Torino: premi ai dipendenti contro l’omofobia, scatta l’isteria dei cattolici

L'iniziativa di sensibilizzazione della giunta Appendino non è piaciuta ai crociati del gender

Torino: premi ai dipendenti contro l’omofobia, scatta l’isteria dei cattolici - GettyImages 541670528 - Gay.it
Turin's newly elected mayor Chiara Appendino, candidate of the Five Star Movment (M5S) delivers a speech at the city hall of Turin, on June 20, 2016 a day after her victory in the mayoral election. In Turin, where the anti-immigrant, anti-EU Northern League is an influential player in local politics, Chiara Appendino, 31, claimed just over 54 percent to oust long-serving PD heavyweight Piero Fassino. / AFP / MARCO BERTORELLO (Photo credit should read MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)
2 min. di lettura

Secondo il settimanale ciellino Tempi il comune di Torino avrebbe compiuto una nuova terribile nefandezza: premi in busta paga ai dipendenti  che si attivano per raggiungere gli “Obiettivi LGBT” indicati nel piano del capoluogo piemontese.

Quali saranno questi famigerati obiettivi della sindaca Appendino? Fare della morigerata città sabauda una “città di culattoni”, come si diceva della vicina Milano ai tempi della candidatura di Giuliano Pisapia?

A ben guardare si tratta di una serie di iniziative di sensibilizzazione, a partire dal personale comunale, per evitare trattamenti discriminatori verso persone LGBT. Quante volte gli sportelli della pubblica amministrazione si sono dimostrati impreparati, se non ostili, ad affrontare le differenze dei soggetti LGBT? Situazioni a volte imbarazzanti, frustranti o alla peggio delle vere e proprie umiliazioni, in particolare per le persone transgender.

L’idea di un piano ad hoc nasce dalla precedente giunta, ma è la decisione del comune di legarci dei premi in denaro per i dipendenti a non andare giù a quelli di Tempi, che con tono sferzante fanno notare alla sindaca Appendino che le priorità come sempre sono ben altre.

Le ragioni del Comune le spiega Roberto Emprin, del settore Pari Opportunità: “È un passaggio importante perché i dirigenti si sentono responsabilizzati a raggiungere i traguardi posti. Non solo, quindi, per una ragione economica. Diventa una questione di professionalità”.

Ed è qui che con un colpo di teatro, la risposta apparentemente sensata del Comune diventa nel nostro giornalista Otello, un terribile sospetto: non è che ora i dipendenti comunali saranno più accomodanti nel trattare le persone LGBT e lasciando il peso delle inefficienze sui tartassati eterosessuali? Parlando di “ipotesi a caso”, mai definizione fu più adatta, Tempi si spinge fino a dipingere per Torino un nuovo apartheid, dove le persone LGBT avranno una corsia preferenziale per accedere ai servizi della macchina comunale.

Insomma parlare di discriminazioni va bene, ma solo se resta lettera morta.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Anto Salerno 19.5.17 - 17:04

Oh mio Dio.. Ma proprio i cattolici si permettono di parlare di privilegi ?? E' paradossale...

Avatar
Giovanni Di Colere 19.5.17 - 15:09

Da quel che mi risulta ce n'è proprio bisogno in Comune a Torino dove proprio nell'ufficio delle unioni civili ci sono dipendenti omofobi

Trending

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24

Leggere fa bene

Pioggia di drag a San Siro per Inter-Bologna contro l'omobitransfobia nel calcio e lanciare Drag Race Italia 3 - Drag Race Italia 3 pioggia di drag a San Siro per Inter Bologna per dire basta allomobitransfobia nel calcio 1 - Gay.it

Pioggia di drag a San Siro per Inter-Bologna contro l’omobitransfobia nel calcio e lanciare Drag Race Italia 3

Culture - Redazione 7.10.23
Matteo Bassetti vs. Fedez: "Parla di salute mentale ma quanti danni psichici avrà causato baciando Rosa Chemical" - fedez matteo bassetti - Gay.it

Matteo Bassetti vs. Fedez: “Parla di salute mentale ma quanti danni psichici avrà causato baciando Rosa Chemical”

News - Federico Boni 31.10.23
Lovers Film Festival 2024 a Torino dal 16 al 21 aprile al grido "il Cinema ti muove e ti commuove" - image006 - Gay.it

Lovers Film Festival 2024 a Torino dal 16 al 21 aprile al grido “il Cinema ti muove e ti commuove”

News - Redazione 18.1.24
io che amo solo te

Io che amo solo te: una storia d’amore al teatro, come antidoto alla paura

Culture - Riccardo Conte 17.11.23
vannacci-ultime-dichiarazioni

Vannacci e il tour paranoico tra omosessuali e graffitari, ecco gli ultimi deliri dell’esponente dell’esercito italiano

News - Redazione Milano 15.9.23
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
L'estate italiana dell'omobitransfobia, Zan: "Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice" - alessandro zan - Gay.it

L’estate italiana dell’omobitransfobia, Zan: “Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice”

News - Federico Boni 8.9.23
Kenya, miliardi in fumo se dovesse essere approvata la nuova legge omobitransfobica - Kenya Cov - Gay.it

Kenya, miliardi in fumo se dovesse essere approvata la nuova legge omobitransfobica

News - Federico Boni 9.11.23