L’Umbria è leghista: le reazioni dei conservatori pro Family Day

Ripetiamo la domanda: rischio per la legge contro l'omofobia?

umbria
2 min. di lettura

L’Umbria è andata alla Lega. Dopo 50 anni di centro-sinistra, la popolazione umbra ha scelto Donatella Tesei, della Lega, sostenuta anche da un grande Fratelli d’Italia e una debole Forza Italia, che insieme le hanno permesso di raggiungere un 57,5% di preferenze. Ma in che mani si è messa l’Umbria? Forse non buone, almeno per quanto riguarda la comunità LGBT. Ne avevamo parlato tempo fa: la Tesei, ancora candidata del CDX, aveva firmato un manifesto chiamato Documento Valoriale, in cui si impegnava a garantire la tutela della famiglia tradizionale. Un documento firmato poi anche dal trio Salvini, Meloni, Berlusconi.

Tra le ambizioni dei sostenitori di questo documento c’erano volti noti per le loro convinzioni conservatrici, che avevano un solo scopo: eliminare la legge contro l’omofobia della regione. Tra le prime ad averla approvata, con tanta fatica. E proprio ieri, già dagli exit poll, la vittoria della Lega era certa. In molti non hanno atteso nemmeno la conclusione dello spoglio, la differenza tra i candidati era insormontabile. E hanno deciso di festeggiare, complimentandosi con la candidata e suggerendole anche i primi spunti su cui mettersi all’opera.

Attacco alla comunità LGBT umbra?

Tra coloro che hanno appoggiato la candidatura della Tesei, c’era Massimo Gandolfini. L’organizzatore del Family Day ha scritto:

Ci complimentiamo con la nuova presidente dell’Umbria Donatella Tesei, che è la prima firmataria del Manifesto per la famiglia messo a punto dal Family Day e Associazione famiglie numerose. Chi accoglie i nostri valori vince! Famiglia, vita, natalità, libertà educativa, vicinanza e cura a disabili e anziani, ferma opposizione alle droghe sono principi iscritti nel Dna dell’antropologia degli italiani e solo chi è offuscato da controverse colonizzazioni ideologiche può invertire l’ordine delle priorità. Il nostro movimento rappresenta il vero federatore del buon senso, sempre più capace di contaminare l’agenda dei partiti e dei leader nazionali. Ora il nuovo governo umbro possiede una road map per le famiglie umbre che deve applicare il più in fretta possibile per rilanciare una terra generosissima ferita dalla denatalità, dalla malasanità e dell’emigrazione di più giovani. Noi continueremo a lavorare per ridare un anima a questo paese.

Complimenti poi anche da Lorenzo Fontana, che dice di aver abbattuto il “muro rosso”, riferendosi al governo di centro-sinistra che amministrava da decenni la regione. Sempre da Twitter, Filippo Saverese attacca direttamente la legge contro l’omofobia:

#Umbria liberata, da tante cose. Tra queste, lo strapotere dei movimenti LGBT. La Presidente @Donatella_Tesei ha firmato l’impegno ad abrogare la liberticida legge regionale sull’omofobia, che ci vieta di dire mamma e papà. Torna al centro la Famiglia #maratonamentana.

A mancare, è invece Simone Pillon, che stranamente non ha detto nulla riguardo il gender, ma si è limitato a festeggiare il risultato del suo partito.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
bacibaci 28.10.19 - 18:17

Francamente sta storia che noi gay dobbiamo votare gli omofobi cattolici , tipo Salvini e Meloni, per essere protetti dagli omofobi stranieri, mi pare una stonxata. Loro non vogliono proteggerci , loro vogliono il potere e lo usano per farci fuori, esattamente come i loro compari islamici o greco-ortodossi o ebreo-ortodossi etc.

Trending

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24

Leggere fa bene

umbria pride 2024, il 1 giugno a Perugia

Umbria Pride 2024: a Perugia il 1° Giugno

News - Redazione 10.2.24
terni pride 2024

Intervista a Terni Pride 2024: “Terni è un valido esempio degli effetti negativi del patriarcato, incarnato in più occasioni dalle sue stesse istituzioni”

News - Gio Arcuri 24.5.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
Unione Europea LGBT Italia

L’Italia non firma la dichiarazione dell’UE a favore dei diritti LGBTI+ perché somiglia al Ddl Zan e include l’identità di genere

News - Redazione Milano 17.5.24
intervista a umbria pride 2024

“Noi e i diritti siamo inarrestabili”, parola all’Umbria Pride, a Perugia sabato Primo Giugno – intervista

News - Gio Arcuri 29.5.24
terni pride 25 maggio 2024

Transfem Terni Pride 2024: sabato 25 maggio

News - Redazione 21.2.24
Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: "Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico "a ciascuno si dia il suo"" - Marco Tarquinio - Gay.it

Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: “Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico “a ciascuno si dia il suo””

News - Federico Boni 5.4.24