spiaggia gay di Nicotera Marina e Santa Domenica di Ricadi (VV)

Indicazioni Google Maps: spiaggia di Nicotera Marina

Indicazioni Google Maps: Santa Domenica di Ricadi

Sulle coste della Calabria, precisamente sulla Costa degli Dei, in provincia di Vibo Valentia, troviamo due spiagge di notevole bellezza e interesse per la comunità gay: la spiaggia di Nicotera Marina e quella di Santa Domenica di Ricadi. Entrambe le località offrono un ambiente accogliente e ricco di opportunità per il relax e il socializing.

Nicotera Marina è celebrata come la terza spiaggia più bella della Calabria. Questa zona, caratterizzata da sabbia finissima e mare cristallino, diventa particolarmente vivace dopo il Nicotera Beach Village, in direzione San Ferdinando. Qui, la comunità gay trova un ambiente favorevole per nudismo e cruising, specialmente nella pineta adiacente. La spiaggia è frequentata tutto l’anno, non solo d’estate, e rende il luogo un punto di ritrovo costante per la comunità locale e i turisti.

Per arrivare a Nicotera Marina, una volta a Nicotera, è necessario seguire le indicazioni per Nicotera Beach Village. Superato il villaggio turistico, si prosegue a piedi lungo una strada bloccata da una sbarra che impedisce il traffico veicolare. Dopo aver camminato circa 50 metri attraverso la pineta, si raggiunge la spiaggia.

Santa Domenica di Ricadi, situata vicino all’elegante Tropea e parte della costa di Capo Vaticano, offre un’atmosfera più tranquilla e rilassata. Nonostante non sia ufficialmente designata come area naturista o gay friendly, le zone per il naturismo sono facilmente individuabili lungo l’intera spiaggia.

Per accedere a Santa Domenica di Ricadi, si può prendere un sentiero che inizia dietro l’ex discoteca vicino alla stazione, o dalla scalinata che parte dal parcheggio con palme situato dopo i binari, provenendo dalla piazza del paese. Entrando in via stazione, non bisogna proseguire verso la stazione, ma passare sotto il ponte della ferrovia che conduce al parcheggio sulla destra.

Spiaggia gay e naturista di Stignano (RC)

Indicazioni Google Maps: spiaggia naturista di Stignano

La spiaggia di Stignano Mare, situata nel tratto di costa tra Caulonia Marina e Riace, si sta rapidamente affermando come una delle destinazioni più apprezzate dalla comunità gay e dai naturisti nella regione della Calabria. Questa spiaggia fa parte delle meraviglie della Costa degli Dei e offre un’atmosfera accogliente e inclusiva, dove le persone LGBTQIA+ possono esprimersi liberamente in un contesto di rispetto reciproco.

Recentemente, la spiaggia di Stignano è stata ufficializzata come area per il naturismo, grazie all’iniziativa dell’Associazione Naturisti Italiani (Anita) e al sostegno dell’amministrazione locale. Questa decisione sottolinea un impegno verso la crescita culturale e la promozione del turismo naturista, che si stima possa attrarre significativi flussi turistici e benefici economici per la regione.

Per raggiungere la spiaggia di Stignano Mare, è necessario dirigersi lungo la SS106 da Caulonia Marina, girare a sinistra all’incrocio per Stignano subito dopo aver attraversato la pineta. Proseguendo sulla strada che diventa sterrata, si arriva fino in fondo dove è possibile parcheggiare. La spiaggia si trova a sinistra, facilmente riconoscibile per la presenza di un barcone abbandonato.

L’inaugurazione della spiaggia come area naturista segna un punto di svolta per Stignano, che intende posizionarsi come un leader nella promozione del turismo naturista in Calabria. L’amministrazione comunale, insieme a Anita e al gruppo regionale Vitrù Calabria, ha anche stabilito regole precise di comportamento per garantire che la pratica della nudità avvenga nel pieno rispetto delle persone e dell’ambiente.

Spiaggia gay Intavolata a Cosenza (CS)

Indicazioni Google Maps

Marina di Guardia Piemontese, nota anche come Intavolata, si trova nella pittoresca regione della Calabria, precisamente tra Acquappesa e Marina di Fuscaldo, nella provincia di Cosenza. Questa spiaggia, popolare tra la comunità gay, offre un’atmosfera tranquilla e discreta, lontana dalle strutture turistiche convenzionali come lidi e bar, il che la rende un luogo ideale per coloro che cercano una giornata di relax al mare in un contesto più naturale e meno commerciale.

Per raggiungere Marina di Guardia Piemontese, il percorso è relativamente semplice. Dopo aver raggiunto il lungomare della zona, bisogna dirigere il veicolo verso sud. Lungo il lungomare ci sono vari punti dove è possibile parcheggiare. Dopo aver lasciato l’auto, l’accesso alla spiaggia avviene direttamente: una breve discesa conduce alla spiaggia libera.

Essendo una spiaggia non attrezzata, è consigliabile portare con sé tutto il necessario per la giornata, inclusi cibo, acqua e un ombrellone, per godersi il sole e il mare senza inconvenienti. Anche se il nudismo è ufficialmente vietato in questa zona, l’area è conosciuta per la sua tolleranza e per gli incontri discreti che possono avvenire tra gli scogli artificiali che punteggiano il litorale.

SPIAGGE GAY BASILICATA 2024

spiagge gay italia, spiagge gay in basilicata

Spiaggia gay di Metaponto (Bernalda – MT)

Indicazioni Google Maps

Nel tranquillo angolo di Terzo Cavone, vicino alla frazione Metaponto del comune di Bernalda in provincia di Matera, si cela una spiaggia che è diventata un punto di riferimento per la comunità gay.

La spiaggia di Metaponto a Terzo Cavone è apprezzata per la sua tranquillità durante il giorno, mentre la vicina pineta si anima, diventando un luogo ideale per fare cruising. Questa area verde offre ombra e riservatezza.

Per raggiungere questa incantevole spiaggia, chi preferisce il cammino può partire dal lungomare del lido di Metaponto e procedere verso sinistra, camminando lungo la costa fino a superare il fiume Bradano, che segna il confine tra Puglia e Basilicata. La passeggiata attraverso il bosco aggiunge un tocco di avventura al viaggio.

Per chi sceglie l’auto, è possibile prendere l’uscita per Terzo Cavone dalla strada statale Jonica 106, tra Marina di Pisticci e Sanzano Jonico Nord, e dirigere verso il mare. Dopo aver parcheggiato, una breve camminata di circa 500 metri lungo la costa condurrà direttamente alla spiaggia.

SPIAGGE GAY PUGLIA 2024

Due-Faraglioni-TidPress

In Puglia troviamo il più gran numero di spiagge gay, ben 13, situate principalmente nella zona del Salento. Andando a questo articolo di Gay.it potrai leggere tutto ciò che c’è da sapere sulle principali spiagge gay del Salento, che è attualmente la zona più gay di tutta Italia! Ma non tutte le spiagge gay sono state annoverate in quello speciale. Qui scoprirai altre spiagge gay della Puglia che non tutti conoscono. 

Spiaggia gay di San Cataldo (LE)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia di San Cataldo, situata a soli 15 chilometri da Lecce, è un’incantevole località balneare che attrae sia turisti che residenti locali. Con la sua storia che risale agli anni Venti e la sua posizione in un’insenatura che la protegge dai venti forti, questa spiaggia offre un’esperienza unica di balneazione nel caldo mare pugliese.

Per raggiungere la spiaggia gay-friendly di San Cataldo, l’itinerario è semplice e piacevole. Partendo da Lecce, si deve seguire la via del mare che conduce direttamente al faro di San Cataldo. Una volta arrivati al faro, si svolta a sinistra verso la darsena e le banchine, dove è possibile trovare parcheggio. Da qui, la spiaggia è facilmente accessibile a piedi, e per chi è interessato al naturismo o al cruising, la zona vicino alla base militare offre maggiore riservatezza e tranquillità, ideale per chi cerca un ambiente più discreto e isolato.

Durante i mesi di luglio e agosto, la spiaggia diventa un vero e proprio punto di ritrovo della comunità LGBTIQ+ locale. La vicinanza con altre note spiagge gay della regione, come Lido Di Pizzo e Punta della Suina vicino a Gallipoli, rende San Cataldo un eccellente punto di partenza per esplorare ulteriormente le bellezze e l’ospitalità della Puglia friendly.

Spiaggia friendly Baia dei Faraglioni (Mattinata – FG)

Indicazioni Google Maps

La Baia dei Faraglioni, situata sulla costa del Gargano tra Vieste e Mattinata, è un gioiello di natura e bellezza, rinomata non solo tra la comunità gay ma come una delle spiagge più spettacolari della Puglia. Questa baia, incastonata tra alte scogliere di roccia bianca, offre panorami mozzafiato e un’atmosfera di tranquillità e bellezza naturale.

