Ecco perché il coming out dovrebbe scomparire

Sembra che non si possa prescindere dall'attraversare questo momento catartico. Ma è davvero necessario fare coming out?

Ecco perché il coming out dovrebbe scomparire - igor pjorrt - Gay.it
2 min. di lettura

Oggi si celebra la Giornata del coming out, che rivendica la libertà di dichiarare al mondo ciò che si è come atto politico e rivoluzionario. In effetti il coming out come “venir fuori”, “venire allo scoperto” è, potremmo dire, un elemento caratterizzante dell’essere omosessuali, connaturato alla comunità LGBT e inciso sulla pelle di ogni suo membro. Sembra insomma che non si possa prescindere dall’attraversare questo momento catartico, questa tappa immancabile nella vita di ognuno: non farlo vorrebbe dire vivere nell’ombra, implicherebbe costruire la propria quotidianità su un cumulo traballante di menzogne, discolpe e giustificazioni.

Il coming out si configura insomma come un requisito che ci identifica e contraddistingue: io rivelo la mia identità sessuale al mondo perché è necessario, per vivere liberamente la mia esistenza, che la società eteronormata ne sia a conoscenza. Non si è mai visto infatti un etero fare coming out, semplicemente perché la condizione eterosessuale è storicamente e socialmente ritenuta “normale”, tale da non richiedere alcun tipo di esternazione dichiarativa: ad avvalorare questa tesi è l’etimologia del termine coming out, laddove coming out of the closet fa riferimento alla metafora dello skeleton in the cupboard / closet (“scheletro nell’armadio”), qualcosa che si ritiene imbarazzante o sgradevole e che si preferisce tenere nascosto. L’espressione “fare coming out” vorrebbe quindi indicare “l’uscir fuori” dalla vergogna e dall’equivoco di una condizione ritenuta a-tipica (laddove il prefisso a-, detto alfa privativo, indica mancanza e privazione) per “naturalizzarla” e conferirle piena legittimazione.

Il coming out non dovrebbe esistere. Potrebbe suonare pretenzioso, ma non lo è: in una società utopica caratterizzata dalla piena uguaglianza, dall’assoluta accettazione di ogni identità umana e dalla sincera fratellanza (di certo non quella coercitiva millantata dalle grandi religioni monoteiste) dichiarare le proprie preferenze sessuali dovrebbe risultare superfluo e irrilevante. I dati diffusi da Arcigay Agorà e pubblicati dal Corriere della Sera parlano chiaro: appena il 2,11% dei ragazzi tra i 14 e 17 anni si dichiara apertamente. E no, questo non è un dato positivo. Siamo, ahimè, ancora molto lontani dall’ideale fantascientifico di società civile avanzato poc’anzi, e l’esitazione a dichiararsi non è dettata dalla facilitazione progressista della contingenza, bensì da paura, pudore e vergogna che ancora pervadono vari strati della comunità LGBT del futuro. Perché i pregiudizi, in un contesto storico che parrebbe mai più favorevole di ora, permangono ancora. I ragazzini vengono ancora picchiati per strada dai propri coetanei, gli adulti vengono ancora sbattuti a terra dai propri amici (la percentuale di non dichiarati è ancora più altra nella fascia 25-34 anni, 4,82%). Essere ciò che si è senza doverlo necessariamente urlare al mondo è ancora estremamente difficile.

Quale soluzione auspicare? Come costruire un futuro dove non ci viene richiesto di dichiarare necessariamente le nostre preferenze sessuali?Continuando a lottare affinché arrivino una volta per tutte le tutele della legge, contro i soprusi dell’omofobia e delle discriminazioni. Portando avanti le battaglie per l’equiparazione del matrimonio, istituto che deve riconoscere l’uguaglianza di ogni tipo di amore. Rivendicando la libertà dei corpi e delle identità, affinché la nostra quotidianità diventi normalità per tutti, panica e totale.  Così che, magari tra qualche anno, la Giornata del coming out non abbia più ragione d’essere celebrata.

 

In copertina: foto di Igor Pjörrt

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Valium 11.10.16 - 16:23

Difficile ma non impossibile. Io stesso penso che ognuno debba vivere la propria vita senza nascondersi e cercando di rispondere alle domande giuste senza mentire soltanto qualora venisse chiesto. Mi spiace per coloro che vivono in ambienti repressivi o poco sicuri, specialmente nella loro famiglia.

Trending

Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Paola Turci e Francesca Pascale hanno sciolto la loro unione civile

News - Redazione 18.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24

Leggere fa bene

Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Compagni di Viaggio, Robbie Rogers spiega come l'essere stato calciatore gay abbia influenzato il suo lavoro da produttore - Compagni di Viaggio Robbie Rogers spiega come lessere stato calciatore gay abbia influenzato il suo lavoro da produttore - Gay.it

Compagni di Viaggio, Robbie Rogers spiega come l’essere stato calciatore gay abbia influenzato il suo lavoro da produttore

Serie Tv - Federico Boni 24.1.24
Chiara Capitta e Lorella Cuccarini

Lorella Cuccarini “Quando i nostri figli non ci parlano dobbiamo preoccuparci”

News - Redazione Milano 9.2.24
Vittorio Menozzi, Federico Massaro e Stefano Miele, Grande Fratello

Grande Fratello, le parole di Stefano Miele suscitano polemiche: “Secondo me Federico è gay”

Culture - Luca Diana 22.1.24
Chris Colfer di Glee: "Mi dissero di non fare coming out, che mi avrebbe rovinato la carriera" - Chris Colfer glee - Gay.it

Chris Colfer di Glee: “Mi dissero di non fare coming out, che mi avrebbe rovinato la carriera”

Culture - Redazione 5.6.24
Libri LGBTI aprile 2024

Marinai e cowboy, gatti magici e creature degli abissi, serpenti, donne, uomini e bambini: le novità LGBTI+ in libreria

Culture - Federico Colombo 27.3.24
Roberto Poletti parla per la prima volta della sua unione civile con Francesco: "18 anni insieme, non ho nulla da nascondere" - Roberto Poletti 2 - Gay.it

Roberto Poletti parla per la prima volta della sua unione civile con Francesco: “18 anni insieme, non ho nulla da nascondere”

Culture - Redazione 11.3.24
Sean Gunn, il nuotatore olimpico fa coming out. "Mai stato così felice" - Sean Gunn - Gay.it

Sean Gunn, il nuotatore olimpico fa coming out. “Mai stato così felice”

Corpi - Redazione 20.3.24