Unioni civili: via libera ai primi decreti attuativi!

I primi decreti hanno avuto l'ok preliminare e disciplinano alcuni aspetti poco chiari della legge. Il problema è che il termine dell'approvazione definitiva è stato prorogato di ulteriori 3 mesi.

Unioni civili: via libera ai primi decreti attuativi! - unioni civili decreti - Gay.it
2 min. di lettura

A quattro mesi esatti dall’entrata in vigore effettiva della legge sulle unioni civili, inizia a delinearsi l’apparato attuativo definitivo, di competenza del ministero della Giustizia, che per il momento è regolamentato dal decreto ponte redatto dal ministero dell’Interno.

I decreti, finora approvati in via preliminare dal Consiglio dei Ministri, adeguano alla nuova disciplina sulle unioni tra persone dello stesso sesso:

  • le disposizioni attualmente esistenti sull’ordinamento dello stato civile e le leggi, gli atti aventi forza di legge, i regolamenti e i decreti su cui le nuove norme hanno un impatto;
  • le disposizioni di diritto internazionale privato su cui le nuove norme hanno un impatto;
  • le disposizioni del codice penale su cui le nuove norme hanno un impatto.

Per il primo punto, la modifica importante è che viene previsto, come per il matrimonio, che il partner dell’unione civile che aggiunge il cognome dell’altro partner non perde il suo cognome d’origine: non sarà necessaria alcuna modifica anagrafica.

Per il secondo punto, le norme che sono state preliminarmente approvate evitano le possibili elusioni della disciplina italiana quando non esistono profili oggettivi di transnazionalità, ad esempio quando un’unione civile è contratta all’estero da cittadini italiani: l’unione verrà regolamentata dalla normativa italiana.

Per il terzo punto si parla di equiparazione del partner dello stesso sesso nell’unione civile al coniuge nel matrimonio: si rende configurabile il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare e si rende applicabile l’aggravante nel reato di omicidio, prevista finora solo se la vittima è coniuge, anche al soggetto unito/a civilmente.

Ora i provvedimenti andranno all’esame delle commissioni competenti di Camera e Senato, che avranno 60 giorni per esprimere il loro parere: il dato negativo è che visto che il termine per i pareri è troppo ravvicinato alla scadenza per il via libera definitivo (fissato al 5 dicembre, 6 mesi dalla legge), Palazzo Chigi avrà altri tre mesi (fino al 5 marzo) per l’adozione definitiva di tutti i decreti attuativi. Nel frattempo continuerà ad essere applicato il decreto ponte.

fonte: Il Sole 24 Ore

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

unioni-civili-assegno-di-mantenimento

Unioni civili, l’assegno di mantenimento in caso di scioglimento dovrà tenere conto anche del periodo di convivenza

News - Francesca Di Feo 29.12.23
Gay.it Progress Pride Flag LGBTI

L’unione civile non sarà annullata con la rettifica anagrafica del genere, sentenza della Corte Costituzionale

News - Francesca Di Feo 24.4.24