Per raggiungere la Baia dei Faraglioni, ci sono diverse opzioni a seconda del tipo di esperienza che si desidera vivere. Per chi cerca un approccio diretto e desidera godere della vista delle scogliere e del mare senza intermediari, può optare per un tragitto in battello da Vieste o Mattinata. Questi tour permettono di esplorare non solo la Baia dei Faraglioni ma anche le numerose grotte marine lungo la costa, offrendo un’esperienza completa delle meraviglie naturali della zona.

Se si preferisce accedere alla baia via terra, è possibile raggiungere la Baia dei Faraglioni in auto, ma ci sono alcune considerazioni da tenere in mente, specialmente durante l’alta stagione. L’accesso principale alla baia è tramite la strada Litoranea che collega le città di Vieste, Manfredonia e Mattinata. Da Mattinata, la baia si trova a circa 16 km. È importante notare che, a causa della popolarità del luogo, il parcheggio può essere problematico e costoso, specialmente vicino al Baia dei Faraglioni Beach Resort, che domina la baia.

Un’alternativa più economica ma meno comoda consiste nel parcheggiare lungo una stradina sterrata di circa 2 km, situata vicino a un ponte sulla statale. Questa opzione richiede una camminata e, dato che i posti sono limitati e molti sono di proprietà dell’albergo, è fondamentale arrivare presto per assicurarsi un posto. Durante l’alta stagione, potrebbe anche essere necessario coordinarsi con il comune di Mattinata per questioni logistiche, come il ritiro dei pasti o il parcheggio.

Spiaggia gay Lido di Siponto (Manfredonia – FG)

Indicazioni Google Maps

Per raggiungere il Lido di Siponto, situato nei pressi di Manfredonia sulla costa del Gargano, il percorso è relativamente semplice e ben segnalato, rendendo la spiaggia facilmente accessibile sia per i locali che per i visitatori.

Se viaggi in autostrada, l’itinerario più comodo prevede di prendere l’uscita per Cerignola sulla A14, una delle principali arterie autostradali che attraversa l’Italia orientale. Da qui, dovrai dirigerti verso Manfredonia, seguendo le indicazioni chiare e frequenti per il Lido di Siponto. Questa parte del tragitto ti porterà attraverso il paesaggio tipico pugliese, fino a raggiungere la zona costiera.

Una volta a Manfredonia, il Lido di Siponto è situato lungo la costa, estendendosi dallo stabilimento dell’aeronautica fino al torrente Candelaro. La spiaggia è nota per la sua atmosfera tranquilla e riservata, offrendo ampie opportunità per il naturismo e il nudismo in un tratto dedicato e discreto del litorale. Qui, i nudisti possono godersi il sole e il mare in completa libertà, lontani da sguardi indiscreti.

Spiaggia gay e nudista “Alle Murgette” o Baia del Sospetto (Peschici – FG)

Indicazioni Google Maps

Per raggiungere la spiaggia alle Murgette, nota anche come Baia del Sospetto, è necessario partire dalla statale 89, situata nel suggestivo contesto del Gargano, tra Rodi e Peschici. Questa spiaggia si distingue per essere una delle rare località nella zona autorizzata ufficialmente per la pratica del naturismo e del nudismo.

La baia è accessibile principalmente attraverso due percorsi a piedi, entrambi caratteristici ma che richiedono una certa agilità a causa del terreno roccioso. Il primo accesso si può trovare partendo da Baia Calenella. Da qui, si procede superando le formazioni rocciose che separano questa baia da quella di San Menaio, un percorso che offre splendide viste sul mare cristallino e sulla rigogliosa vegetazione mediterranea.

Alternativamente, è possibile arrivare alla spiaggia alle Murgette partendo direttamente dalla spiaggia di San Menaio.

Spiagge gay Cala di Torre Incina e Pietregea  (Polignano a Mare – BA)

Indicazioni Google Maps: Cala Incine

Indicazioni Google Maps: Pietregea

Per scoprire due delle spiagge più affascinanti e riservate della Puglia, ideali per la comunità gay e gli amanti del naturismo, vi consigliamo di visitare Cala di Torre Incina e Pietra Igea. Entrambe offrono un ambiente tranquillo e un mare cristallino, perfetti per una giornata di relax e incontri interessanti.

Cala di Torre Incina, situata vicino alla suggestiva Polignano a Mare, è notoriamente più tranquilla e riservata rispetto ad altre spiagge della zona, rendendola ideale per chi cerca privacy. Per raggiungere Cala Incina da Bari, bisogna prendere la SS16 in direzione Brindisi e uscire all’ultima uscita per Polignano, quella di Polignano Sud zona artigianale. Superato lo svincolo, si procede sulla strada complanare sul lato mare verso Monopoli. Dopo circa 3 km, si nota un parcheggio vicino a una torre ben visibile dal mare. Da qui, si può iniziare una passeggiata lungo la scogliera in direzione di Polignano a Mare che porta direttamente alla spiaggia.

Pietra Igea a Cozze, tra Cozze e Polignano a Mare, è una spiaggia prevalentemente rocciosa con un mare azzurro e fondali bellissimi, molto apprezzata per gli incontri gay. Per arrivarci, seguite la SS16 tra Cozze e Polignano. È possibile parcheggiare accanto a un distributore di benzina e scendere verso la marina. La spiaggia si trova in una posizione che combina facilmente accessibilità e discrezione, ideale per chi desidera trascorrere del tempo in tranquillità e libertà.

Spiaggia gay di Punta Penna Grossa (Carovigno – BR)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia di Punta Penna Grossa a Carovigno, in provincia di Brindisi, è una destinazione suggestiva e apprezzata, particolarmente amata dalla comunità gay e dai naturisti. Questa area, notevole per la sua bellezza quasi caraibica, si distingue per la tranquillità e l’ampiezza anche nei periodi di alta stagione, come il mese di agosto.

Per raggiungere Punta Penna Grossa, le persone possono optare per diverse modalità di trasporto. Se si preferisce l’autobus, il numero 4 direzione mare è l’opzione ideale. Questo autobus porta direttamente al capolinea, che si trova accanto a una torre storica, punto di riferimento facilmente riconoscibile. Da qui, la spiaggia è facilmente accessibile a piedi.

Per chi viaggia in auto, la strada più comoda è prendere la statale 16 direzione Brindisi e uscire allo svincolo per Torre Guaceto, all’altezza di San Vito dei Normanni, seguendo le indicazioni per la località Pennagrossa. Dopo aver parcheggiato l’auto, il percorso prosegue a piedi. Entrando nella “Zona Umida Protetta” di Torre Guaceto, si segue il sentiero che passa accanto a un vecchio campeggio ora non più in uso. Proseguendo lungo questo percorso, si giunge direttamente alla spiaggia.

La zona non è solo apprezzata per la sua spiaggia, ma anche per la rigogliosa pineta circostante, che offre un ambiente ideale per il cruising e per incontri interessanti

Spiagge gay Commenda e D’Ayala (Campomarino di Maruggio – TA)

Indicazioni Google Maps

Le spiagge di Commenda e D’Ayala, note per essere dei punti di ritrovo prediletti dalla comunità LGBTIQ+ e dai naturisti, si trovano in un contesto di incredibile bellezza naturale, caratterizzate da dune e un’ampia fascia di sabbia fine. Queste spiagge si distinguono per la loro atmosfera riservata, grazie anche alla presenza di un grande parco naturale privato che limita l’accesso, rendendole un luogo ideale per chi cerca tranquillità e privacy.

Per raggiungere la spiaggia di Commenda e D’Ayala, ecco alcuni dettagli pratici:

In auto. Partendo da Maruggio, è possibile prendere la Via per Mare e seguire le indicazioni per Torre Ovo-Taranto fino a raggiungere la fine della Tenuta D’Ayala. Qui si trova l’accesso alla spiaggia. Alternativamente, da Taranto si può percorrere la SP122 Litoranea Salentina e, circa 1,5 km prima di Campomarino, si trova un ingresso poco dopo il cartello segnaletico per “COMMENDA”. È possibile parcheggiare nelle vicinanze dell’ingresso.

Con i mezzi pubblici. Da Taranto, si può utilizzare il servizio autobus CTP, linea 295, che ha una fermata a Commenda. Da qui, l’accesso alla spiaggia è relativamente semplice e diretto.

A piedi. Dall’ingresso della spiaggia, si segue una stradina che conduce direttamente al mare. Una volta arrivati sulla spiaggia, si procede verso sinistra, in direzione del molo visibile in lontananza. La zona frequentata da naturisti si estende per circa 300 metri, partendo dall’accesso pubblico alla spiaggia fino all’entrata privata della Tenuta D’Ayala.

Queste spiagge, inserite in un ambiente dunale protetto e facente parte del Sito di Importanza Comunitaria (SIC) Dune di Campomarino, offrono non solo un paesaggio naturale di rara bellezza, ma anche un’occasione di socializzazione e relax in un contesto di rispetto e discrezione. Nonostante la pratica del naturismo non sia ancora ufficialmente autorizzata, la richiesta di riconoscimento è in attesa di determinazione comunale, segno dell’interesse crescente per questa forma di turismo sostenibile e rispettoso della natura e delle libertà individuali.

