La bellezza maschile fluida si sfida nel Sahara: a giudicare sono le donne

La tribù dei Wodaabe una volta all'anno organizza una straordinaria gara di bellezza in cui maschile e femminile si interrogano a vicenda.

La bellezza maschile fluida si sfida nel Sahara: a giudicare sono le donne - wodaabe - Gay.it
4 min. di lettura

Una volta all’anno la tribù nomade Wodaabe nel Niger organizza una gara di bellezza con criteri e standard del tutto simili ai nostri, eccetto il fatto che lì sono le ragazze a giudicare i ragazzi. Gli uomini delle tribù si mettono in mostra durante quella competizione e investono un’enorme quantità di tempo, energie e denaro per prepararsi e essere all’altezza dell’occasione.

niger-timothy-allen-067I loro costumi necessitano addirittura di un anno per essere pronti, vengono ricamati con mille colori e impreziositi con ricchi elementi decorativi. L’ocra gialla è usata, assieme alla polvere d’antimonio, per il make up, per allungare il naso e illuminare la pelle.

Wodaabe-Tribe-6Quando finalmente i “concorrenti” (guerrieri per tradizione) sono pronti, la gara di bellezza ha inizio: gli uomini sfilano, cantano e ballano sotto il solo del deserto per impressionare le donne della tribù, giudici della gara.

wodaabe10Tre cose sono fondamentali per i Wodaabe nella vita: la bellezza, il bestiame e la famiglia. Sono un popolo assai fedele all’interno dei loro clan, grandi commercianti di bestiame (riforniscono di carne i villaggi dalle rive del lago Ciad fino alla costa atlantica del Senegal) e sono noti per essere “ossessivamente vanitosi”.

2A3623E800000578-3149684-image-a-1_1436048119352Famosa per la bellezza sia dei suoi uomini che delle sue donne, questa tribù – nota anche col nome di Bororo – predilige i fisici alti e snelli, i nasi lunghi e dritti, i tratti eleganti, le labbra sottili e la pelle senza imperfezioni.

Alla fine della stagione delle piogge, a settembre, prima che inizi la loro migrazione annuale, la tribù si riunisce nel deserto per festeggiare ma anche per competere. La festività dura una settimana, si chiama Gerewol e include molti eventi diversi, come riunioni tra i clan, gare di cammelli ma soprattutto la ricerca del più bell’uomo della tribù.

woodabe-geerewol-beauty-contest-209Le donne Wodaabe si tengono a distanza dai concorrenti, fingendo di essere timide, mentre osservano attentamente i vari candidati per individuare il prossimo Mister Wodaabe.

Se tra i giudici ci sono ragazze non sposate, queste possono trovare anche marito durante la cerimonia e spesso possono proporre ai concorrenti preferiti di recarsi all’accampamento per farsi dare un’occhiata più da vicino!

wodaabe06-600x390

Proprio come delle reginette fatte e finite, quando arriva il loro turno i maschi della tribù fanno un passo avanti sbarrano gli occhi e fischiano mentre mostrano i denti bianchi, per evidenziare le caratteristiche più ammirate. Per resistere ai ritmi sfiancanti della competizione, sotto al sole del Sahara, spesso gli uomini assumono una bevanda di corteccia fermentata, dagli effetti allucinogeni.

enhanced-31301-1415893372-1

Durante il momento della prova di danza i concorrenti vengono giudicati per la loro grazia e per l’eleganza anche se è difficile che gli uomini siano sufficientemente lucidi da mantenere il controllo sul proprio corpo.

La competizione è presa molto sul serio dai concorrenti: è importantissimo per loro riuscire a fare buona impressione. Alcuni di loro sono talmente bravi a truccarsi e a muoversi, che risulta a volte difficile distinguerli dai membri femminili della tribù.

wodaabeman

A volte i maschi Wodaabe sono stati definiti per queste gare di bellezza “omosessuali” oppure “travestiti”: ma in realtà è molto chiaro per loro che tutto quello che fanno ha lo scopo di essere visti dalle donne in una festa dedicata al corteggiamento.

woodabe-geerewol-beauty-yellow-218

Insomma, forse senza averne consapevolezza, i membri di questa tribù, nel contesto più inaspettato possibile, pare mettano in discussione standard di bellezza e stereotipi di genere.

E allora forse non è un caso che il nome della tribù Wodaabe significhi “gente dei tabù”. La dialettica tra norma e sua infrazione sembra essere particolarmente sentita da questo popolo.

woodabe-geerewol_beauty-contest-08

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

uganda legge anti gay

Attivisti LGBTQIA+ trascinano l’Uganda in tribunale per la legge “Kill the Gays”

News - Redazione 21.12.23
Noen Eubanks genz tiktok eboy

Noen Eubanks, chi è l’e-boy della GenZ che sbanca TikTok e piace alla moda

Lifestyle - Redazione Milano 8.12.23
kenya ong gay lesbica Nglhrc kaluma

Kenya, l’ong LGBTQI+ può operare anche con le parole “gay” e “lesbica” nel suo nome: un flebile barlume di speranza

News - Giuliano Federico 15.9.23
kenya lgbt tiktok

TikTok collabora con il governo del Kenya per vietare tutti i contenuti LGBTQIA+

News - Redazione 28.9.23
uganda-aggressione-attivista

Uganda, attivista per i diritti LGBTQIA+ accoltellato in pieno giorno nei pressi della sua abitazione

News - Francesca Di Feo 4.1.24
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24
guida completa alla depilazione anale

Guida completa alla depilazione anale

Guide - Giorgio Romano Arcuri 23.1.24
africa-comunita-lgbtqia-amnesty-international

Africa, la comunità LGBTQIA+ “verso l’estinzione”: il rapporto di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 12.1.24