Coronavirus: morto Shahin Shahablou, pluripremiato fotografo fuggito dall’Iran causa omofobia

A Londra Shahablou ha lavorato come fotoreporter freelance per organizzazioni come Amnesty International. Il ricordo del compagno.

Coronavirus: morto Shahin Shahablou, pluripremiato fotografo fuggito dall'Iran causa omofobia - Shahin Shahablou - Gay.it
2 min. di lettura

Premiato fotografo iraniano, fuggito a Londra nel 2011 perché esausto dall’omofobia vissuta nel proprio Paese, Shahin Shahablou è deceduto causa complicazioni da Coronavirus. Da sempre gay dichiarato, Shahin è morto la scorsa settimana, pochi mesi dopo aver incontrato il proprio partner Kevin Lismore.

“Voleva davvero qualcuno con cui condividere la sua vita”, ha confessato Lismore a Buzzfeed. “Ha detto che non sarebbe mai stato in grado di trovare un partner, lì in Iran, che sarebbe sempre stato solo sesso. Ma voleva un partner per la vita. ”

Lismore ha definito “qualcosa di molto speciale” quanto accaduto tra loro due, a tal punto che Shahablou credeva che il loro incontro fosse stato un segno del destino. “Questa è stata una cosa così crudele, perderlo così presto”, ha continuato il compagno. “È davvero ingiusto, per lui, per me, i suoi amici e la sua famiglia. È tragico”.

David Gleeson, un amico di Shahablou, ha rivelato di aver preso in considerazione l’idea di rimpatriarlo in Iran, ma la sua famiglia ha pensato che dovesse rimanere a Londra, la città che ormai da anni chiamava casa. A Londra Shahablou ha lavorato come fotoreporter freelance per organizzazioni come Amnesty International. La fotografia è sempre stata la sua vera passione. Pur di continuare a fare quel che voleva fare ha spesso rinunciato a lavori più commerciali, e remunerativi, rimanendo anche senza soldi. Anche per questo motivo lavorava part-time in un supermercato, per arrivare a pagare i conti a fine mese.

Shahablou era una figura assai nota nella comunità LGBT + londinese, avendo fotografato decine e decine di persone LGBT. Aveva paura del coronavirus, perché aveva l’asma e una valvola cardiaca che perdeva. È entrato in ospedale il mese scorso, è stato successivamente dimesso. Poi il 27 marzo la nuova corsa in ambulanza. Ha trascorso i suoi ultimi giorni attaccato a un ventilatore in terapia intensiva.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24

Leggere fa bene