Faenza, liceali al primo giorno di scuola: “Il Torricelli rifiuta l’omofobia”

Il preside è raggiante: “Iniziativa partita da loro, siamo felici”.

Primo giorno di scuola all’insegna della lotta contro l’omofobia: succede a Faenza, dove nella giornata di domani gli studenti torneranno tra i banchi con una motivazione in più.

Dopo la notizia – circolata negli scorsi giorni – relativa alle aggressioni verbali subite a più riprese da uno studente omosessuale del liceo Torricelli Ballardini, i ragazzi hanno deciso: “Il Torricelli Ballardini rifiuta l’omofobia”. Saranno queste le parole e gli striscioni che accoglieranno nelle quattro sedi dell’istituto gli studenti in arrivo da domani, quando torneranno a sedersi tra i banchi di scuola.

La vittima delle aggressioni, subite in tre occasioni da una sua vecchia conoscenza, aveva pubblicato un post su Facebook che è diventato virale in breve tempo: “Ho scritto quel post per manifestare il disagio che ho provato – racconta il giovane 17enne – e ho ricevuto molti messaggi di solidarietà”.

Anche il preside del liceo, professor Luigi Neri, è raggiante per l’iniziativa partita dai ragazzi: “Abbiamo promosso, anche grazie a loro, alcuni incontri dedicati con la partecipazione di Arcigay. L’iniziativa da domani nasce però esclusivamente da loro, da parte nostra non possiamo che esserne felici”.

Faenza, insulti e sputi a 17enne perché gay: “Procederemo per vie legali”

Ti suggeriamo anche  Omofobia a scuola, si dichiara gay e per mesi è vittima dei bulli
Lesbiche

Mamma organizza festa a sorpresa per la figlia trans di 6 anni: “Voleva tagliarsi la gola, ora è felice”

La commovente storia vera di Lynn e di sua figlia Avery, a 5 anni appena disperata perché consapevole di essere nata nel corpo sbagliato.

di Federico Boni