SPIAGGE GAY IN SALENTO 2024

Spiaggia gay Makò Beach

Leggi il nostro speciale dedicato alle spiagge gay in Salento

SPIAGGE GAY MOLISE 2024

spiagge gay in italia, spiagge gay molise

Spiaggia gay di Marina di Petacciato (CB)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia di Marina di Petacciato, in provincia di Campobasso è particolarmente apprezzata dalla comunità gay. Questa zona balneare si distingue per le sue acque pulite e per la pineta adiacente, che non solo fornisce un’ombra rinfrescante durante le giornate estive ma diventa anche un punto di incontro per chi cerca privacy e tranquillità.

Raggiungere la spiaggia di Marina di Petacciato è relativamente semplice grazie alla sua posizione strategica lungo la S.S. 16 Adriatica, che collega le regioni di Abruzzo e Molise. Per chi proviene da sud, ad esempio da Termoli, è necessario percorrere la strada statale e, dopo l’incrocio di Montenero Petacciato, proseguire per circa un chilometro. Qui, sulla destra, si trova un ingresso che conduce attraverso la pineta fino a un’area di parcheggio. Dalla parte opposta, per chi arriva da nord, come da Vasto, subito dopo il distributore Agip si trova l’accesso alla spiaggia sul lato sinistro, a soli 50 metri.

La zona frequentata dalla comunità gay si trova all’interno della pineta, sulla parte sinistra guardando verso il mare.

La spiaggia di Marina di Petacciato è anche conosciuta per la sua vivace vita notturna, essendo una zona popolare per scambisti specialmente verso sera (è menzionata nella cartina dei “car parking sexy).

SPIAGGE GAY ABRUZZO 2024

Parco del Borsacchio.

Spiaggia di Torre Mucchia o Punta Ferruccio (CH)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia di Torre Mucchia, nota anche come Punta Ferruccio, è un piccolo angolo nascosto di paradiso situato nella provincia di Chieti, frequentato dalla comunità gay e da appassionati di naturismo sin dagli anni ’60.

Per raggiungere la spiaggia di Torre Mucchia o Punta Ferruccio in auto, l’itinerario più comodo prevede di prendere l’autostrada A14. Se si proviene dal sud, l’uscita consigliata è “Pescara sud – Francavilla al Mare”; se si arriva dal nord, l’uscita migliore è “Ortona”. Dopo l’uscita, è necessario dirigersi verso l’Hotel Mara situato nella località di Lido Riccio. Proseguendo verso sud lungo il promontorio che costeggia il mare, si passa una stazione di servizio e si arriva a un incrocio con segnale di STOP. Qui, si continua dritto fino a superare un piccolo tabaccaio sul lato destro, poi si prende la prima strada secondaria a sinistra. Questa via, inizialmente agevole, diventa progressivamente più dissestata man mano che ci si avvicina alla costa. Si consiglia di parcheggiare non appena possibile, prima che la strada diventi troppo impervia.

Nota bene: la spiaggia è parte della Riserva naturale dei Ripari di Giobbe e si estende fino a una scogliera accessibile a piedi, dove i naturisti si ritrovano spesso. È importante, tuttavia, essere cauti poiché sono stati segnalati atti di vandalismo alle auto parcheggiate lungo la strada che conduce al mare.

Purtroppo, non ci sono mezzi pubblici che arrivano direttamente alla spiaggia, quindi l’auto rimane il mezzo più pratico per raggiungerla.

Una volta arrivati, la tranquillità del luogo e la bellezza del paesaggio ripagheranno dello sforzo del viaggio. La scogliera offre piccoli spazi ciottolosi dove è possibile stendersi e godere del sole in un ambiente sereno e rispettoso. Durante l’alta stagione, la zona vede un incremento di visitatori, sia locali che internazionali, rendendo la spiaggia un punto di incontro vivace e colorato per la comunità gay e naturista.

Spiaggia gay Baia del Cecetto (Torino di Sangro – CH)

Indicazioni Google Maps

La Baia del Cecetto a Torino di Sangro, ubicata sulla suggestiva Costa dei Trabocchi in provincia di Chieti, si distingue per la sua bellezza naturale, con un’ampia distesa di ciottoli e un mare cristallino, reso ancora più affascinante dalla presenza di una foresta marittima che offre un angolo di privacy e frescura.

Per raggiungere la Baia del Cecetto, il percorso inizia a Torino di Sangro, proseguendo verso la località Lago Dragoni. Dalla strada statale 16 Adriatica, è necessario dirigere verso il ponte sul Fosso del Diavolo, dove è possibile trovare spazio per parcheggiare. Un sentiero ben delineato conduce sotto il ponte e attraversa un tratto di foresta lussureggiante, aprendosi infine sulla spiaggia, posizionata strategicamente tra il maestoso faraglione noto come Lo Scoglione e la spiaggia de Le Morge.

La zona è altamente frequentata da gay e bisex, e si presta benissimo anche per il cruising, grazie alla tranquillità e all’isolamento offerti dalla pineta circostante.

Sebbene la spiaggia sia composta principalmente da ciottoli, è consigliabile indossare scarpe adatte per una maggiore comodità. L’accesso al mare può essere impegnativo quando il mare è mosso, con rocce sott’acqua che richiedono attenzione. Tuttavia, l’esperienza di fare il bagno in un ambiente così riservato e naturale compensa ampiamente questi piccoli disagi.

Spiaggia gay Dune di Tollo (Ortona – CH)

Indicazioni Google Maps

Per raggiungere la spiaggia delle Dune di Tollo a Ortona, hai due opzioni principali. La prima opzione, più diretta ma non consentita ufficialmente, prevede di passare attraverso il territorio della ferrovia situato a sud della Stazione FS di Tollo, attraversando abusivamente le aperture nella recinzione del demanio ferroviario.

L’alternativa, più lunga ma conforme alle regole, consiste nel prendere il sottopasso ferroviario all’inizio del recinto della stazione di Tollo. Da lì, dovrai proseguire lungo la spiaggia tessile, spostandoti verso sud fino a raggiungere la zona nudista. Questo percorso è completamente legale e ti permette di goderti il tragitto attraverso la spiaggia non nudista, arrivando infine alla sezione naturista.

È importante sapere che, anche se la spiaggia è un luogo di grande bellezza naturalistica e apprezzata per la pratica del naturismo, può attirare l’attenzione di guardoni, quindi è buona norma restare discreti e rispettosi dell’ambiente e degli altri visitatori. Con queste precauzioni, la spiaggia delle Dune di Tollo offre un’esperienza unica per chi cerca un angolo di natura e tranquillità sul litorale abruzzese.

Spiagge gay Parco Borsacchio e Villa Fumosa (Teramo – TE)

Indicazioni Google Maps: Cologna – Parco Borsacchio

Indicazioni Google Maps: Villa Fumosa

Tra le destinazioni gay-friendly sulla costa abruzzese, il Parco del Borsacchio e la spiaggia di Villa Fumosa offrono esperienze uniche di immersione nella natura e nella cultura del naturismo.

Parco del Borsacchio si trova in una posizione idilliaca tra Roseto degli Abruzzi e Giulianova, incastonato nella riserva naturale omonima. Questo tratto di costa conserva la sua bellezza naturale incontaminata, con ampie aree di macchia mediterranea che sfociano direttamente nel Mar Adriatico. La spiaggia di Cologna, situata all’interno del parco, è particolarmente popolare tra la comunità gay. Accessibile solamente a piedi, questo luogo riservato è ideale per chi cerca discrezione e tranquillità. Arrivando alla spiaggia di Cologna, si apre una zona frequentata da gay, scambisti e naturisti che si estende per circa tre chilometri verso Roseto degli Abruzzi. Per raggiungere questa area, è necessario dirigere verso il sud dalla spiaggia di Cologna, proseguendo lungo la costa.

Villa Fumosa, situata a Scerne di Pineto, è riconosciuta per essere una delle poche spiagge in Abruzzo dove il naturismo è ufficialmente permesso. Questa spiaggia, prevalentemente ghiaiosa, attira un pubblico giovane e prevalentemente gay, che apprezza la sua atmosfera isolata e priva di strutture. Per arrivare a Villa Fumosa da nord, si prende l’autostrada A14 fino all’uscita per Pineto, poi si continua per circa 3 km in direzione nord. Dopo aver superato Silvi Marina e Pineto, a Scerne di Pineto, di fronte al Mercatone1, si attraversa il sottopasso ferroviario e si segue la strada verso il mare per circa 300 metri prima di parcheggiare. Da sud, invece, si procede sulla S.S. Adriatica direzione nord da Pescara, superando Roseto fino a giungere a Scerne di Pineto.

