Il cancro dei gay: il 27 luglio 1982 veniva eliminata l’orribile definizione legata all’AIDS

Il cancro dei gay: così era conosciuto l'AIDS, prima che le istituzioni iniziarono finalmente ad interessarsene. Accadeva "solo" 38 anni fa.

hiv gene sieropositive contagi cancro dei gay
HIV Nuova vaccino in arrivo
2 min. di lettura

Non esiste nessuna correlazione tra omosessualità e AIDS. Questo quello che uscì dalla riunione tra Governo USA, il Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta e gli esponenti del movimento omosessuale dell’epoca. Era il 27 luglio 1982, e gli Stati Uniti stavano vivendo una crisi sanitaria senza precedenti, quella definita Gay-Related Immune Deficiency, o GRID. Quel giorno, dalla riunione emerse un fatto: l’HIV e l’AIDS non colpiscono solo le persone omosessuali, non si può quindi definire “il cancro dei gay”. Con il “dispiacere” di alcuni conservatori americani.

Era il 27 luglio 1982 e l’AIDS venne identificato con la sua esatta definizione, usata ancora oggi: sindrome da immunodeficienza acquisita (Acquired Immune Deficiency Syndrome), il suo acronimo, appunto AIDS.

Il cancro dei gay e il disinteresse della società

Morbo dei gay. Cancro dei gay. Un virus che colpiva solo i tossicodipendenti e le persone omosessuali. Così era conosciuta quella strana malattia senza cura. Chi veniva infettato, doveva solamente attendere la morte, senza troppa compassione da parte dello Stato e dalla società.

Per questo motivo il 27 luglio 1982 divenne una data importante per la comunità LGBT, perché eliminò quell’orribile definizione con cui era conosciuto l’AIDS. Oltre a tanti altri: la malattia, il morbo, il cancro dei gay.

Da quell’anno, la ricerca fece anche passi in avanti. Accertato che non attaccava solo i gay, anche la medicina decise che era un nemico di cui aver paura. Fu così che solo 5 anni dopo si parlò di HIV, e si trovarono i primi farmaci che potevano rallentare l’effetto distruttivo. Oggi, con una diagnosi rapida, una persona sieropositiva può condurre una vita normale, rispetto a decenni fa.

Il paziente di Berlino e gli altri due guariti

Non c’è una cura. I farmaci anti retrovirali ormai da anni riescono a bloccare la diffusione del virus, portando anche il rischio di contagio pressoché a zero. Solo 3 persone sono guarite completamente. Il primo è appunto il paziente di Berlino“, chiamato così per ragioni di riservatezza.

Era il 2007 quando il paziente, affetto da leucemia e sieropositivo da 10 anni, fece un trapianto di midollo. Con stupore di medici ed esperti, anche il virus dell’HIV era sparito, anche dopo l’interruzione dei farmaci.  A quanto pare, fu il DNA del donatore anonimo, che aveva una mutazione particolare, resistente all’HIV.

La stessa cosa avvenne per il paziente di Londra”, che guarì completamente grazie al trapianto di midollo. Diversa invece la cura per il “paziente di San Paolo”, scoperto solo a luglio 2020. Il merito sarebbe di un nuovo mix di farmaci, che ha stanato il virus il cui vantaggio sta proprio nel nascondersi nell’organismo, sfuggendo alle terapie e continuando a intaccare il sistema. Da oltre un anno, il “paziente di San Paolo” non assume farmaci, e sembra che il virus non dia segni di vita.

Lo stigma rimane, ancora oggi

Nonostante le prove scientifiche presentate che eliminavano ogni collegamento tra omosessualità e AIDS, lo stigma del “cancro dei gay” è a lungo restato a galla. Purtroppo ancora oggi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Lewis Hamilton elogia Ralf Schumacher per il coming out: "Un messaggio di libertà, che tutti possano fare lo stesso" - Lewis Hamilton elogia Ralf Schumacher per il coming out - Gay.it

Lewis Hamilton elogia Ralf Schumacher per il coming out: “Un messaggio di libertà, che tutti possano fare lo stesso”

News - Redazione 19.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Roma, pestaggio choc a coppia gay. Frustate, calci e pugni. Lo sconvolgente video. "Appello per riconoscere gli aggressori" - Roma pestaggio choc a coppia gay. Frustate e pugni. Lo sconvolgente video - Gay.it

Roma, pestaggio choc a coppia gay. Frustate, calci e pugni. Lo sconvolgente video. “Appello per riconoscere gli aggressori”

News - Redazione 19.7.24
Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti - Palinsesti Rai - Gay.it

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti

Culture - Federico Boni 19.7.24
Alberto Matano e il marito Riccardo Mannino

L’estate 2024 di Alberto Matano tra sole, amore e nuove avventure letterarie: le foto social

Culture - Luca Diana 19.7.24

Leggere fa bene

10 compositori queer che hanno fatto la storia della musica

Da Chopin e Schubert a Tchaikovski fino a Bernstein. 10 compositori queer che sono dei giganti della musica classica

Musica - Redazione 18.3.24
New York, la fermata metro Christopher Street-Sheridan Square diventerà fermata Stonewall - Stonewall Inn - Gay.it

New York, la fermata metro Christopher Street-Sheridan Square diventerà fermata Stonewall

News - Redazione 11.6.24
Pride e ritorno alle origini LGBTIAQ+: 5 libri per capire chi siamo stati - Pride libri - Gay.it

Pride e ritorno alle origini LGBTIAQ+: 5 libri per capire chi siamo stati

Culture - Federico Colombo 11.6.24
Gianna Ciao GIornata Visibilita Lesbica

Gianna Ciao, le lesbiche durante il fascismo e la Giornata Mondiale della Visibilità Lesbica

Culture - Francesca Di Feo 26.4.24
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
La bellezza liberatoria degli infiniti "Pride", per sempre e ovunque: storia visiva dell'orgoglio LGBTQIA+ - pride libro scripta maneant 3 - Gay.it

La bellezza liberatoria degli infiniti “Pride”, per sempre e ovunque: storia visiva dell’orgoglio LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 8.6.24
Eldorado: l doc Netflix sul locale gay di Berlino frequentato da Ernst Röhm e dai nazisti

Gay e nazismo: la tolleranza della prima ora e l’omocausto

Culture - Lorenzo Ottanelli 26.1.24
Icar PrEP Long Acting - Giugno 2024

Prevenzione HIV, l’appello dei clinici e della Community dei pazienti per l’approvazione della Long Acting PrEP

News - Gay.it 20.6.24