A LETTO CON JAVIER BARDEM

L'attore spagnolo, fra i più nudi del grande schermo, si confessa e cambia pelle: da macho iberico diventa gay e un sogno si avvera. Ma solo al cinema...

A LETTO CON JAVIER BARDEM - 0249 bardem2 - Gay.it
4 min. di lettura
A LETTO CON JAVIER BARDEM - 0249 bardem1 - Gay.it

Il primo incontro, nel 1992, tra il ventiduenne Javier Bardem e il pubblico italiano non poteva essere piú esplicito: un primissimo piano del suo “pacco” contenuto in un paio mutande bianche che riempiva tutto lo schermo in una scena di “Prosciutto, prosciutto”.
Con questo film Bardem dava vita al personaggio del macho iberico che lo ha contraddistinto fino ad oggi e che si era trasformato in un’etichetta indelebile. Del resto lo stesso Bigas Luna, regista di “Prosciutto, prosciutto” lo aveva scelto per la sua faccia dura, la virilità dirompente e un’indiscutibile carica sessuale. Cosí, scopando Stefania Sandrelli circondato da prosciutti appesi al soffitto o toreando completamente nudo alla luce della luna, Javier entrava di diritto nell’immaginario collettivo gay. Del resto già nel suo primo film “Le etá di Lulú” aveva interpretato un morboso gigoló pronto a offrire i suoi servizi al miglior compratore e ora ha deciso di dare una svolta alla sua carriera abbandonando il personaggio che lo ha reso famoso e interpretando invece quello di un omosessuale.

A LETTO CON JAVIER BARDEM - 0249 bardem3 - Gay.it

Nel film “Seconda pelle”, in questi giorni nelle sale italiane, Bardem si cala nel ruolo di Diego, un traumatologo gay senza complessi, innamorato di un ingegnere incapace di accettare la sua omosessualità e di lasciare la doppia vita che lo porta dal letto dell’amante a quello della moglie.
Filmare Javier Bardem mentre bacia e fa l’amore con Jordi Mollà , l’attore che interpreta l’ingegnere e che in “Prosciutto, prosciutto” era il giovane figlio della Sandrelli, è stata una scommessa giocata e vinta dal regista Gerardo Vera. Nonostante i timori che il pubblico spagnolo non avrebbe gradito questa “profanazione” del suo idolo machista per eccellenza, i risultati al botteghino sono stati infatti eccellenti.
“Andare a letto con Jordi – ha dichiarato l’attore – è stato facile. Siamo amici e c’era una confidenza e una mancanza di pudore nel toccarci che superava i problemi che si creano in qualsiasi scena di sesso, etero o omo che sia. Anzi, sono state girate scene molto piú hard di quelle che poi si vedono sullo schermo, ma Gerardo ha avuto ragione nel trattare il sesso come un mero elemento narrativo e non come un elemento morboso”.

I fans di Bardem, per consolarsi del fatto che potranno solo immaginare queste scene hard tagliate in fase di montaggio, possono in ogni caso rivedere i suoi film che contengono sempre una forte carica di fisicità, tanto che Javier è in assoluto l’interprete piú “nudo” del cinema spagnolo.
Non poteva essere altrimenti dato che Bardem è l’attore feticcio di Bigas Luna che dopo “Prosciutto prosciutto” lo ha voluto in “La teta y la luna” e soprattutto come protagonista di “Uova d’oro”. In questo film Bardem, che intrepreta uno speculatore edilizio ossessionato dal potere e dal sesso (le uova in spagnolo sono gli attributi maschili), ha raggiunto il culmine dell’identificazione con il macho iberico. “Questa immagine – ha voluto peró puntualizzare Javier – è una creazione del regista Bigas Luna e della sceneggiatrice Cuna Casals e io gli dó solo corpo. Parallelamente ho una vita privata che non non diró se concorda o meno con questo tipo di comportamento, anche se credo di no. In ogni caso queste interpretazioni mi hanno dato un posto nel mondo del cinema e io non le rinnego”.
Una fisicità cosí “animale” (definizione dello stesso Bardem) non poteva passare inosservata a Pedro Almodovar che volle l’attore in “Tacchi a spillo” e soprattutto come protagonista maschile di “Carne Tremula”: anche su una sedia rotelle Javier dimostra la sua enorme carica sexy accanto a Francesca Neri. In questi dieci anni di variazioni sul tema del macho iberico, dal drogato in “Días contados”(1993) al assassino di “Perdida Durango” (1997), da amante di Ornella Muti in “L’amante bilingue” (1992) a quello di Victoria Abril in “Entre las piernas” (1999), Javier Bardem è diventato uno degli attori spagnoli piú apprezzati e premiati, ma ora ha deciso di cambiare registro.
Cosí dopo “Seconda pelle” lo vedremo presto in “Before the night falls” interpretando il poeta cubano Reinaldo Arenas, perseguitato come poeta e soprattutto come omosessuale.
Sembra che Javier ci abbia preso gusto: non è detto dunque che il simbolo del macho iberico degli anni ‘90 si trasformi nel 2000 in icona gay.

