Spagna. Le migliori esperienze friendly a Barcellona e Madrid

Barcellona e Madrid sono le mete più amate dal turismo LGBTQ. E ci sono tanti motivi! Scopri in questa guida completa le esperienze friendly che non puoi perderti quando ti trovi qui in vacanza

guida gay spagna
Shutterstock
8 min. di lettura

Dalla Spagna possiamo tutti prendere lezioni di tolleranza.

L’immigrazione, ad esempio, non è considerata un problema: i dati di una ricerca di Chatman House, il centro di studi britannico specializzato in analisi geopolitiche, mostrano come gli spagnoli abbiano una migliore immagine degli immigrati, inclusi i rifugiati e i migranti economici, rispetto ad altri Stati europei.

Sono, inoltre, diversi gli studi, come il World Values Survey e quello effettuato dal Pew Research Center, che confermano la debolezza o, meglio, la quasi totale assenza di comportamenti omofobi nel Paese. Ma basta studiare la storia dei diritti LGBTQ+ in Spagna per scoprire il motivo della posizione di questo Stato nella classifica dei Paesi dal più alto grado di libertà nei confronti dei cittadini di ogni orientamento sessuale e identità di genere.

Non è un caso, quindi, che la Spagna offra le migliori mete turistiche in tema di vacanze LGBTQ friendly.

In questo articolo ti portiamo a conoscenza delle esperienze che puoi vivere nelle due destinazioni più amate dal turismo LGBTQ+. Ci stiamo riferendo, in particolare, a Barcellona e Madrid: una è la capitale cosmopolita della Catalogna (celebre per la pletora di gay clubs, eventi, festival e spiagge gay friendly); l’altra è la capitale dello Stato, terza al mondo a legalizzare il matrimonio gay e famosa per il Pride più partecipato in tutta Europa.

Prosegui nella lettura per scoprire ora le esperienze friendly imperdibili.

barcellona e madrid gay, guida gay spagna
Shutterstock

Barcellona

Barcellona è diventata una delle destinazioni preferite per la comunità LGBTQ+.

I “barcelonès” (o “barcelonins”, in catalano), quando vengono a conoscenza del tuo orientamento sessuale o della tua identità di genere, ti srotolano praticamente un tappeto rosso davanti ai tuoi occhi. Si tratta di una metropoli open-minded. E l’apertura nei confronti della comunità è evidente, in particolare, nella Gaixample, come viene chiamata dai cittadini.

La Gaixample, centro della movida LGBTQ+

La Gaixample (che si pronuncia “gai-sham-ple”) è il nome dato dagli abitanti del luogo al secondo distretto di Barcellona, Eixample, il più popolato in assoluto e che occupa la parte centrale della città. È da questo distretto, inoltre, che molti consigliano di iniziare il proprio itinerario per scoprire l’architettura modernista della città e il suo Barrio Gotico.

La maggior parte dei locali gay, come puoi immaginare già dal nickname dato al distretto, è concentrato qua. Ed è anche per questo motivo che, passeggiando lungo le vie della Gaixample, ti capiterà sicuramente di vedere molte coppie dello stesso sesso camminare mano nella mano. Ci sono anche dei negozi specializzati nella vendita di magazine, libri e dvd a tematica LGBTQIA, come ad esempio la “Llibreria Nosotr@s”, che si trova su Carrer de Casanova, 56.

gayxample barcellona, guida gay spagna
Shutterstock

Locali gay friendly a Barcellona

Tra i bar gay friendly, dove andare semplicemente a bere qualcosa e a trascorrere una serata tranquilla, menzioniamo i seguenti:

  1. Belladonna (carrer de la Diputació 222), dove provare mojitos di tutti i gusti;
  2. Dietrich (carrer Consell de Cent 255), un bar moderno e raffinato con spettacoli drag durante la settimana;
  3. Atame (carrer Consell de Cent 257) che ha uno spazio anche per ballare e dove il lunedì c’è serata karaoke;
  4. Moeem (carrer Muntaner 11), un locale molto piccolo e sempre pieno, che organizza molti eventi friendly;
  5. People Lounge (carrer Villarroel 71), un locale elegante che trasmette musica jazz ed è frequentato da una clientela over 30.

Nonostante la moltitudine di gay club, il locale storico e più importante del distretto, dove trascorrere una serata di ballo e divertimento, è il Metro. Si tratta di un grande gay club in C/ Sepúlveda, 185 che possiede due sale da ballo, cinque bar, una dark room ed una sala video.

È qui che puoi partecipare ai migliori spettacoli drag e ballare sulle note, perché no, anche di Raffaella Carrà, che in Spagna, come in Italia, è una vera e propria icona gay.

locali gay friendly a barcellona
Shutterstock

Spiagge gay friendly nei dintorni di Barcellona

Barcellona è sicuramente una città ricca di storia e cultura, ma è anche una città di mare dove in estate, grazie al clima mediterraneo, si possono godere giornate di relax in spiaggia.

