Foto

Chiamami col mio nome: quando le persone trans si raccontano come vogliono

Al PAC di Milano una mostra fotografica che destruttura gl stereotipi e cambia lo sguardo sulle storie trans: dal pietismo all'empowerment.

ascolta:
0:00
-
0:00
Chiamami col mio nome: quando le persone trans si raccontano come vogliono - homepage ri scatti scaled 2 - Gay.it
2 min. di lettura

Se dal 7 Ottobre al 5 Novembre passate per Milano, fate tappa al PAC: è in mostra presso il Padiglione dell’Arte Contemporanea Chiamami col mio nome, nuovo progetto fotografico di RI-SCATTI (associazione di volontariato che dal 2014 realizza progetti riscatta le comunità marginalizzate attraverso la fotografia) a cura di Diego Sileo e in collaborazione con l’Associazione per la Cultura e l’Etica Transgenere (ACET) e l’Associazione ALA Milano.

Ma mettete da parte le narrazioni pietistiche e spettacolarizzate che piacciono tanto al pubblico cisgender: alla pornografia del dolore, il progetto preferisce rendere le persone trans protagoniste, permettendo loro di raccontare quello che desiderano, come desiderano.

Un lavoro di tre mesi che vede il coinvolgimento di ogni partecipante, e come spiega Guglielmo Giannotta di ACET Milano, alla massima libertà espressiva accompagna un fil rouge comune: “Il corpo; un corpo politico, che non chiede di essere accettato o convertito, bensì ascoltato e riconosciuto nella sua libertà di autodeterminarsi in quanto tale“.

È proprio questa la chiave di volta della mostra: se ognunə decide per il proprio corpo, può decidere anche come raccontarlo, in pieno controllo della propria storia.

Noi ci occupiamo di politica, cultura ed etica e l’arte è il perfetto contenitore delle varie sfaccettature che ci contraddistinguono come associazione” ci dice Giannotta “ə ragazzə di ACET che hanno partecipato non solo hanno saputo davvero rendere l’arte politica ma soprattutto che, attraverso le loro immagini, sono riuscitə a raccontare le istanze di un movimento, che vede le persone trans nell’ottica dell’empowerment e non del pietismo, decostruendo una narrazione sbagliata che da fin troppi anni grava su di noi. Raccontare così tanto in uno scatto è estremamente difficile, loro ci sono riuscitə“.

Alle fotografie, il progetto ha affiancato anche spazi educativi sui temi e le istanze della comunità transgender in Italia, con tanto di pannelli che ripercorrono la storia del movimento nella città di Milano, dagli inizi ad oggi: “Cosa molto importante” sottolinea Giannotta “Perché la storia della comunità trans è prevalentemente orale e comunque più in generale non è mai stata raccontata in uno spazio espositivo istituzionale, sia un glossario contenente le parole più utilizzate dalla comunità trans”.

Chiamami col mio nome si pone l’obiettivo di decostruire gl stereotipi e spera di smussare lo sguardo di chi guarda, prestandolo ad una visione finalmente stratificata, passando dal pietismo all’empowerment: “Ovvero nel momento in cui passeranno dal vederci come delle povere persone con disagio nate nel corpo sbagliato a persone che affrontano sicuramente più difficoltà della media ma le cui difficoltà sono principalmente dettate dalla mancanza di tutele e diritti” dichiara Giannotta, concludendo: “Saremmo soddisfatti se la mostra riuscisse a trasmettere alle persone che la cosa da aggiustare non siamo noi, ma le procedure che regolamentano le nostre vite grazie alle quali, benchè paghiamo le tasse come tutti gli altri, abbiamo l’accesso garantito a un decimo delle cose, molte delle quali, as far as I can remember, sono previste dalla Costituzione”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Discorso di Re Carlo terapie di conversione farmaci bloccanti

Gran Bretagna, Re Carlo “Divieto assoluto alle terapie di conversione incluse le persone trans”: il discorso scritto dai Laburisti vincitori alle elezioni

Corpi - Redazione Milano 17.7.24
Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe? - Kit Connor di Heartstopper sara Hulkling supereroe gay nel Marvel Cinematic Universe - Gay.it

Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe?

Culture - Redazione 17.7.24
tormentoni queer dal 2000 al 2023

Tormentoni queer, dal 2000 al 2023 le canzoni che hanno reso indimenticabili le nostre estati

Musica - Emanuele Corbo 15.7.24
Omar Rudberg, la "salatissima" vacanza social della star di Young Royals - Omar Rudberg 0 - Gay.it

Omar Rudberg, la “salatissima” vacanza social della star di Young Royals

Culture - Redazione 17.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24
Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: "È tutto molto veritiero e positivo" - Agatha All Along - Gay.it

Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: “È tutto molto veritiero e positivo”

Serie Tv - Redazione 17.7.24

Continua a leggere

Hunter Schafer e la storia d'amore con Rosalìa durata 5 mesi: "Oggi è famiglia, qualunque cosa accada" - Hunter Schafer e Rosalia - Gay.it

Hunter Schafer e la storia d’amore con Rosalìa durata 5 mesi: “Oggi è famiglia, qualunque cosa accada”

Culture - Redazione 3.4.24
trans-visibility-night-star-t-2024

Torino ospita la quarta edizione di Star.T: una notte dedicata alla visibilità trans per celebrare storie, talenti e memoria

Culture - Francesca Di Feo 15.3.24
Atlete trans svantaggiate rispetto a quelle cisgender, i risultati di uno studio - Lia Thomas foto - Gay.it

Atlete trans svantaggiate rispetto a quelle cisgender, i risultati di uno studio

Corpi - Francesca Di Feo 24.4.24
The Sandman, Indya Moore nel cast della 2a stagione nel celebre e rivoluzionario ruolo trans di Wanda - The Sandman Indya Moore di Pose nel cast della 2a stagione nel celebre e rivoluzionario ruolo di Wanda - Gay.it

The Sandman, Indya Moore nel cast della 2a stagione nel celebre e rivoluzionario ruolo trans di Wanda

Serie Tv - Redazione 3.7.24
Foto da Progetto Gender Queer- No Binary Blog

Cose che non sapevamo: nell’Orlando Furioso c’era fluidità di genere?

Culture - Riccardo Conte 10.6.24
Candy Darling, 1971. © Jack Mitchell.

Chi era Candy Darling, l’icona trans* degli anni ’70

Culture - Riccardo Conte 27.4.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
Photo: Rogelio V. Solis

ll Parlamento inglese accoglie il primo panel per la tutela dellə bambinə trans*

News - Redazione Milano 7.2.24