George Kanis: il fotografo underground che documenta la realtà queer di Atene

Atene queer, Il fotografo George Kanis ci mostra le sottoculture giovanili della società greca.

George Kanis: il fotografo underground che documenta la realtà queer di Atene - FOTO UNO - Gay.it
3 min. di lettura

George Kanis è un artista visivo greco, nato e cresciuto nell’isola di Chios. Attualmente vive ad Atene dove è conosciuto per il suo lavoro poliedrico che spazia dalla fotografia alla pittura, dai video alle installazioni; George Kanis esplora a fondo i conflitti di genere, classe e razza nella società greca  fondendo armoniosamente caos e libertà. La sua visione sperimentale della realtà si focalizza soprattutto sui ritratti nudi delle persone nella scena underground di Atene; un viaggio nelle sottoculture giovanili utilizzando un estetica cruda brutale per enfatizzare i sentimenti primordiali dei soggetti durante i servizi fotografici.

Conosciamolo meglio.

George Kanis: il fotografo underground che documenta la realtà queer di Atene - R007630 scaled - Gay.it
@George Kanis

Com’è il mondo LGBTQ ad Atene?
Al giorno d’oggi, in generale, sta migliorando sempre di più, ma molto lentamente qui ad Atene. Vedo tonnellate di discriminazione tra la comunità,  ma anche molti più attivisti che lottano per un futuro migliore. Ci sono più persone queer fuori e orgogliose di quanto non lo fossero pochi anni fa, anche se ancora lottiamo con la legge e la polizia! Non c’è uguaglianza né per legge né per società, quindi il nostro mondo nella realtà non è poi così sognante, ma le persone ci provano sempre di più a farlo evolvere, specialmente le giovani generazioni, quindi c’è sicuramente una speranza.

Com’ è percepita la tua visione artistica ad Atene?
In generale non viene letta facilmente, soprattutto qui in Grecia dove la nudità spesso viene confusa con la pornografia  e con molta difficoltà viene recepita come arte.

George Kanis: il fotografo underground che documenta la realtà queer di Atene - R0019258 - Gay.it
@George Kanis

Qual è il tuo posto preferito LGBT ad Atene?
Sicuramente il club “Bequeer”.

Come hai iniziato a lavorare?
Prendo ispirazione in primo luogo dal mio istinto primordiale. Osservo le persone e gli oggetti e mi perdo nei loro dettagli grazie alla mia sensibilità e sessualità.
Sin da giovane ho iniziato a dipingere i sentimenti astratti poi quando ero al liceo mi sono dedicato alla fotografia e ai video usandoli come mezzo per creare la mia estetica, definire ciò che è bello a modo mio.
Mi sono occupato anche di architettura, interior design e product design ma attraverso la fotografia e la pittura mi esprimo decisamente meglio.

George Kanis: il fotografo underground che documenta la realtà queer di Atene - R007472 scaled - Gay.it
@George Kanis

Dove trovi l’ispirazione per i tuoi lavori?
La mia infanzia è il 60% di ciò che ha plasmato la mia estetica e il resto sono i miei studi, la mia ricerca, gli anni e il lavoro continuo, e quindi la mia ispirazione in primo luogo come istinto primordiale.
Ho sempre sentito di non appartenere a nessun luogo, non potevo adattarmi o legarmi a un gruppo o a famiglia. Così sono diventato l’uomo che sono da solo. All’inizio mi sono affezionato all’arte e poi con il primo amore della mia vita e della comunità sotterranea di Atene ho iniziato creare la mia famiglia di cui sono davvero orgoglioso.
La mia estetica potrebbe non essere cambiata nel corso degli anni, ma il mio lavoro si evolve sempre come un organismo in crescita nutrito continuamente dai miei sentimenti.

George Kanis: il fotografo underground che documenta la realtà queer di Atene - DSF0670 - Gay.it
@George Kanis

Quali sono gli oggetti che preferisci fotografare?
Per lo più persone, i ragazzi che uso nei miei servizi fotografici sono miei amici, ma a volte capita che siano anche estranei. Quando vedo qualcuno per strada con il quale mi piacerebbe lavorare, chiedo loro di farne parte. È una questione di interazione e “tempismo”, e fondamentalmente come mi riconosco in loro.
C’è una connessione tra l’aspetto sessuale e l’arte?
Sicuramente! Alcuni potrebbero dire che è pornografica, altri che è arte, beh forse.. entrambi o nessuno. La nudità è sempre stata una dichiarazione nella storia dell’arte e lo è ancora.
Dal momento in cui cerco di promuovere la mia visione attraverso i miei istinti / sentimenti primari, la sessualizzazione degli oggetti / persone  ne rappresenta una parte importante.

https://www.instagram.com/georgekanis/

 

George Kanis: il fotografo underground che documenta la realtà queer di Atene - DSF9784 scaled - Gay.it
@George Kanis

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: "L'amicizia non finisce mai" (foto e video) - Victoria Beckham - Gay.it

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: “L’amicizia non finisce mai” (foto e video)

News - Redazione 22.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24

Hai già letto
queste storie?

Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23
c'è ancora domani

Per fortuna c’è ancora Paola Cortellesi

Cinema - Riccardo Conte 14.11.23
Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Berrettini, Tovey, Mengoni e Timberlake - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Berrettini, Tovey, Mengoni e Timberlake

News - Redazione 28.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24