DDL Zan, Luca Barbareschi a Tv Talk: “Oggi è più seguito un LGBT che una famiglia normale”

Barbareschi ha elargito in un paio di minuti appena una quantità di oscenità non indifferenti, insultando gratuitamente la comunità transgender e intersessuale, facendo chiara disinformazione sul DDL Zan.

DDL Zan, Luca Barbareschi a Tv Talk: "Oggi è più seguito un LGBT che una famiglia normale" - DDL Zan Luca Barbareschi a Tv Talk - Gay.it
3 min. di lettura

Sabato pomeriggio a tinte rainbow su Rai 3, con TvTalk che ha affrontato la mediaticità della legge contro l’omotransfobia vista attraverso gli occhi dei tanti personaggi dello spettacolo che hanno deciso di esporsi, chiedendone la calendarizzazione e l’approvazione.

In collegamento con Massimo Bernardini, conduttore, Luca Barbareschi, ex deputato della Repubblica tornato in tv, proprio su Rai3, con In Barba a Tutto, pochi giorni fa partito con il 6.1% di share. Invitato ad esprimere un’opinione sul DDL Zan e sulla campagna social che ha coinvolto direttamente diversi suoi colleghi, Barbareschi ha elargito dichiarazioni totalmente slegate dal DDL e senza alcun fondamento.

I social non stanno facendo assolutamente nulla, è peggio che alcuni comici per una battuta sviliscono un’argomentazione più intelligente, che è quella del problema dei gender. Problema molto complesso, affrontato dallo psichiatra americano Peterson, che l’ha pagata cara perché aver osato dire che c’è solo “lei” o “lui”, ma non esiste un terzo sesso. Non esiste in maniera genetica, l’hanno insultato, lo volevano radiare. Penso che il tema oggi, quello più importante di una società che avrà in un futuro delle figure che non sono essenzialmente uomini o donne è affrontabile, ma è un tema molto complesso che si ribatte su tantissime cose, sulle famiglie. Il paradosso, lo dico come provocazione, è che oggi è più seguito un LGBT che una famiglia normale, purtroppo è così perché fa notizia. Tu puoi essere un trans, metterti i tacchi, puoi fare quello che vuoi, ciò non toglie che tu sia un uomo.

Nessuna replica diretta da parte del conduttore e dei suoi analisti, se non il semplice sottolineare che “questo è un punto di discussione, sicuramente, che non c’entra tantissimo con il DDL Zan“. Eppure Barbareschi ha regalato in un paio di minuti appena una quantità di oscenità non indifferenti, in onda nel pieno pomeriggio del sabato Rai, davanti a 1.1 milioni di telespettatori, insultando gratuitamente la comunità transgender e intersessuale, nonché facendo chiara disinformazione sul DDL in attesa di calendarizzazione al Senato. Come sempre, noi cerchiamo di semplificare una cosa molto complessa, ha provato a ribattere Lella Costa, che ha poi giustamente sottolineato come “il DDL Zan non è questione di schieramento politico: è come dire che l’omosessualità “capita” solo a gente di sinistra. E non è così“.

E pensare che il servizio di lancio sul tema DDL Zan si era chiuso con questa frase di Giorgia Buran: “Ma nella pura efficace messa in scena televisiva, tra testimonial e dibattiti, tra chi è d’accordo e chi no, sembra esserci un grande assente: l’approfondimento“.

E sarebbe questo l’approfondimento corretto ed efficace? Gianmarco Capogna di Possibile se l’è chiesto, su Twitter, domandandosi come mai “in TV si continuano ad invitare persone contrarie al DDL Zan che (stra) parlano di noi e di cose che non sanno. Neanche ora le nostre vite di persone LGBTI valgono abbastanza per essere raccontate da noi stessi. Esistiamo, sappiamo parlare, possiamo autorappresentarci“.

A dir poco discutibile la replica social del conduttore Massimo Bernardini: “Sulle vite no, ma su un ddl passato alla Camera e fermo da 6 mesi in Senato forse sì. Rispetto la campagna di questi giorni, ma quello che serve è una mediazione per arrivare in aula, così che i senatori discutano e votino. Dibattito più largo possibile, se si vuole il risultato.  Capisco la posizione, ma ci sono voci ragionevoli e sensate anche in chi chiede modifiche pur volendo la legge. Avvenire ne ha ospitate molte in questi giorni. È utile l’intransigenza se non porta a niente? Spiego la dinamica: affronto con un’ospite un tema di attualità in tv. Lui, purtroppo, devia il percorso e parla d’altro: è suo diritto, anche se la cosa non è da Tv Talk. Cerco di contenerlo e ricentrare il dibattito, forse non riuscendoci. Ma non siamo show da par condicio“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
gioric70 25.4.21 - 13:38

Sicuramente un trans è molto più uomo di tanti uomini eterosessuali che vanno a farsi scopare da loro ma che poi aprono bocca vomitando cazzate. Allora meglio due trans per certi soggetti almeno gli si tappa più di un orifizio! E mi meraviglio di Barbareschi esprimersi su certi argomenti. Non mi sembra che le famiglie abbiano meno di altre categorie anzi hanno più bonus loro di me single e frocio che pago i loro bonus e che mi ritrovo un cazzo di bonus. Ma per favore facciamola finita di fare i finti perbenisti. Tanto i figli non si fanno più, i matrimoni falliscono ma di quali famiglie si parla? Sarà colpa degli Lgbt? Beh io mi sento più maschio di certi coglioncelli girovaganti e sputasentenze. Ma poi povere donne infelici e insoddisfatte di certi uomini chiacchieroni e senza palle che non vanno più a mignotte ma a trans e questa è storia non si discute. Finiamola per cortesia! Con affetto.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Marco Mengoni, sanremo 2024

Sanremo 2024, il Festival di Marco Mengoni minuto per minuto: in diretta dall’Ariston

News - Luca Diana 6.2.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo Giovani 2023, tutti gli artisti in gara: scopri di più e ascolta i brani

Musica - Luca Diana 3.12.23
Palm Royale, Ricky Martin: "Sono quasi nudo nella serie, indosso ogni tipo di slip" - Ricky Martin1 - Gay.it

Palm Royale, Ricky Martin: “Sono quasi nudo nella serie, indosso ogni tipo di slip”

Serie Tv - Redazione 20.3.24
Domenico Cuomo, Un professore

Domenico Cuomo, da “Mare Fuori” a “Un professore”: è lui la nuova star della GenZ

Culture - Luca Diana 30.11.23
Mahmood outing gay Grande Fratello

Outing a Mahmood “Lui è gay” dice Stefano Miele al Grande Fratello

Musica - Redazione Milano 30.1.24
Beatrice Luzzi, Grande Fratello

Perché Beatrice Luzzi dovrebbe vincere il Grande Fratello? Le nostre pagelle

Culture - Luca Diana 7.3.24