SPIAGGE GAY NELLE MARCHE 2024

portonovo

Continuando il nostro viaggio nella penisola italiana tra le 100 spiagge gay d’Italia arriviamo ora nelle Marche, dove vi sono altre spiagge gay frequentate di giorno e di notte! Eccole.

Spiaggia gay Portonovo Oltre la Vela (AN)

Indicazioni Google Maps

Nella suggestiva cornice del Monte Conero, vicino Ancona, si trova la spiaggia di Portonovo Oltre la Vela, un piccolo gioiello dell’Adriatico particolarmente apprezzato dalla comunità gay e dagli amanti del naturismo. Questa caletta, conosciuta per le sue acque cristalline e le insenature rocciose, offre un ambiente intimo e riservato, ideale per chi cerca tranquillità e privacy.

Per raggiungere questa spiaggia, la partenza ideale è dalla località di Portonovo. Una volta arrivati in questa zona, si può parcheggiare vicino alla spiaggia frequentata dai surfisti e da lì dirigere verso sud. Il percorso inizia con un breve sentiero sabbioso che ben presto cede il passo a un terreno più roccioso.

La vera avventura inizia quando si incontra lo Scoglio della Vela. Per superare questo scoglio, che rappresenta il punto più impegnativo del tragitto, è necessario fare una piccola scalata. Fortunatamente, ci sono delle corde fisse installate per aiutare in questo passaggio, ma è essenziale indossare scarpe adeguate e avere le mani libere, per cui uno zaino è decisamente consigliabile per portare con sé tutto il necessario senza ingombri.

Dopo aver superato lo scoglio, si apre davanti ai visitatori la spiaggia de La Vela, un luogo tranquillo dove fermarsi e godersi il sole e il mare. Per chi desidera esplorare ulteriormente, è possibile proseguire il cammino fino alla spiaggia dei Gabbiani o trovare un angolo tranquillo lungo il percorso.

La spiaggia di Portonovo Oltre la Vela non è solo un luogo di straordinaria bellezza naturale, ma anche un punto di incontro per la comunità gay che cerca un’atmosfera accogliente e libera. È il luogo ideale per chi vuole godersi il mare lontano dalle folle, immerso in un ambiente di serena bellezza.

Spiaggia gay dei Sassi Neri (AN)

Indicazioni Google Maps

Questa spiaggia, una delle più affascinanti d’Italia, si trova all’interno di un contesto paesaggistico mozzafiato con il mare blu e il Monte Conero che fa da sfondo.

Raggiungere la spiaggia dei Sassi Neri comporta un piccolo viaggio avventuroso che aggiunge al fascino del luogo. Se arrivate dall’autostrada A14, dovete prendere l’uscita per Ancona Sud e seguire le indicazioni per Numana e Sirolo. Una volta a Sirolo, la spiaggia può essere raggiunta tramite un autobus locale (l’unico che c’è) o decidendo per un approccio più attivo, attraverso un sentiero ripido che parte dalla città. Questo sentiero, immerso nel verde del parco, offre una discesa di circa 30 minuti durante la quale potrete godere del profumo della resina e di scorci panoramici sul mare.

La spiaggia stessa è un tratto di ghiaia circondato da una natura rigogliosa, e il percorso per arrivarci è ombreggiato dagli alberi, rendendo la camminata piacevolmente fresca anche nei mesi più caldi. È consigliabile indossare calzature adeguate per la discesa, poiché il sentiero può essere scivoloso e impegnativo.

Per coloro che cercano un’esperienza ancora più avventurosa, è possibile raggiungere la spiaggia dei Sassi Neri anche via mare, in kayak o SUP, partendo dalla vicina spiaggia di San Michele. Questo viaggio offre una prospettiva unica sulle caratteristiche “sassi neri”, scogli sommersi che danno il nome alla spiaggia e che si possono ammirare in trasparenza nelle acque cristalline.

La spiaggia dei Sassi Neri era una volta una destinazione popolare per i nudisti, sebbene oggi siano meno frequenti, rimane un luogo affascinante e tranquillo, perfetto per coloro che cercano di sfuggire alla folla e godersi un pezzo di natura incontaminata. La difficoltà di accesso mantiene questa spiaggia relativamente tranquilla rispetto ad altre nelle vicinanze, consentendo ai di assaporare appieno la bellezza e la tranquillità del luogo una volta arrivati.

Spiaggia gay Foce Cesano (AN)

Indicazioni Google Maps

Foce Cesano, situata vicino a Senigallia nella regione delle Marche, offre una tranquilla spiaggia di ghiaia chiara che è diventata un punto di riferimento per la comunità gay e i naturisti. Questa località, nonostante la sua vicinanza a strade e residenze, mantiene una certa riservatezza che la rende ideale per chi cerca tranquillità senza rinunciare alla facilità di accesso.

Per raggiungere la spiaggia di Foce Cesano in auto, le persone provenienti da nord possono uscire dall’A14 a Marotta-Mondolfo e seguire la SP 424 in direzione del mare. Al semaforo, è necessario prendere la litoranea SS16 direzione sud. Dopo aver attraversato il ponte sul Cesano, una rotonda segnala il momento di parcheggiare, con opzioni disponibili presso il condominio ‘Le Piramidi’ o il vicino centro commerciale Il Maestrale. Da sud, invece, l’uscita consigliata è quella di Senigallia sull’A14, proseguendo sulla litoranea SS16 in direzione nord fino a raggiungere la stessa rotonda.

Una volta parcheggiato, l’accesso alla spiaggia si effettua attraversando uno dei camminamenti che superano la linea ferroviaria. La zona frequentata dai naturisti si trova a nord, limitata dal fiume Cesano, e a sud dalla zona di fronte al condominio ‘Le Piramidi‘.

È importante notare che, nonostante nel 2012 sia stata fatta una richiesta formale per destinare l’area esclusivamente al naturismo, il comune ha risposto negativamente. Tuttavia, non sono stati emessi divieti specifici contro il naturismo, quindi le persone sono incoraggiate a comportarsi in modo rispettoso e integrato con gli altri utenti della spiaggia.

Spiaggia gay del Babaloo (Porto Potenza Picena – MC)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia Babaloo, situata a Porto Potenza Picena nella provincia di Macerata, offre un’ampia distesa di sabbia libera che attrae numerosi visitatori, inclusa la comunità gay, soprattutto nei mesi estivi di luglio e agosto. Il nome della spiaggia deriva dall’ex discoteca Babaloo, un tempo punto di riferimento della vita notturna locale e ora un punto di orientamento per raggiungere la spiaggia stessa.

Per chi desidera raggiungere la spiaggia Babaloo, il percorso è relativamente semplice. La spiaggia si trova lungo la Strada Statale 16, che collega Porto Recanati a Porto Potenza Picena. Partendo da Porto Recanati, la spiaggia è a circa 6 km, mentre da Macerata dista circa 25 km.

Una volta arrivati nella zona, è possibile parcheggiare l’auto nel parcheggio dell’ex discoteca Babaloo. Di fronte al parcheggio si trova un piccolo sottopassaggio ferroviario che consente di attraversare in sicurezza i binari del treno. Superato il sottopassaggio, bastano pochi passi per ritrovarsi direttamente sulla spiaggia.

Nonostante la spiaggia Babaloo sia un luogo di incontro per amanti del naturismo, è bene ricordare che non è una spiaggia ufficialmente autorizzata per il naturismo. Pertanto, coloro che scelgono di praticare il naturismo dovrebbero farlo con discrezione, tenendo conto della presenza di autorità e di altri bagnanti che potrebbero non essere abituati a tale pratica.

Spiaggia gay Kendwa Beach (Fano – PU)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia di Kendwa, situata nelle Marche tra Pesaro e Fano, è un luogo apprezzato dalla comunità gay per la sua bellezza naturale e l’atmosfera riservata. Per raggiungere questa spiaggia non molto distante da Ancona, ci sono alcuni passaggi da seguire per godere al meglio di questa zona caratterizzata da scogli e cespugli, che offre anche discrete opportunità per momenti di privacy.

Per arrivare a Kendwa Beach, la via più semplice è partire dalla strada statale che collega Pesaro a Fano. La spiaggia si trova precisamente dietro allo stabilimento balneare che porta il suo stesso nome, “Kendwa“. Una volta in prossimità dello stabilimento, è possibile parcheggiare il proprio veicolo e proseguire a piedi. Il sentiero che porta alla spiaggia è abbastanza diretto e si snoda tra tipica vegetazione costiera, offrendo un’atmosfera tranquilla e immersa nella natura.

Nonostante la sua vicinanza a centri urbani come Pesaro e Fano, Kendwa mantiene un certo grado di isolamento che la rende ideale per coloro che cercano un luogo tranquillo e riservato per godere del mare senza troppa affollamento. Il facile accesso e la vicinanza a servizi come lo stabilimento balneare rendono questa spiaggia un’ottima scelta per una giornata di relax e incontri in un contesto rispettoso e accogliente.

