x
Home / News / “A me sta antipatico, antipatica”, Marco Rizzo e i commenti transfobici contro Vladimir Luxuria ad Anni 20 – VIDEO

“A me sta antipatico, antipatica”, Marco Rizzo e i commenti transfobici contro Vladimir Luxuria ad Anni 20 – VIDEO

Vladimir Luxuria commenta un tweet di Marco Rizzo che la ritrae a testa in giù come Mussolini a Piazza Loreto, il comunista si scalda: “Non sopporto l’ipocrisia”

"A me sta antipatico, antipatica", Marco Rizzo e i commenti transfobici contro Vladimir Luxuria ad Anni 20 - VIDEO - Luxuria - Gay.it
2 min. di lettura

Dopo lo sfogo di Anna Paola Concia e il servizio sul DDL Zan, accompagnato dalla colonna sonora di Y.M.C.A. dei Village People, il programma di Rai 2 Anni 20 continua a destare polemica. Nell’ultima puntata del talk show, andata in onda giovedì scorso, è andato in scena lo scontro fra Vladimir Luxuria e Marco Rizzo, segretario del Partito Comunista. Lite scoppiata in tv, maturata sui social, dopo la pubblicazione di un tweet di Marco Rizzo che ritraeva l’ex parlamentare a testa in giù, con chiaro richiamo agli eventi di Piazzale Loreto e all’esposizione del corpo di Benito Mussolini.

Di fronte alle telecamere di Rai 2, Marco Rizzo ha spiegato il motivo dietro a quel tweet, risalente ad un’ospitata di Vladimir Luxuria nel 2018 al programma di Rai 3 Linea Notte, interpellata per discutere di politica internazionale:

Ho tanti difetti, uno di questi è quello di dire e di esprimere ciò che penso. Non sopporto l’ipocrisia, i personaggi che usano la politica e i partiti come fossero dei taxi. Luxuria è uno di questi, una che si è fatta eleggere con falce e martello, abiurando quelle idee il tempo di varcare il Parlamento. A me Luxuria sta antipatica, non come persona perché non la conosco. A me sta antipatico, sta antipatica, la segnalo non perché lo volevo portare al capezzale di Piazzale Loreto, così come ora in trasmissione posso fare così (fa il pollice verso, ndr) e nessuno può dirmi nulla.

Perentoria e dura la replica di Vladimir Luxuria, che di fronte alle parole di Marco Rizzo non ha potuto che replicare menzionando alcuni principi del partito, da tempo fuori dalle dinamiche di palazzo:

Io penso che abbia nostalgia dei gulag sovietici dove Stalin ci metteva gli omosessuali. Fa parte di una visione del comunismo “anticaglia e petrella” che pensavamo di aver archiviato. Un partito che ha le stessi percentuali di grassi in uno yogurt magro. Anche il fatto di chiamarmi antipatico e antipatica non fa ridere davvero nessuno, la lascio nella sua polvere. Stia attento a mettere i personaggi pubblici a testa in giù, perché è istigazione alla violenza. Sa quel dito dove se lo deve ficcare?

Oltre non stimolare alcun tipo di risata nell’interlocutore, il misgendering è una forma di violenza verbale intollerabile, soprattutto se a metterlo in scena è chiunque lo faccia con malizia, intento denigratorio e in un contesto mediatico ben preciso. Seppur di scarso successo, infatti, Anni 20 occupa la prima serata di una delle principali reti televisive, eppure nessuno oltre a Vladimir Luxuria è voluto intervenire nell’immediato per assumerne pubblicamente le difese.

© Riproduzione Riservata
Entra nel nostro canale Telegram Entra nel nostro canale Google

Resta aggiornato. Seguici su:

Facebook Follow Twitter Follow Instagram Follow

One thought on ““A me sta antipatico, antipatica”, Marco Rizzo e i commenti transfobici contro Vladimir Luxuria ad Anni 20 – VIDEO

  1. Bravissima Luxuria, ha risposto per le rime a quel triste figuro rossobruno omotransfobico. Rizzo si definisce di sinistra/comunista ma le sue parole transfobiche contro Luxuria (e più in generale quando parla di diritti LGBT+) e la violenza con cui le esprime lo rendono assimilabile a un qualsiasi cattofascista.

Lascia un commento

Per inviare un commento !