A LETTO CON JAVIER BARDEM

L'attore spagnolo, fra i più nudi del grande schermo, si confessa e cambia pelle: da macho iberico diventa gay e un sogno si avvera. Ma solo al cinema...

A LETTO CON JAVIER BARDEM - 0249 bardem2 - Gay.it
4 min. di lettura
A LETTO CON JAVIER BARDEM - 0249 bardem1 - Gay.it

Il primo incontro, nel 1992, tra il ventiduenne Javier Bardem e il pubblico italiano non poteva essere piú esplicito: un primissimo piano del suo “pacco” contenuto in un paio mutande bianche che riempiva tutto lo schermo in una scena di “Prosciutto, prosciutto”.
Con questo film Bardem dava vita al personaggio del macho iberico che lo ha contraddistinto fino ad oggi e che si era trasformato in un’etichetta indelebile. Del resto lo stesso Bigas Luna, regista di “Prosciutto, prosciutto” lo aveva scelto per la sua faccia dura, la virilità dirompente e un’indiscutibile carica sessuale. Cosí, scopando Stefania Sandrelli circondato da prosciutti appesi al soffitto o toreando completamente nudo alla luce della luna, Javier entrava di diritto nell’immaginario collettivo gay. Del resto già nel suo primo film “Le etá di Lulú” aveva interpretato un morboso gigoló pronto a offrire i suoi servizi al miglior compratore e ora ha deciso di dare una svolta alla sua carriera abbandonando il personaggio che lo ha reso famoso e interpretando invece quello di un omosessuale.

A LETTO CON JAVIER BARDEM - 0249 bardem3 - Gay.it

Nel film “Seconda pelle”, in questi giorni nelle sale italiane, Bardem si cala nel ruolo di Diego, un traumatologo gay senza complessi, innamorato di un ingegnere incapace di accettare la sua omosessualità e di lasciare la doppia vita che lo porta dal letto dell’amante a quello della moglie.
Filmare Javier Bardem mentre bacia e fa l’amore con Jordi Mollà , l’attore che interpreta l’ingegnere e che in “Prosciutto, prosciutto” era il giovane figlio della Sandrelli, è stata una scommessa giocata e vinta dal regista Gerardo Vera. Nonostante i timori che il pubblico spagnolo non avrebbe gradito questa “profanazione” del suo idolo machista per eccellenza, i risultati al botteghino sono stati infatti eccellenti.
“Andare a letto con Jordi – ha dichiarato l’attore – è stato facile. Siamo amici e c’era una confidenza e una mancanza di pudore nel toccarci che superava i problemi che si creano in qualsiasi scena di sesso, etero o omo che sia. Anzi, sono state girate scene molto piú hard di quelle che poi si vedono sullo schermo, ma Gerardo ha avuto ragione nel trattare il sesso come un mero elemento narrativo e non come un elemento morboso”.

I fans di Bardem, per consolarsi del fatto che potranno solo immaginare queste scene hard tagliate in fase di montaggio, possono in ogni caso rivedere i suoi film che contengono sempre una forte carica di fisicità, tanto che Javier è in assoluto l’interprete piú “nudo” del cinema spagnolo.
Non poteva essere altrimenti dato che Bardem è l’attore feticcio di Bigas Luna che dopo “Prosciutto prosciutto” lo ha voluto in “La teta y la luna” e soprattutto come protagonista di “Uova d’oro”. In questo film Bardem, che intrepreta uno speculatore edilizio ossessionato dal potere e dal sesso (le uova in spagnolo sono gli attributi maschili), ha raggiunto il culmine dell’identificazione con il macho iberico. “Questa immagine – ha voluto peró puntualizzare Javier – è una creazione del regista Bigas Luna e della sceneggiatrice Cuna Casals e io gli dó solo corpo. Parallelamente ho una vita privata che non non diró se concorda o meno con questo tipo di comportamento, anche se credo di no. In ogni caso queste interpretazioni mi hanno dato un posto nel mondo del cinema e io non le rinnego”.
Una fisicità cosí “animale” (definizione dello stesso Bardem) non poteva passare inosservata a Pedro Almodovar che volle l’attore in “Tacchi a spillo” e soprattutto come protagonista maschile di “Carne Tremula”: anche su una sedia rotelle Javier dimostra la sua enorme carica sexy accanto a Francesca Neri. In questi dieci anni di variazioni sul tema del macho iberico, dal drogato in “Días contados”(1993) al assassino di “Perdida Durango” (1997), da amante di Ornella Muti in “L’amante bilingue” (1992) a quello di Victoria Abril in “Entre las piernas” (1999), Javier Bardem è diventato uno degli attori spagnoli piú apprezzati e premiati, ma ora ha deciso di cambiare registro.
Cosí dopo “Seconda pelle” lo vedremo presto in “Before the night falls” interpretando il poeta cubano Reinaldo Arenas, perseguitato come poeta e soprattutto come omosessuale.
Sembra che Javier ci abbia preso gusto: non è detto dunque che il simbolo del macho iberico degli anni ‘90 si trasformi nel 2000 in icona gay.

Filmografia
Segunda piel (2000)
Los lobos de Washington (1999)
Entre las piernas (1999)
Torrente, el brazo tonto de la ley (1998)
Dancer upstairs (1998)
Perdita Durango (1997)
Carne trémula (1997)
Airbag (1997)
Más que amor, frenesí (1996)
Éxtasis (1996)
El amor perjudica seriamente la salud (1996)
Boca a boca (1995)
La madre (1995)
El detective y la muerte (1994)
Días contados (1994)
La teta y la luna (1994)
El amante bilingüe (1993)
Huidos (1992)
Jamón, jamón (1992)
Tacones lejanos (1991)
Amo tu cama rica (1991)
Las edades de Lulú (1990)

di Silvio Ajmone – da Barcellona

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24

Leggere fa bene

Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24
tdor-2023-milano

Milano: “dove sono finiti registro di genere e carriere alias?”

News - Francesca Di Feo 10.11.23
Foto: Villaggio San Francesco

Papa Francesco sulla benedizione a donne e omosessuali: “Chi si scandalizza è ipocrita!”

News - Redazione Milano 7.2.24
Cosa intendiamo per affermazione di genere?

Genere non binario (ENBY): il sondaggio Genderation Data Drive per una raccolta dati sulle identità Non-Binary

News - Redazione Milano 9.4.24
graeme-reid-sogi

Difesa dei diritti LGBTIQA+ in Europa: eletto Graeme Reid in SOGI, ecco chi è e di cosa si occupa

News - Francesca Di Feo 20.10.23
furry gay SiegedSec

Si firmano “furry gay” e vogliono “ragazze gatto”: hacker attaccano il più grande laboratorio nucleare al mondo

News - Redazione Milano 24.11.23
palestina lgbtiq

Come vivono le persone LGBTIQ+ a Gaza e nei Territori Palestinesi

News - Redazione Milano 13.11.23
Leo Varadkar, il primo storico premier gay d'Irlanda si è dimesso: "Ragioni politiche e personali" - Scaled Image 100 - Gay.it

Leo Varadkar, il primo storico premier gay d’Irlanda si è dimesso: “Ragioni politiche e personali”

News - Redazione 21.3.24