Spiaggia gay Ponte Nina (Campofilone – FM)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia di Ponte Nina nel comune di Campofilone in provincia di Fermo, e situata strategicamente tra Cupra Marittima e Pedaso lungo la splendida costa adriatica delle Marche, è un rifugio apprezzato sia dalla comunità gay sia dai naturisti. Questo tratto di litorale offre un’opportunità per praticare il nudismo in modo discreto, ideale per coloro che cercano tranquillità e riservatezza.

Sebbene le Marche non dispongano di spiagge ufficialmente dedicate al naturismo, Ponte Nina si è affermata come una località informale per gli amanti di questa pratica. La vicinanza dello Chalet Nina, il ristorante che dà il nome alla spiaggia, aggiunge un ulteriore livello di comodità, permettendo agli ospiti di godere di servizi di ristorazione a pochi passi dalla sabbia.

Per raggiungere la spiaggia di Ponte Nina, i visitatori possono seguire un percorso semplice e diretto. Lungo la SS 16, tra Cupra Marittima e Pedaso, bisogna svoltare verso il mare all’altezza del ristorante “Il Contadino”. Questo punto di riferimento è situato tra il distributore IP a nord e il Campeggio Led Zeppelin a sud. Proseguendo oltre il sottopasso in direzione nord, si arriva alla spiaggia libera. Questa area è facilmente riconoscibile per la presenza di un depuratore e un palmeto, segnali distintivi che indicano l’accesso alla zona desiderata.

La spiaggia di Ponte Nina non solo attira membri della comunità locale, ma anche numerosi turisti gay, rendendola un punto di incontro per chi desidera socializzare in un ambiente aperto e accogliente. Questa località si è quindi consolidata come una delle spiagge più ricercate della regione per chi cerca un’esperienza balneare riservata e piacevole, lontano dagli sguardi indiscreti.

SPIAGGE GAY IN EMILIA ROMAGNA 2024

spiagge gay in italia, spiagge gay in emilia romagna

Le spiagge gay in Emilia Romagna sono 5 e tre di esse sono molto conosciute: il Lido di Classe e Spiaggia Bassona, il Lido di Dante e Colonia Bolognese. Conosciamole qui di seguito. 

Spiaggia della Bassona tra lido di Dante e lido di Classe (RA)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia della Bassona, situata tra Lido di Dante e Lido di Classe, è un gioiello nascosto nei pressi di Ravenna, molto apprezzato sia dalla comunità gay che dagli amanti del naturismo. Questa zona offre un’atmosfera tranquilla e rispettosa, ideale per chi cerca una giornata di relax lontano dalla frenesia delle spiagge più commerciali.

Per arrivare a questa spiaggia, il percorso inizia dalla città di Ravenna, seguendo le indicazioni per i lidi sud fino a raggiungere Lido di Dante. Una volta lì, si può lasciare l’auto nei parcheggi disponibili e proseguire a piedi. Il tragitto continua lungo la costa, dove si passa accanto a vari stabilimenti balneari fino a quando non si raggiunge la zona più tranquilla e riservata della Bassona.

La spiaggia è ben segnalata da cartelli che indicano le diverse zone: la prima parte, per nudisti, è segnalata chiaramente; procedendo oltre, si raggiunge la sezione dedicata prevalentemente a un pubblico gay, dove il naturismo è comune e socializzare è parte dell’esperienza.

Il contesto naturale di questa spiaggia è arricchito dalla presenza di una lussureggiante pineta e morbide dune di sabbia. La vicinanza alla Riserva Naturale della Foce del Bevano aggiunge ulteriore valore, offrendo la possibilità di osservare la fauna locale e di fare lunghe passeggiate in un ambiente protetto e sereno.

Raggiungere la spiaggia della Bassona è un’esperienza piacevole in sé, con la camminata lungo la spiaggia che offre spettacolari viste sul mare e la possibilità di immergersi completamente nella bellezza naturale della Riviera Romagnola.

L’accesso a questa spiaggia è regolato da un’ordinanza specifica del Comune di Ravenna, che ne garantisce un uso rispettoso e consapevole..

Spiaggia gay Colonia Bolognese (Riccione – RN)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia di Colonia Bolognese, situata strategicamente tra Rimini e Riccione, è diventata una delle destinazioni più famose e frequentate dalla comunità gay in Emilia-Romagna. Questo litorale, un tempo abbandonato, ora si presenta come un vivace punto di incontro che attrae non solo la comunità locale ma anche turisti da varie parti.

Per raggiungere la spiaggia di Colonia Bolognese, è necessario dirigersi verso il tratto di lungomare che connette Riccione a Miramare, passando per Rimini. La spiaggia si trova esattamente dietro una colonia abbandonata, posizionata tra il bar Solymar e il bar Oasi. Questo tratto di costa offre una grande spiaggia libera, che si distingue per la sua facilità di accesso e per l’ampio spazio disponibile, rendendola perfetta per chi cerca un luogo discreto ma aperto e inclusivo.

La collocazione di questa spiaggia, nei pressi della foce del fiume Marano, non solo contribuisce alla sua bellezza naturale ma offre anche una tranquillità maggiore rispetto alle più movimentate spiagge del Lungomare Libertà a Rimini.

Spiaggia gay Community 27 | spiaggia attrezzata – no nudismo (RN)

Indicazioni Google Maps

La Community 27 a Rimini è molto più di un semplice stabilimento balneare: è un luogo d’incontro celebrato per il suo impegno nei confronti della comunità LGBTIQ+ e dei valori umani che le bandiere Rainbow, all’ingresso, simboleggiano. Questa spiaggia si trova nel cuore della scena balneare della città, all’altezza del bagno 27, e rappresenta un punto di riferimento per chi cerca un’atmosfera accogliente e rispettosa.

Raggiungere la Community 27 è semplice. Si trova a soli 250 metri dal Parco del Mare di Rimini, una breve distanza dal centro della città e circa 12 km da Riccione, rendendo facilmente accessibile sia per i locali sia per i turisti.

Oltre a offrire un ambiente accogliente per la comunità gay, la Community 27 è attrezzata con una serie di servizi pensati per migliorare l’esperienza di tutte le persone. Tra questi, si distingue una libreria dove è possibile prendere in prestito libri da leggere comodamente sotto l’ombrellone, creando un angolo di relax e cultura sulla spiaggia. Inoltre, l’area è dotata di camerini e servizi igienici accessibili, inclusi nel progetto “spiaggia libera tutti”, che mira a garantire la fruibilità del mare per persone con diverse abilità.

Per chi desidera godersi un pasto senza allontanarsi dalla spiaggia, il servizio di food delivery permette di ordinare direttamente dall’ombrellone, offrendo la possibilità di gustare piatti locali con i piedi sulla sabbia, arricchendo così l’esperienza balneare con il sapore autentico dell’Emilia-Romagna.

Altre spiagge gay in Emilia Romagna

La spiaggia gay di Lido di Spina, in provincia di Ferrara, è proprio coincidente allo spazio della Riserva di Bellocchio, dopo l’ultimo bagno, ‘Piramidi’. Paesaggio selvaggio, suggestivo e davvero tranquillo. Segnaliamo anche la spiaggia gay di Zona Le Navi, alla foce del fiume Conca, a Cattolica.

SPIAGGE GAY IN VENETO 2024

bagni-sabbia-e-sale-chioggia-spiagge-sottomarina-005

Salendo verso il Veneto, troviamo spiagge gay ideali per incontri gay e fughe d’amore notturne!

Spiagge gay Sabbia e Sale / Alberoni (VE)

Indicazioni Google Maps: Sabbia e Sale

Indicazioni Google Maps: Alberoni 

Nella magica cornice di Venezia e dei suoi dintorni, due spiagge emergono come destinazioni ideali per la comunità gay: la spiaggia degli Alberoni al Lido di Venezia e la spiaggia di Sabbia e Sale a Chioggia.

Spiaggia degli Alberoni – Situata al Lido di Venezia, le sue dune di sabbia offrono un rifugio silenzioso, perfetto per chi cerca tranquillità ma anche per momenti di incontro. La spiaggia ha guadagnato una notorietà letteraria e cinematografica grazie a Luchino Visconti, che qui ha ambientato scene del suo film “Morte a Venezia”. Per raggiungere gli Alberoni, si può prendere l’autobus linea B dalla fermata del battello al Lido di Venezia fino al capolinea. Gli autobus possono variare il percorso verso il faro, quindi è importante chiedere conferma all’autista. Una volta scesi, si attraversa una pineta e si segue il sentiero verso il mare. La zona gay friendly e naturista si trova a destra dell’ingresso principale, nelle vicinanze della pista militare.

Spiaggia Sabbia e Sale (attrezzata)– Questa spiaggia si trova a Isola Verde di Chioggia ed è particolarmente popolare tra persone gay. Qui, il relax si fonde con l’opportunità di socializzare in un ambiente esclusivo e ben curato. Le suite sulla spiaggia, elevate rispetto alla sabbia, offrono privacy e comfort con lettini extra large, tetto apribile o chiuso a seconda delle esigenze, e servizi diretti come il bar. Per arrivare a Sabbia e Sale, si può seguire la segnaletica locale a Isola Verde di Chioggia, facilmente accessibile grazie alla disponibilità di parcheggio. La spiaggia è attrezzata con ogni comfort, inclusi ristorante, bar, campi sportivi e accesso a Internet.

