Cirinnà e Boldrini in coro sul DDL Zan: “è una legge da approvare subito, giusto si occupi anche di misoginia”

"Il riconoscimento di pari dignità sociale non è un gioco a somma zero: c’è spazio per tutte e tutti", hanno sottolineato la senatrice e la deputata.

Cirinnà e Boldrini in coro sul DDL Zan: "è una legge da approvare subito, giusto si occupi anche di misoginia" - Cirinna e Boldrini - Gay.it
3 min. di lettura

Un articolo scritto in coppia per l’Huffington Post a firma Monica Cirinnà e Laura Boldrini. La prima senatrice Pd, nonché madre delle unioni civili, la seconda ex presidente della Camera, nonché attuale deputata della Repubblica. Cirinnà e Boldrini hanno ribadito l’urgenza della legge contro le discriminazioni e la violenza basate sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere, da approvare il prima possibile.

Si tratta di un intervento cruciale e urgente per arginare una spirale di odio sempre più intensa, che colpisce – nelle case, per le strade, in rete – persone ritenute “non conformi”, perché libere e diverse. Lo sappiamo bene: ogni presa di posizione a favore della libertà, del rispetto dei diritti di tutti e tutte e dell’autodeterminazione diviene il bersaglio di insulti, che colpiscono non le opinioni, ma chi le ha formulate, per quel che è e che rappresenta.

“Per questo”, continuano la senatrice e la deputata, “non comprendiamo le resistenze di chi critica la terminologia usata da questa legge; e non comprendiamo, allo stesso tempo, la posizione di quante ritengono addirittura inutile che questa legge si occupi anche di misoginia“.

Davvero una legge che si occupa di contrasto all’odio, alla violenza, alla discriminazione dovrebbe lasciar fuori le donne? Riteniamo di no. Riteniamo che l’odio verso le donne sia frutto dello stesso clima culturale che alimenta l’odio e la violenza verso le persone LGBT+: seppure con tratti differenti, tutte queste forme di odio affondano le radici nella matrice patriarcale della nostra cultura e della nostra società, che colpisce chiunque si allontani da quel modello. Parlare (anche) di misoginia in una legge che si occupa (anche) di omolesbobitransfobia non significa ridurre le donne ad una minoranza tra le altre, come pure è stato detto e scritto. Significa piuttosto riconoscere che una importante componente dei crimini d’odio è legata all’identità sessuale delle vittime; e che nell’identità sessuale non rientrano soltanto orientamento sessuale e identità di genere, ma anche sesso e genere. Questa non è una legge che tutela minoranze: questa è una legge che introduce nell’ordinamento pari dignità e protezione. Davvero includere la misoginia in questa legge contrasterebbe con gli strumenti di tutela delle donne già previsti dalle norme vigenti? Crediamo di no. Siamo convinte, piuttosto, che la previsione di sesso e genere tra i motivi che possono determinare crimini d’odio vada ad aggiungersi, armoniosamente, a tutto quel che l’ordinamento giuridico già prevede (dal decreto cd. femminicidio, al cd. codice rosso, fino alla normativa in materia di centri antiviolenza). Un tassello in più, che arricchisce il quadro delle tutele, senza pregiudicare in alcun modo quelle già esistenti. Un tassello in più, che protegge dai crimini d’odio la soggettività femminile, comprensiva della specificità sessuale e del genere.

Ed è qui, proprio sul concetto di genere così tanto gratuitamente discusso, che Cirinnà e Boldrini si soffermano.