Filmografia
Segunda piel (2000)
Los lobos de Washington (1999)
Entre las piernas (1999)
Torrente, el brazo tonto de la ley (1998)
Dancer upstairs (1998)
Perdita Durango (1997)
Carne trémula (1997)
Airbag (1997)
Más que amor, frenesí (1996)
Éxtasis (1996)
El amor perjudica seriamente la salud (1996)
Boca a boca (1995)
La madre (1995)
El detective y la muerte (1994)
Días contados (1994)
La teta y la luna (1994)
El amante bilingüe (1993)
Huidos (1992)
Jamón, jamón (1992)
Tacones lejanos (1991)
Amo tu cama rica (1991)
Las edades de Lulú (1990)

di Silvio Ajmone – da Barcellona

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Jordan Bardella Gay.it Roberto Vannacci

Ai Patrioti piace così, Vannacci è troppo anti-gay,: l’omosessualità e le voci manipolatorie su Bardella gay

News - Mandalina Di Biase 21.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24
La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il "Super Bowl di Grindr" (VIDEO) - grindr repubblicani - Gay.it

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il “Super Bowl di Grindr” (VIDEO)

News - Federico Boni 19.7.24
Chi è Noah Williams, il tuffatore con OnlyFans che affiancherà Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024 - Chi e Noah Williams il tuffatore che affianchera Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024 - Gay.it

Chi è Noah Williams, il tuffatore con OnlyFans che affiancherà Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024

Corpi - Redazione 19.7.24
coppia gay roma eur aggressione via delle tre fontane

Pestaggio coppia gay a Roma: individuati i 4 responsabili, non hanno precedenti – articolo in aggiornamento

News - Redazione 20.7.24

Continua a leggere

EuroPride 2027, Torino in gara con Vilnius, Torremolinos e il Gloucestershire - Torino Pride - Gay.it

EuroPride 2027, Torino in gara con Vilnius, Torremolinos e il Gloucestershire

News - Redazione 2.4.24
Sardegna Partito Gay

Il Partito Gay Lgbt+ appoggia Alessandra Todde alle regionali in Sardegna

News - Lorenzo Ottanelli 23.1.24
joe biden pride month 2023 gay pride stati uniti lgbtiq+ trans kids

Joe Biden celebra il Pride Month 2024: “In America siamo tutti uguali, promuovere l’uguaglianza è prioritario”

News - Federico Boni 3.6.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
padova pride 2024, sabato 1 giugno

Padova Pride 2024: sabato 1 giugno

News - Redazione 29.2.24
Rocco Casalino, insulti omofobi dal ras degli ambulanti Augusto Proietti: "Fr*cio miserabile" (VIDEO) - Il Portavoce di Rocco Casalino 2 - Gay.it

Rocco Casalino, insulti omofobi dal ras degli ambulanti Augusto Proietti: “Fr*cio miserabile” (VIDEO)

News - Redazione 4.3.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: "Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni" - Pride Croisette 2 - Gay.it

Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: “Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni”

News - Federico Boni 12.6.24