Spiaggia gay Punta Meringa (San Vigilio – VR)

Indicazioni Google Maps

Punta Meringa, situata in una posizione incantevole sul Lago di Garda tra Baia delle Sirene e Lido Brancolino, è una delle spiagge predilette dalla comunità gay nella regione del Veneto, particolarmente nella provincia di Verona. Questa spiaggia offre un ambiente accogliente e rilassante dove è possibile praticare il naturismo in totale libertà, circondati da un paesaggio naturale mozzafiato.

Arrivare a Punta Meringa è relativamente semplice, grazie alla sua accessibilità dalle principali autostrade della regione. Da Milano o Venezia, prendere l’autostrada A4 in direzione Venezia e uscire a Peschiera del Garda se provenite da Milano, o proseguire sull’A22 in direzione Brennero se provenite da Venezia, uscendo ad Affi. Da Affi, seguire le indicazioni per Caprino Veronese, che ti condurranno direttamente verso il Lago di Garda e quindi alla spiaggia di Punta Meringa.

Spiagge gay del Fiume Brenta (Fontaniva – PD; Ponte della Priula – TV)

Indicazioni Google Maps: Ponte della Priula

Indicazioni Google Maps: Fontaniva

Nelle tranquille acque fluviali del Veneto, le spiagge lungo il Fiume Brenta a Fontaniva e il Piave a Ponte della Priula offrono un’atmosfera unica per la comunità gay, con possibilità di nudismo e incontri in un contesto di naturale bellezza.

Ponte della Priula, situata vicino a Treviso nel comune di Susegana, è una destinazione preferita per chi cerca tranquillità e un ambiente accogliente. L’area, immersa nella pianura alla sinistra del Piave, è facilmente accessibile seguendo le indicazioni locali che partono dai centri abitati vicini come Conegliano e Treviso. Dopo aver lasciato la strada principale, il percorso verso la spiaggia segue un viottolo che si estende fino alla riva del fiume, passando vicino a locali e aree ricreative. Questa spiaggia si anima particolarmente durante l’estate, attirando diverse persone.

Fontaniva, più a sud, presso Padova, è nota per la sua posizione più isolata e tranquilla lungo il Brenta. Per raggiungerla, si parte dal centro di Fontaniva in direzione Vicenza, girando a sinistra poco prima del ponte sul fiume, vicino ad alcuni stabilimenti industriali. Un parcheggio segnala l’inizio del percorso naturale che conduce alla spiaggia, attraversando il parco Fontanivetta. Il sentiero si snoda lungo il fiume e, dopo circa un chilometro, un percorso secondario conduce direttamente alla zona di spiaggia, dove nudismo e cruising sono praticati liberamente da chi cerca un’esperienza più riservata e intima.

Spiaggia gay Porto Caleri di Rosolina Mare (RO)

Indicazioni Google Maps

In questa spiaggia, tra le più gay friendly del Veneto, ci si arriva in macchina e si parcheggia lungo la strada (SOLO lato destro).

C’è la pineta, ma in spiaggia serve l’ombrellone. Si tratta di un’oasi naturalistica, quindi piena di tronchi e nessun servizio. Si può praticare  naturismo, ma attenzione alle incursioni dei vigili, che possono dare multe. Da visitare vista l’alta frequenza di persone LGBTQ+.

SPIAGGE GAY IN FRIULI VENEZIA GIULIA 2024

spiagge gay in italia, spiagge gay friuli venezia giulia

Ed eccoci arrivati nel lato più est italiano, nel Friuli Venezia Giulia, che ci offre 3 spiagge gay tra cui la famosa Costa dei Barbari.

Spiaggia gay Costa dei Barbari (Sistiana Mare – GO)

Indicazioni Google Maps

La Costa dei Barbari, situata vicino a Sistiana Mare nella regione di Trieste, è una delle spiagge gay più affascinanti e meno affollate dell’Alto Adriatico. Conosciuta per la sua atmosfera tranquilla e il suo ambiente prevalentemente naturista, questa spiaggia offre un’esperienza unica grazie alla sua splendida ghiaia e ciottoli, nonché alla limpida acqua del mare che invita a nuotare e rilassarsi.

Raggiungere la Costa dei Barbari richiede un po’ di impegno, ma il viaggio è ben ripagato dalla bellezza e dalla tranquillità del luogo. Per arrivare qui in auto, si deve prendere l’autostrada Ve – TS in direzione Trieste, uscire a Sistiana e seguire le indicazioni per Sistiana Mare. Una volta arrivati, ci sono due modi principali per accedere alla spiaggia:

  1. Parcheggiare a Sistiana Mare: da qui, è possibile camminare lungo la costa in direzione di Trieste per circa 20-25 minuti. Questo percorso offre splendide viste sul mare e diventa progressivamente più popolato da visitatori gay man mano che ci si avvicina alla Costa dei Barbari.
  2. Parcheggiare lungo la statale costiera: è possibile parcheggiare (con attenzione a non infrangere le regole di sosta) e prendere un sentiero ripido che scende direttamente verso il mare, in corrispondenza della torre dell’acqua. Questo accesso richiede una risalita piuttosto faticosa al ritorno.

Un’altra opzione è quella di seguire il sentiero costiero che parte subito dopo il ristorante Castelreggio e costeggia una grande cava attiva, proseguendo fino a raggiungere un vecchio cancello di ferro che segna l’inizio della Costa dei Barbari.

La sua storia come area naturista conferma la spiaggia come uno spazio di libertà e di rispetto della comunità, facendone una meta imperdibile per chi visita la regione di Trieste.

Spiaggia gay “I filtri” – Liburnia Aurisina (TS)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia naturista “I Filtri” di Liburnia, vicino a Trieste, è una destinazione popolare per chi pratica il naturismo e apprezza un ambiente gay-friendly. Questa zona è facilmente accessibile sia in auto che con i mezzi pubblici.

In auto. Partendo da Trieste, procedere lungo la strada costiera SS14. Dopo la galleria di Grignano, svoltare a sinistra in via Piccard. Seguire le indicazioni per il Laboratorio di Biologia Marina fino a raggiungere la spiaggia dei Filtri.

Con i mezzi pubblici. Prendere il bus 44 da Piazza Oberdan fino a San Giovanni del Timavo, scendendo alla fermata Santa Croce. Alternativamente, si può utilizzare la linea APT 51 che collega Trieste con Monfalcone e l’aeroporto di Udine.

A Piedi. Dall’estremità di via Piccard, scendere una scalinata fino a una piccola spiaggia di ciottoli chiamata Aurisina. Da qui, proseguire verso nord-ovest, superando un piccolo porticciolo. Dopo circa 100 metri di scogliera, si raggiunge un’insenatura segnalata da una scritta “Zona Naturista FKK” in vernice rossa.

Questa spiaggia offre un ambiente tranquillo e rispettoso, ideale per chi cerca di godere della natura e della libertà del naturismo. Nonostante la mancanza di servizi commerciali, la località è ben presidiata dall’Associazione Naturista Liburnia, che garantisce il rispetto delle norme del naturismo.

Spiaggia gay sul fiume Tagliamento (Codroipo – UD)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia naturista del Tagliamento a Codroipo (Udine) è un luogo ideale per chi cerca tranquillità e rispetto reciproco in un ambiente naturale.

Arrivare alla spiaggia naturista lungo il fiume Tagliamento a Codroipo è un percorso semplice che parte da Udine. Ecco i passaggi per raggiungere questa tranquilla oasi:

  1. Direzioni da Udine. Dirigiti verso Pordenone fino a raggiungere Codroipo.
  2. Prima del ponte. Una volta a Codroipo, troverai un grande bivio prima del ponte. Qui, devi svoltare a destra in direzione San Daniele.
  3. Dopo il bivio. Prosegui per circa 1 Km, poi gira a sinistra su una piccola strada asfaltata che conduce verso una cava di ghiaia.
  4. Superata la cava. Dopo aver superato la cava, continua a sinistra lungo una strada sterrata che segue il corso del fiume.
  5. Altro accesso via Statale 13. Un’altra opzione è prendere la statale 13, Codroipo Casarsa, fino al ponte vicino al bar Paradiso. Da qui, svoltare a destra in una stradina che segue direttamente lungo il Tagliamento.

Entrambi i percorsi ti condurranno in una vasta area lungo il fiume, spesso in secca, dove è possibile prendere il sole e godersi la natura in piena libertà e rispetto. La facilità di accesso e la tranquillità del luogo lo rendono un punto di ritrovo ideale per chi pratica il naturismo e per la comunità LGBTIQ+, garantendo un’esperienza piacevole e riservata.

