AIDS: il paziente zero, accusato di aver diffuso l’epidemia, è stato scagionato

Gaetan Dugas era stato definito il vero "untore", solo per i pregiudizi sulla sua promiscuità e per una ricerca statistica di un giornale scientifico: in realtà non fu lui a diffondere l'epidemia negli Stati Uniti.

AIDS: il paziente zero, accusato di aver diffuso l'epidemia, è stato scagionato - gaetan dugas - Gay.it
2 min. di lettura

Gaetan Dugas, steward dell’Air Canada, è stato a lungo considerato come il “paziente zero”, responsabile di aver diffuso l’AIDS negli Stati Uniti nel 1981: ma secondo una nuova ricerca apparsa su Nature, non sarebbe lui l’untore della malattia, né è chiaro se ce ne sia mai stato uno.

L’importante studio, annunciato dalla rivista Science sette mesi fa e realizzato da Michael Worobey dell’Università Arizona di Tucson, getta nuova luce sul mistero della diffusione dell’AIDS, che ha ucciso più di 500.000 persone solo negli Stati Uniti: secondo i nuovi dati il virus dell’HIV sarebbe arrivato dai Caraibi a New York all’inizio degli anni 70, diffondendosi da lì nel tempo. Sono stati analizzati oltre 2.000 campioni biologici raccolti tra il 1978 e il 1979 con una tecnica mai utilizzata prima: è stato possibile costruire una sorta di “albero genealogico” delle diverse evoluzioni del virus, che ha attraversato vari stadi. È emerso che negli anni 70 il virus aveva già subito dei mutamenti, probabilmente dopo lo scoppio di una prima epidemia nei Caraibi e ad Haiti; grazie a questa scoperta è stato possibile confrontare i campioni con quelli di Dugas, che è risultato avere una versione del virus collocabile a metà dell’albero genealogico, già ampiamente evoluta. Non poteva quindi essere lui il “padre” dell’epidemia, né è dato sapere se è esistito un altro paziente zero: il dato certo è che la pandemia è iniziata a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo, per poi passare ai Caraibi e negli Usa. “È stata New York il vero crocevia della diffusione del ceppo, arrivato poi in tutto il mondo“, chiosa Worobey.

La storia di Gaetan Dugas è quindi da considerarsi come una leggenda metropolitana: biondo e attraente, venne marchiato come “untore” a causa della sua promiscuità (aveva dichiarato di aver avuto almeno 250 rapporti nell’ultimo anno) e di uno studio pubblicato nel 1984 sull’American Journal Of Medicine. Nell’analisi vennero ricostruiti i rapporti sessuali dei primi 248 infettati e emerse che lo steward aveva fatto sesso con 40 di loro: morì il 20 marzo del 1984, a soli 31 anni, per un blocco renale dovuto alle complicanze della malattia. Nonostante ci fosse una totale assenza di prove tangibili, la leggenda si diffuse presto, tanto da renderlo oggetto di articoli, film e documentari.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

Continua a leggere

1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza” - stigmahiv - Gay.it

1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza”

Corpi - Daniele Calzavara 30.11.23
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə? - cover - Gay.it

Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə?

Corpi - Gay.it 6.5.24
hiv aids stigma momenti storici lady diana fernando aiuti elthon john madonna liz taylor angela lansbury

Gli indimenticabili momenti storici contro lo stigma dell’hiv

Corpi - Federico Boni 29.11.23
Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale - donatella versace alessandro zan milano check point 2 - Gay.it

Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale

Corpi - Redazione Milano 1.12.23
libri hiv stigma Rebecca Makka Hervé Guibért Giulia Scomazzon Elena Di Cioccio

Oltre lo stigma Hiv: libri, narrazioni e discorsi

Culture - Federico Colombo 30.11.23
Hiv e aids, 9 iconici film che hanno fatto la storia - cover film hiv aids - Gay.it

Hiv e aids, 9 iconici film che hanno fatto la storia

Corpi - Federico Boni 29.11.23