Tiziano Ferro parla di omosessualità e si commuove

Il regalo di Tiziano Ferro per fine anno: parla di “liberazione sentimentale” e si commuove

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

“Tante persone non omosessuali non sanno cosa è l’omosessualità”: inizia così il piccolo monologo sull’omosessualità che Tiziano Ferro ha inserito nello speciale andato in onda in prima serata su RaiUno ieri sera, di fronte a 3 milioni di telespettatori, con la registrazione del concerto allo stadio San Siro di Milano.

“Per quanto si parla tanto di liberazione sessuale – continua Tiziano Ferro – , io credo che si parli troppo poco di liberazione sentimentale: questo è un tema cui tengo molto. Voglio parlarne ai genitori, alle madri, ai fratelli, a chi è omosessuale e si trova in  grade difficoltà ad esserlo ma anche a chi non ha idea di cosa vuol dire essere omosessuale”. A questi ultimi Tiziano dice di voler parlare con questa frase semplicissima: “piacere, io sono Tiziano, può succedere che io mi innamori e funziona così”.

Poi la commozione di fronte agli spettatori di San Siro: “l’amore è centrale nella vita di tutti, non è un fatto privato di cui vergognarsi, bisogna essere felici e vi invito ad esserlo“.

Grazie Tiziano. Miglior regalo per questa fine del 2015 non potevi farcelo: che sia di augurio per il 2016!

Pride

Napoli, panchine arcobaleno in ogni municipalità per dire basta all’omotransfobia

10 panchine arcobaleno in tutta la città come 'simbolo di tolleranza, parità di genere e lotta all'omotransfobia'.

di Federico Boni