SPIAGGE GAY PIEMONTE 2024

spiagge gay in italia, spiagge gay piemonte

Spiaggia gay Ghiffa (Oggebbio – VB)

Indicazioni Google Maps

Se sei in Piemonte e state cercando una spiaggia gay sul Lago Maggiore, ne troverai una anche qui! Si tratta della spiaggia di Ghiffa, tra l’omonimo paese ed Oggebbio, in provincia di Verbania, spiaggia privata molto gay friendly.

SPIAGGE GAY IN LOMBARDIA 2024

Rocca di Manerba.

A completare la nostra lista ecco le ultime 3 spiagge gay, quelle della Lombardia, due sul Lago Maggiore ed una sul fiume Ticino.

Spiaggia gay-friendly Porto D’Adda (Monza e Brianza – MB)

Indicazioni Google Maps

In zona Monza Brianza, la spiaggia gay-friendly di Porto D’Adda.

La spiaggia, dalla meravigliosa vista, è un po’ ghiaiosa, quindi ti consigliamo di portare un materassino da stendere sotto il tuo asciugamano per rilassarti meglio e non doverti preoccupare delle pietre.

Spiaggia naturista gay Ponte della Becca (I Sabbioni – PV)

Indicazioni Google Maps

In provincia di Pavia troverai la spiaggia gay-friendly Ponte della Becca, in località I Sabbioni.

La spiaggia è vastissima e molto frequentata, quindi bisogna percorrerla e cercare i posti più nascosti lontani da caos e famiglie per trovare gli spazi adatti.

Consigliamo di spingersi  verso le zone più alberate.

Spiaggia gay-friendly Lago di Gaiano (Endine Gaiano – BG)

Indicazioni Google Maps

Per accedere alla zona naturista, si deve raggiungere la ditta “Fratelli Cantamessa Marmi Spa” a Endine Gaiano. Qui, è possibile parcheggiare e trovare di fronte un piccolo sentiero. Questo percorso è l’ingresso discreto alla zona dedicata al naturismo, che, pur essendo di dimensioni ridotte e non sempre affollata, offre un angolo riservato e pacifico per chi cerca tranquillità.

È importante notare che il lago non è balneabile a causa del fondo fangoso e della ricca vegetazione acquatica che caratterizza queste acque, il che può essere un dettaglio rilevante per i visitatori che desiderano nuotare. Tuttavia, la vera attrazione qui è l’opportunità di godere di un ambiente naturale per il riposo e il relax all’aria aperta, lontano dalle spiagge più tradizionali e affollate.

Spiaggia gay La Rocca di Manerba (BS)

Indicazioni Google Maps

La Rocca di Manerba, sul Lago di Garda in provincia di Brescia, è stupenda, con acqua cristallina e numerose occasioni di fare interessanti incontri gay e naturisti. La spiaggia gay della Rocca di Manerba è divisa in differenti zone ma è quella centrale la più frequentata, e si trova alla base del sentiero di accesso. E’ formata da lisce placche rocciose (sulla destra, guardando il lago) e da una larga spiaggia fatta a ciottoli (sulla sinistra).

Spiaggia gay delle Fornaci (Ispra – VA)

Indicazioni Google Maps

La Spiaggia delle Fornaci/ ex Discoteca Diva a Ispra, provincia di Varese, è una piccola spiaggetta di sassi, riservata e dall’acqua pulitissima e molto frequentata.

Spiaggia gay di Vizzola (VA)

Indicazioni Google Maps

Sul Ticino, invece, c’è la spiaggia gay di Vizzola, sempre in provincia di Varese, spiaggetta tranquilla e riservata, raggiungibile solo a piedi, con tanto di boschetto adiacente alla spiaggia per fare incontri gay interessanti.

SPIAGGE GAY IN SICILIA

speciale-spiagge-gay-italia-2023

Tutte le straordinarie spiagge gay che la Sicilia ha da offrire. Ogni luogo è unico nel suo genere e promette momenti di relax, bellezza naturale e possibilità di fare incontri interessanti per la comunità LGBTQ+

Spiaggia naturista e gay Marianelli (Noto – SR)

Indicazioni Google Maps

Marianelli è una spiaggia meravigliosa situata a Noto, Siracusa, nella Riserva Naturale di Vendicari. È un paradiso selvaggio e incontaminato, circondato da dune e una flora unica. La spiaggia offre sabbia fine, acque limpide e un fondale basso, perfetto per prendere il sole e rilassarsi. È conosciuta come “La Spiaggia do’ Iancu” ed è stata eletta spiaggia ideale” dalla comunità LGBTQIA+.

Spiaggia gay Le Capannine (Catania – CT)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia gay Le Capannine è un vero punto di riferimento per la comunità LGBTQ+ di Catania. Situata nel litorale sabbioso di playa di Catania, questa spiaggia non solo offre acque cristalline e sabbia dorata, ma è anche il luogo ideale per partecipare a serate ed eventi durante la stagione estiva.

Spiaggia gay di Oasi del Simeto (Catania – CT)

Indicazioni Google Maps

Un angolo di paradiso per chi desidera praticare nudismo, l’Oasi del Simeto è una spiaggia gay e nudista poco distante da Catania. Questa spiaggia selvaggia, situata a sud della foce del fiume, offre una spiaggia dorata incantevole ed è un ritrovo popolare per la comunità gay e nudista.

Spiaggia gay Caito (Catania – CT)

Indicazioni Google Maps

A nord del Porto di Catania si trova la spiaggia di Caito, una splendida spiaggia nudista. Raggiungibile oltre l’ultimo binario della Stazione, questa spiaggia offre un ambiente piacevole per rilassarsi e fare nuove conoscenze.

Spiaggia gay Le Dune (Agrigento – AG)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia gay Le Dune è molto famosa ad Agrigento. Durante l’estate, è un luogo ideale per fare il bagno e prendere il sole, ma anche d’inverno diventa uno dei luoghi preferiti dalle persone LGBTQIA+ del posto per trascorrere un po’ di tempo in spiaggia e socializzare.

Spiaggia gay di Eraclea Minoa (AG)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia gay e nudista di Eraclea Minoa ad Agrigento è considerata una delle più belle di tutta la Sicilia. Immersa in paesaggi mozzafiato e tramonti suggestivi, questa spiaggia offre un mare incredibilmente bello e trasparente, ideale per chi desidera praticare nudismo e fare incontri gay.

Spiaggia gay e naturista Rocche Bianche (Taormina – ME)

Indicazioni Google Maps

Taormina è da tempo una meta molto popolare per turisti e locali gay. La spiaggia gay-friendly e nudista di Rocche Bianche è particolarmente conosciuta dagli amanti del nudismo e attrae persone provenienti da tutta Europa. Situata vicino al cartello Lido Re del Sole, questa spiaggia offre un’esperienza unica tra gli scogli.

Spiaggia gay Fondaco Parrino (Taormina – ME)

Indicazioni Google Maps

Un’altra opzione a Taormina è la spiaggia gay-friendly Fondaco Parrino. Questa spiaggia incantevole offre non solo bellezza naturale, ma anche l’opportunità di fare incontri interessanti grazie alla sua qualità e alla posizione strategica.

Spiaggia gay di Modica (RG)

Indicazioni Google Maps

Modica, nell’entroterra vicino a Noto, offre una spiaggia gay frequentata principalmente dai ragazz* del posto. Situata nei pressi di Marina di Modica, questa spiaggia è un luogo affollato, soprattutto ai piedi delle dune, dove è possibile trascorrere momenti piacevoli.

Spiaggia gay di Balestrate (PA)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia gay di Balestrate è molto conosciuta tra i locali. Oltre a offrire acque incredibili lungo la costa, questa spiaggia è un luogo ideale per rilassarsi e, grazie alla pineta circostante, offre anche la possibilità di trascorrere momenti di intimità e romanticismo. 

Spiaggia gay di Sferracavallo (PA)

Indicazioni Google Maps

Considerata una delle spiagge gay più belle nel nord della Sicilia, la spiaggia gay e nudista di Sferracavallo offre un’esperienza indimenticabile. Situata nella zona di Barcarello, questa spiaggia si raggiunge seguendo un sentiero all’interno di una riserva naturale e regala emozioni uniche grazie ai suoi scogli e alle acque cristalline.

SPIAGGE GAY IN SARDEGNA 2024

speciale-spiagge-gay-italia-2023

L’isola offre una varietà di destinazioni accoglienti per la comunità LGBTQ+, dove i visitatori possono godersi il mare, il sole e un’atmosfera aperta e inclusiva.

Spiaggia gay Cala Serena  (Caprera – SS)

Indicazioni Google Maps

Cala Serena è una splendida spiaggia situata nell’Isola di Caprera, in Sardegna, che ha guadagnato popolarità come un luogo accogliente per la comunità LGBTQIA+. È considerata un ritrovo storico per le persone queer della zona e attrae anche naturisti. Con la sua bellezza mozzafiato e le acque cristalline, Cala Serena offre un ambiente rilassante e inclusivo per coloro che desiderano godersi il mare e il sole in un contesto aperto e tollerante.

