Commissione Unione Europea: “Riconoscere famiglie arcobaleno in tutta Europa”

Diritti per 2 milioni di bambini. Ursula Von der Leyen: "Se sei genitore in un paese, sei genitore in tutti i paesi". Presto capiremo la scelta del Governo Meloni. Ecco cosa succederà.

ascolta:
0:00
-
0:00
famiglie arcobaleno commissione europea
famiglie arcobaleno commissione europea
2 min. di lettura

I genitori dello stesso sesso e i loro figli devono essere riconosciuti come famiglia in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea, perché la libera circolazione dei cittadini è un valore fondante dell’Unione stessa. È uno dei principi cardine della proposta di regolamento presentata oggi dalla Commissione Europea. Nell’Unione sono attualmente circa 2 milioni i bambini che si vedono negato il rapporto giuridico con i genitori, nel caso in cui la famiglia si trasferisca in un altro Stato membro che non riconosca la genitorialità precedentemente stabilita dal Paese membro di origine.

“La proposta è incentrata sull’interesse superiore e sui diritti del bambino” perché “la genitorialità stabilita in uno Stato membro dovrebbe essere riconosciuta in tutti gli altri Stati membri, senza alcuna procedura speciale”, incluso il riconoscimento per i “genitori dello stesso sesso”.

Inizia a stringersi dunque il cerchio con il quale le istituzione dell’Unione Europea intendono difendere i diritti delle famiglie arcobaleno. Come raccontato da Gay.it in due articoli di anticipazione, presto capiremo se l’Italia sarà un alleato dell’Europa dei diritti, o se il Governo di Giorgia Meloni farà pesare sui diritti le sue radici di estrema destra.

Le nuove norme garantiscono chiarezza giuridica a tutti i tipi di famiglie che si trovano in una situazione transfrontaliera all’interno dell’UE e consentono ai minori di beneficiare dei diritti derivanti dalla genitorialità ai sensi del diritto nazionale, in questioni quali la successione, il mantenimento, l’affidamento o il diritto dei genitori di agire in qualità di rappresentanti legali del minore (per questioni scolastiche o sanitarie).

 

Per l’Unione Europea i figli di genitori dello stesso sesso”avranno stessi diritti in tutta l’Unione”.

Come raccontato in questo articolo, nel quale l’eurodeputata D’Amico ci aveva spiegato in video lo scenario politico-istituzionale, per evitare che alcuni stati – come Ungheria, Italia e Polonia – mettano il veto in sede di Consiglio di Stati membri, e quindi ostacolino il regolamento caldeggiato proprio oggi, 7 Dicembre 2022, dalla Commissione Europea, si sta procedendo verso l’idea di una risoluzione finale del Parlamento Europeo, che potrebbe essere nel Maggio 2023 (qui spieghiamo bene i prossimi passaggi), e che agirebbe come una sorta di pressione politica verso gli Stati membri, che a quel punto difficilmente potrebbero opporsi.

 

 

Sono orgogliosa del nuovo regolamento che stiamo presentando oggi sul riconoscimento della genitorialità nell’Unione Europea. Vogliamo aiutare famiglie e bambin* nelle situazioni trans-frontaliere. Perché se sei genitore in un paese, sei genitore in tutti i paesi
– Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen –

 

Poiché “nel diritto internazionale, nel diritto dell’Unione e negli ordinamenti degli Stati membri tutti i minori hanno gli stessi diritti senza discriminazioni – spiega il regolamento della Commissione – la proposta prevede il riconoscimento della genitorialità di un minore indipendentemente dal modo in cui il minore è stato concepito o nato e indipendentemente dal tipo di famiglia del bambino. La proposta include quindi il riconoscimento della genitorialità di un bambino con genitori dello stesso sesso e anche il riconoscimento della genitorialità di un bambino adottato”.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🇪🇺🌍 (@gayit)

 

Photo by Priscilla Du Preez on Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti - Palinsesti Rai - Gay.it

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti

Culture - Federico Boni 19.7.24
La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il "Super Bowl di Grindr" (VIDEO) - grindr repubblicani - Gay.it

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il “Super Bowl di Grindr” (VIDEO)

News - Federico Boni 19.7.24
Annalisa parla di un Nuovo Album

Annalisa si prepara per un nuovo album: “Voglio invitare un po’ di colleghi”

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
Alberto Matano e il marito Riccardo Mannino

L’estate 2024 di Alberto Matano tra sole, amore e nuove avventure letterarie: le foto social

Culture - Luca Diana 19.7.24

Continua a leggere

Lesbiche di tutta Europa

Lesbiche di tutta Europa sabato a Roma per protestare contro il Governo Meloni: “Anche noi siamo madri”

News - Redazione 25.4.24
georgia-legge-agenti-stranieri (2)

La Georgia come l’Ucraina? I georgiani vogliono l’Unione Europea: cosa sta succedendo

News - Francesca Di Feo 21.5.24
meloni orban

Ungheria, condanna del Parlamento Europeo, ma la destra italiana vota contro

News - Redazione Milano 25.4.24
Tribunale Bergamo Congedi famiglie omogenitoriali.png

L’INPS discrimina le famiglie omogenitoriali, i congedi vanno previsti anche per loro, lo dice il Tribunale di Bergamo

News - Redazione Milano 29.1.24
I Papà per Scelta celebrano i 7 anni di Unione: "L’amore può fare la differenza, ma non ha mai fatto differenze". - papa per scelta - Gay.it

I Papà per Scelta celebrano i 7 anni di Unione: “L’amore può fare la differenza, ma non ha mai fatto differenze”.

Culture - Redazione 11.6.24
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
decreto genitori

Corte d’Appello smentisce il decreto Salvini sulle carte d’identità dei minori: “Applicare la dicitura “genitori””

News - Redazione 15.2.24
Piemonte, l'assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari - Chiara Caucino - Gay.it

Piemonte, l’assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari

News - Federico Boni 24.1.24