TATU, Yulia Volkova si candiderà alle elezioni 2021 con il partito di Putin

Dal bacio lesbo alla tragedia nel caso in cui dovesse avere un figlio gay, fino alla candidatura tra le fila del partito omofobo che da anni governa la Russia. Le mille giravolte di Yulia Volkova.

tatu
La Tatu Yulia Volkova si candidata con il partito russo omofobo.
2 min. di lettura

La Tatu Yulia Volkova potrebbe ottenere un posto all’interno del Parlamento russo, alle prossime elezioni di settembre 2021. La cantante – 20 anni fa esplosa insieme a Lena Katina facendo credere a tutti di essere una coppia – ha giurato fedeltà a Russia Unita, ovvero il partito di Vladimir Putin oggi al governo.

Al The Sun, la Tatu Yulia: “Ho fatto il primo passo”. Ma è sicura che non ci saranno ostacoli alla sua corsa alla Duma, perché gli avversari politicinon ci raggiungeranno“. La notizia è stata poi confermata anche dal vice segretario di Russia Unita, Sergei Perminov:

Yulia Volkova sta partecipando. Siamo un partito aperto – invitiamo tutti a partecipare alla nostra procedura di selezione, candidati audaci, interessanti, brillanti, onesti, professionali. La gente deciderà chi è degno di rappresentarli alla Duma di Stato. 

L’orientamento sessuale della “Tatu” Yulia Volkova

Le Tatu sono state oggetto di critiche e polemiche da parte dei conservatori russi per i loro baci appassionati durante i concerti. Ma si parla di due decenni fa.

In Italia ricordiamo il bacio al Festivalbar del 2002, trasmesso su Italia Uno nonostante le richieste di censura da parte delle stesse associazioni che oggi attaccano il ddl Zan. Sempre nel nostro paese, nel 2003 la loro partecipazione al Festival di Sanremo in qualità di ospiti venne cancellata all’ultimo, per “paura” che si scambiassero baci ed effusioni in diretta.

Le Tatu sono diventate famose non solo per il successo ottenuto con le loro canzoni, prima fra tutte “All The Things She Said“, del 2002. A stuzzicare l’interesse mediatico era anche il vociferare che tra Yulia e Lena ci potesse essere una relazione sentimentale. Durante le varie interviste le due non hanno mai fatto coming out, sviando le domande o dicendo che a loro non piacevano le etichette.

Le giravolte di Yula

Solo nel 2013 Yula ha fatto coming out come bisessuale, a un sito LGBT russo:

Mi piacciono ancora i ragazzi e le ragazze. Anche il mio attuale marito Volodya, seduto di fronte a me, confermerebbe che conosce le mie storie con le ragazze. Per me, questo è un problema attuale. Di recente, ho avuto una ragazza che mi piaceva … Non sono nemmeno gli echi del passato, questo è ciò in cui vivo adesso.

Nonostante ciò, non accetterebbe mai un figlio omosessuale:

Sì, lo condannerei perché credo che un vero uomo debba essere un vero uomo … un uomo non ha il diritto di essere un fr*cio. Due ragazze insieme – non è la stessa cosa di due uomini insieme. Mi sembra che le lesbiche siano esteticamente molto più belle. 

Ma, sottolinea, non ha nulla contri le persone gay, poiché sono sempre meglio di assassini, ladri e tossicodipendenti. Un profilo perfettamente in linea con l’attuale politica russa.

Il bacio tra le Tatu Yulia e Lena
Il bacio tra le Tatu Yulia e Lena

cover: Okras

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
patriziobuchergmailcom 30.4.21 - 21:46

Non le piacciono due uomini insieme? Chiaro, perché è lesbica. Qui il DDL Zan lo abbiamo già. Patrizio, Lugano

Trending

Parigi 2024, le drag queen Minima Gesté, Miss Martini e Nicky Doll sfilano con la torcia olimpica - Parigi 2024 le drag Minima Geste Miss Martini e Nicky Doll sfilano con la torcia olimpica - Gay.it

Parigi 2024, le drag queen Minima Gesté, Miss Martini e Nicky Doll sfilano con la torcia olimpica

Corpi - Redazione 16.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24

Leggere fa bene

russia-putin-comunita-lgbt-bambini

Russia, Putin sulla comunità LGBTQIA+: “Giù le mani dai bambini”

News - Redazione Milano 23.2.24
BigMama e fidanzata Maria Ludovica Lazzerini

Sanremo 2024, BigMama “bellissimo leggere il nome della mia ragazza accanto al mio”

Musica - Redazione Milano 6.2.24
BigMama live Alcatraz

BigMama, i sogni diventano realtà: dopo Sanremo 2024 arriva il live all’Alcatraz di Milano

Musica - Luca Diana 1.2.24
Primavera, la playlist per salutare la bella stagione

È primavera, 10 canzoni per uscire dal letargo e tornare a vivere

Musica - Emanuele Corbo 21.3.24
Mahmood in eterna transizione

Parola a Mahmood, in eterna transizione: “Voglio ricucirmi il mondo che mi piace”

Musica - Giuliano Federico 7.2.24
Orville Peck presenta il fidanzato William Mikelson: "Grazie per avermi incoraggiato a essere me stesso" (VIDEO) - Orville Peck - Gay.it

Orville Peck presenta il fidanzato William Mikelson: “Grazie per avermi incoraggiato a essere me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 14.5.24
Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l'88% dei voti - cover Putin1 - Gay.it

Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l’88% dei voti

News - Redazione 18.3.24
Nemo, Eurovision 2024

Nemo, l’artista svizzerə non binariə vince l’Eurovision 2024 con “The Code”

Musica - Luca Diana 12.5.24