Spiaggia gay di Porto Ferro (SS)

Indicazioni Google Maps

Porto Ferro è una bellissima spiaggia provincia di Sassari. È caratterizzata da un mare cristallino, sabbia color ocra e una cornice di verde. È “gay friendly”, offrendo un ambiente accogliente per il pubblico LGBTQIA+. Puoi praticare nudismo sugli scogli rossi nella parte finale della spiaggia. È un luogo ideale per fare nuove amicizie e godersi il mare in un’atmosfera inclusiva.

Spiaggia gay Cala Fighera (CA)

Indicazioni Google Maps

Cala Fighera è una delle spiagge gay-friendly e nudiste nella zona di Cagliari, Sardegna. Situata a soli 5 minuti dalla famosa spiaggia del Poetto, è un luogo molto amato sia dai naturisti che dalla comunità gay. La spiaggia offre un’atmosfera accogliente e inclusiva, ideale per fare il bagno e fare nuove conoscenze.

Spiaggia gay Piscina Rei (CA)

Indicazioni Google Maps

Nella località di Piscina Rei si trova una splendida spiaggia gay e naturista. Questo luogo affascinante attira numerosi ragazz* queer durante l’estate. Per raggiungerla, è sufficiente superare lo stagno e dirigersi verso la grande duna. La bellezza naturale del luogo e l’atmosfera aperta e accogliente la rendono una meta ideale per la comunità LGBTQ+.

Spiaggia gay e nudista Calamosca (CA)

Indicazioni Google Maps

Calamosca è un’incantevole insenatura naturale con sabbia bianca finissima, situata a Cagliari. La spiaggia offre una zona gay-friendly che si estende lungo la Sella del Diavolo, nelle piccole calette rocciose. Grazie alla sua posizione riparata, Calamosca è un luogo piacevole anche durante giornate ventose, offrendo un’esperienza balneare unica per i visitatori LGBTQ+.

Spiaggia gay Mari Pintau (CA)

Indicazioni Google Maps

Mari Pintau, situata a circa 20 km da Cagliari, è una delle spiagge più popolari tra gli amanti del nudismo. Sebbene inizialmente sembri un luogo per famiglie, è presente, per chi volesse, una zona naturista che si trova sugli scogli sulla sinistra. Questo luogo affascinante attrae sia naturisti che membri della comunità LGBTQ+, creando un ambiente inclusivo e rilassante.

Spiaggia gay Sciumara del Liscia (Palau – SS)

Indicazioni Google Maps

Sciumara del Liscia è una spiaggia gay e naturista storica situata nell’Isola dei Gabbiani, vicino a Palau e Gallura. Si trova subito dopo la foce dello stagno ed è caratterizzata da piccole dune che assicurano intimità e privacy. La spiaggia accoglie calorosamente la comunità gay e naturista, offrendo un ambiente tranquillo per godersi il sole e il mare.

Spiaggia gay Porto Pollo (Palau – SS)

Indicazioni Google Maps

Le bellissime dune di Porto Pollo, diventano ogni estate un punto di riferimento per la comunità LGBTQ+. Questa spiaggia gay-friendly e nudista è famosa non solo per la sua bellezza naturale, ma anche per il suo ambiente favorevole ad incontri interessanti e momenti di romanticismo. Porto Pollo è una meta popolare per coloro che desiderano trascorrere del tempo all’aperto in un ambiente inclusivo.

Spiaggia gay Liscia Ruja (Arzachena – SS)

Indicazioni Google Maps

Non lontano da Olbia e Porto Rotondo, la spiaggia gay di Liscia Ruja è diventata un’istituzione. Qui, i visitatori possono rilassarsi al sole, fare il bagno e socializzare in un’atmosfera tranquilla. Liscia Ruja è una destinazione popolare per la comunità gay e offre l’opportunità di fare incontri interessanti.

Spiaggia gay Capo Comino e La Cinta (NU)

Indicazioni Google Maps: Capo Comino

Indicazioni Google Maps: La Cinta

Capo Comino e La Cinta sono spiagge gay-friendly e naturiste situate nella zona del Nuorese. Queste spiagge, con le loro dune affascinanti, sono molto frequentate da ragazz* queer locali e dai nudisti. Offrono un’atmosfera accogliente e invitano i visitatori a godersi la bellezza naturale delle spiagge.

Spiaggia gay Is Arenas (OR)

Indicazioni Google Maps

Is Arenas è una spiaggia gay-friendly situata a circa 20 km da Oristano, precisamente in località Torre Su Puttu. È possibile raggiungere la spiaggia inserendo le indicazioni per il campeggio Nurapolis nel navigatore e poi camminando per circa 10 minuti. Is Arenas offre un’atmosfera accogliente e una spiaggia incantevole per godersi il mare e il sole.

Spiaggia gay Maria Pia (Alghero – SS)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia Maria Pia si trova vicino ad Alghero ed è frequentata da molti sardi e turisti gay durante la stagione estiva. Situata in una zona alberata verso Fertilia, questa spiaggia offre un’atmosfera gay-friendly e invitante per coloro che cercano relax e divertimento al mare.

Spiaggia gay Platamona (SS)

Indicazioni Google Maps

La spiaggia gay-friendly di Platamona si trova fra il quarto e il quinto accesso al mare a Sassari. Anche se potrebbe non essere facilmente individuabile, vi basterà tenere gli occhi aperti per notare una presenza massiccia di giovani. Platamona offre un’atmosfera accogliente e un luogo tranquillo per godersi il sole e il mare.

Lo speciale di Gay.it su Sardegna e Sicilia

Abbiamo realizzato uno speciale, viste le numerose spiagge gay presenti in Sardegna e Sicilia. Clicca sul testo sottolineato per accedere allo speciale di Gay.it sulle spiagge in Sicilia ed in Sardegna.

***

Insomma, se sei tra gli indecisi dell’ultimo minuto ti abbiamo fornito ben 100 buoni motivi per andare là fuori e goderti l’estate 2022 in tutte le sue spiagge gay naturiste, dune, pinete e tutto quello che serve per una vacanza perfetta. Ed è proprio in estate che l’Italia mostra il suo lato più gay friendly: approfittane!

***

Clicca qui per scoprire, invece, le spiagge nudiste regolamentate in Italia: 15 spiagge nudiste in Italia e gay friendly dove praticare in sicurezza il naturismo

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
barto 27.4.22 - 23:35

Pedaso è provincia di Fermo e non di Ascoli Piceno.

Avatar
davidemartoranagmailcom 22.4.22 - 15:32

Sicilia e Sardegna?

Trending

Il Poiesis Quartet si esibiranno al XXIV Emilia Romagna Festival il 21, 23, e 26 Agosto

Poiesis Quartet, il primo quartetto queer nella storia della musica classica – Intervista

Musica - Riccardo Conte 20.7.24
Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Francesca Pascale e l’addio a Paola Turci: “Un grande dolore, ho deciso io di allontanarmi. Berlusconi incancellabile”

News - Redazione 20.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
Chi è Noah Williams, il tuffatore con OnlyFans che affiancherà Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024 - Chi e Noah Williams il tuffatore che affianchera Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024 - Gay.it

Chi è Noah Williams, il tuffatore con OnlyFans che affiancherà Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024

Corpi - Redazione 19.7.24

Hai già letto
queste storie?

Quando l'inclusione prende il volo: Diversifly, il network De&I del Gruppo Lufthansa - Lufthansa Diversifly 4 - Gay.it

Quando l’inclusione prende il volo: Diversifly, il network De&I del Gruppo Lufthansa

Viaggi - Gay.it 21.6.24
gran-canaria

Gran Canaria: paradiso tutto da scoprire tra escursioni, diving e yoga sulla spiaggia

Viaggi - Francesca Di Feo 21.5.24
Sarah Toscano, Sexy Magica (1)

Sarah Toscano, continua la sua scalata verso il successo: fuori il videoclip di “Sexy Magica”

Musica - Luca Diana 6.6.24
Alberto Matano e il marito Riccardo Mannino

L’estate 2024 di Alberto Matano tra sole, amore e nuove avventure letterarie: le foto social

Culture - Luca Diana 19.7.24
locali gay in salento e queer friendly

Salento LGBTIQ+: guida 2024 ai locali e saune gay, serate queer friendly, festival e molto altro

News - Redazione 18.3.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
Abruzzo 2024: guida ai locali, serate, associazioni ed eventi queer friendly della regione - guida gay abruzzo - Gay.it

Abruzzo 2024: guida ai locali, serate, associazioni ed eventi queer friendly della regione

Viaggi - Redazione 15.4.24
mood club, locali gay in sardegna, locali gay a cagliari

Guida 2024 alla Sardegna queer: locali, serate, eventi ed associazioni LGBTIQ+ tra Cagliari, Sassari e La Maddalena

Viaggi - Redazione 4.4.24