Davvero, infine, il ricorso al concetto di “identità di genere” finirebbe per cancellare la specificità dei sessi, confondendola in un tutto indistinto? Ancora una volta, riteniamo di no. Non solo perché la proposta di legge tiene assieme sesso, genere e identità di genere, riconoscendo in essi aspetti diversi dell’identità personale, ciascuno dotato di una specifica dignità. Non solo perché quello di identità di genere è un concetto consolidato nella pratica giuridica, a partire dalla legislazione italiana, dalla giurisprudenza costituzionale e dalla giurisprudenza delle Corti europee. Non solo perché la stessa Convenzione di Istanbul, quando si occupa di tutela non discriminatoria delle donne vittime di violenza (all’articolo 4.3), parla di sesso, genere e identità di genere assieme, così riconoscendo in essi aspetti della stessa soggettività femminile. Ma anche, e soprattutto, perché è così che le persone trans rappresentano e nominano il “bene della vita” di cui invocano protezione. E lo sappiamo bene: quando si fanno leggi che riguardano la vita delle persone, è quelle persone che bisogna ascoltare, per capire cosa desiderano, di cosa hanno bisogno, come vogliono essere riconosciute dalla legge.

“L’Italia attende una legge urgente”, hanno concluso. “La attendono le troppe vittime quotidiane dell’odio e della violenza misogina e omolesbobitransfobica. Non possiamo permettere che incomprensioni e contrapposizioni spesso strumentali ne ostacolino il percorso. Il riconoscimento di pari dignità sociale non è un gioco a somma zero: c’è spazio per tutte e tutti”.

Nella giornata di ieri anche la senatrice 5 Stelle Alessandra Maiorino, da noi intervistata, ha ribadito l’urgenza di una legge.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 7.7.20 - 9:36

Quando i vescovi anglicani sedevano di diritto alla Camera dei Lords , almeno ci mettevano la faccia. E , dopo qualche batosta politica che li ha ridicolizzati , hanno imparato a non metter becco in affari che esorbitano la loro funzione. Le nostre tonache viola non siedono in Parlamento ma , tramite le loro marionette , pretendono di dettare ancora le loro regole. Questo sproloquio vuole concludere dicendo di aver più coraggio e , garbatamente , spernacchiare , chi mette in dubbio lo Stato laico.

Trending

Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Dino Fetscher, vacanze d'amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social - Dino Fetscher - Gay.it

Dino Fetscher, vacanze d’amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social

Culture - Redazione 15.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24

Continua a leggere

giorgia-meloni-uomo-dell-anno (2)

Giorgia Meloni “Uomo dell’Anno” per Libero: se il potere è concepibile solo al maschile

News - Francesca Di Feo 29.12.23
Salvini a Belve: "Sui gay io e Vannacci abbiamo idee diverse. Non posso dare lezioni di morale a nessuno" (VIDEO) - Salvini a Belve - Gay.it

Salvini a Belve: “Sui gay io e Vannacci abbiamo idee diverse. Non posso dare lezioni di morale a nessuno” (VIDEO)

News - Redazione 3.4.24
Transgender triptorelina

Triptorelina, 35 associazioni trans* ed LGBTQIA+ chiedono di partecipare al tavolo tecnico per la revisione dei protocolli

Corpi - Francesca Di Feo 28.3.24
Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l'omofoba legge dell'Uganda "Kill the Gay" - Tim Walberg - Gay.it

Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l’omofoba legge dell’Uganda “Kill the Gay”

News - Redazione 29.12.23
Thailandia, parlamento approva quasi all'unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario - Thailandia parlamento 3 - Gay.it

Thailandia, parlamento approva quasi all’unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario

News - Redazione 22.12.23
donald-trump

Cancellata la norma voluta da Donald Trump che consentiva ai medici di negare le cure ai pazienti LGBT+

News - Redazione 12.1.24
Scalfarotto: "Ho chiesto di calendarizzare il disegno di legge sul matrimonio ugualitario. Nessuno mi ha seguito" - Ivan Scalfarotto e Matteo Renzi - Gay.it

Scalfarotto: “Ho chiesto di calendarizzare il disegno di legge sul matrimonio ugualitario. Nessuno mi ha seguito”

News - Redazione 13.3.24
Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia - Caitlyn Jenner - Gay.it

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia

News - Redazione 19.3.24