UCCISO A PARMA, FERMATO L’OMICIDA

Un uomo di 66 anni è stato ucciso la scorsa notte in uno stabile del quartiere Montanara, periferia sud di Parma, e l’omicida – un 40enne – sarebbe già stato assicurato alla giustizia.

PARMA – Un uomo di 66 anni è stato ucciso la scorsa notte in uno stabile del quartiere Montanara, periferia sud di Parma, e l’omicida – un 40enne – sarebbe già stato assicurato alla giustizia, in stato di fermo in attesa della convalida del gip.

Pare che la vittima sia stata colpita violentemente al capo con un oggetto: un raptus o una violenta discussione fra i due sarebbero secondo i primi accertamenti all’origine dell’omicidio.

La vittima è Renato Tincati, 66 anni, artigiano in pensione. Secondo le testimonianze dei vicini era solito assistere persone bisognose, ma è più di un’ipotesi che questi incontri avessero sfondo omosessuale.

Tincati, sposato, un figlio, abitava da solo nell’appartamento in cui è stato ucciso da quando si era separato. L’omicida è Salvatore Lombardo, 41 anni, nato in Germania, manovale senza fissa dimora con diversi precedenti, un ultimo domicilio conosciuto in Sicilia. Si arrangiava facendo piccoli lavori.

I due quasi certamente si sono incontrati in stazione, poi sono andati a casa del pensionato e il litigio sarebbe nato perchè Lombardo pretendeva di passare lì la notte. Lo scontro è diventato violento, Lombardo avrebbe colpito ripetutamente Tincani con un oggetto contundente al capo e poi sarebbe scappato con le chiavi dell’auto della vittima. L’allarme è stato dato dai vicini, allarmati dalle grida, al 112, e i carabinieri sono arrivati verso le 23, trovando Tincani a terra in una pozza di sangue e con segni di strangolamento. Probabilmente non era ancora morto ma ogni tentativo di rianimarlo è stato inutile.

Ti suggeriamo anche  Emendamento FdI sulla legge contro l'omofobia in Emilia Romagna associa gay e pedofili

Poi i carabinieri, la cui operazione è stata condotta dal tenente Antonio Savino, sono riusciti a risalire a Lombardo anche perchè è arrivata una telefonata che lo ha segnalato in viale Piacenza, nei pressi della stazione, probabilmente da parte di una persona che sapeva dei rapporti tra i due. L’omicida è stato trovato con i vestiti e le scarpe ancora sporche di sangue, e la sua versione dell’accaduto (“l’ho spinto a terra, l’ho spinto e basta, e ha battuto il capo”), non è stata considerata attendibile. E’ stato portato al carcere e il magistrato ha confermato il fermo trasformandolo in arresto con l’accusa di omicidio volontario.

Attualità

Prima casa insieme dopo aver finto per 13 anni di essere cugini, la gioia del regista indiano e del fidanzato

Per non suscitare clamore tra i vicini e non avere problemi con l'affitto, Apurva Asrani e Siddhant Pilla hanno finto di essere cugini per 13 anni. Ora, finalmente, possono presentarsi a tutti come fidanzati.

di Federico Boni