Le spiagge sono molte, prevalentemente di sabbia dorata e tutte facilmente raggiungibili a piedi o con i mezzi. Quelle dove è presente l’area nudista e che sono frequentate da gay sono le seguenti:

  • La spiaggia della Mar Bella, situata nel litorale est della costa barcellonese. Oltre ad avere uno spazio dedicato al nudismo e ad essere amata dal pubblico gay, è qui che si svolge uno dei festival LGBTQIA più importanti della città, il Circuit Festival.
  • La spiaggia di Sant Sebastià e Barceloneta. Queste due spiagge formano una spiaggia lunga oltre 1 km che parte dal W Hotel verso la Marina Olimpica. L’area nudista è segnalata nelle pietre della passerella in diverse lingue ed è vicino all’estremità meridionale di Sant Sebastià.
spiagge gay barcellona
Shutterstock

Cultura LGBTQIA a Barcellona

La metropoli offre tutta una serie di eventi e attrazioni culturali dedicati alla comunità. Sono due, ad esempio, i festival del cinema gay lesbico e queer culture che si tengono da giugno a ottobre:

  • il “FIRE!!”, organizzato da Casa Lambda e che, solitamente, viene organizzato nel mese di giugno. Il nome del festival è un omaggio ad una rivista newyorchese omonima degli anni ’20 diretta dallo scrittore omosessuale Richard Bruce Nugent;
  • il Gay and Lesbian Film Festival of Barcelona (FICGLB), che si tiene generalmente dal 18 al 28 ottobre ed è organizzato da Filmoteca de Catalunya. Il biglietto singolo per una proiezione costa circa 4 euro;

Un altro evento molto partecipato è il campionato sportivo Panteresports, che si svolge nel mese di settembre. Nel 2021 si terrà dal 17 settembre al 19 settembre e tra i tornei ci saranno quelli di calcio, nuoto, pallavolo, basket, beach volley e paddle tennis.

Tra le librerie, specializzate in cultura gay, lesbica e queer, segnaliamo le seguenti: Antinoo, aperta da circa 15 anni; Cómplices, la prima libreria a specializzarsi in letteratura LGBTQ+ in Spagna.

Madrid

Madrid non è la città dove la comunità LGBTQ+ si ritrova solo in un quartiere, come accade in altre capitali. L’intera città di Madrid è gay friendly: puoi baciare il tuo ragazzo o la tua ragazza in pubblico, senza destare alcuno scalpore e senza avere timore di incorrere in episodi di omofobia.

Raramente incontrerai ostilità e men che meno un commento omofobo. Sono davvero pochissime le città al mondo che offrono lo stesso tipo di accoglienza.

Tra l’altro si stima che la popolazione LGBTQ+ sia pari a circa 500.000 persone. Dato che la città ed i dintorni hanno una popolazione pari più o meno a 5 milioni di persone, questa rappresenta circa il 10% dell’intera regione. Con numeri così elevati, di certo le persone LGBTQ+ non passano inosservate, ma soprattutto non si nascondono e non si fanno problemi nell’essere pienamente sé stesse in pubblico.

Madrid è la meta turistica ideale anche e soprattutto per il fatto che il clima qui è estremamente gradevole. I giorni di sole all’anno sono più di 300. A parte i mesi più freddi come gennaio e febbraio, vedrai sempre gente all’aperto, in strada più o meno a tutte le ore.

Scopri qui di seguito alcune esperienze gay friendly che non puoi farti mancare una volta che sei arrivato nella metropoli.

madrid gay friendly, guida gay spagna
Shutterstock

I quartieri gay di Madrid

Madrid è piena di quartieri differenti tra loro ed ognuno ha il proprio stile. Chiaramente c’è un quartiere gay per eccellenza, Chueca, dove c’è la maggior concentrazione di bar e locali LGBTQ+. È qui che la comunità si è riunita per lungo tempo. Ma, da quando Madrid è diventata più accogliente, i gay, le lesbiche, i bisessuali, i transgender e le persone queer si sono spostate oltre i confini del quartiere.

Oggi altri quartieri gay friendly molto frequentati sono Malasaña, La Latina e Lavapies. Sempre più locali stanno aprendo in questi quartieri e in tutta la città.

Madrid offre di tutto per la comunità LGBTQ+. Ha una grande nightlife ed opzioni differenti tra cui scegliere: ci sono bar, club, saune ed altro per farti divertire e ballare fino al mattino. Dopo che i club alle 6 del mattino chiudono, ci sono anche after-party fino alle 10 o fino a mezzogiorno.

esperienze gay a madrid, quartieri gay di Madrid
Shutterstock

Locali, gay club e saune di Madrid

La maggior parte dei locali gay che stiamo per elencarti è concentrata nel quartiere Chueca, in quanto si tratta dei locali più conosciuti e frequentati da anni.

Ad ogni modo, per scoprire eventi e feste nei club della città, basta fare un giro in questo quartiere: trovi flyer e poster ovunque che pubblicizzano i party della settimana. Oppure basta che entri in qualche bar gay e chiedi consiglio agli abitanti del luogo. Loro sapranno certamente indicarti i locali migliori dove fare serata.

Ecco, qui di seguito, quelli che abbiamo selezionato per te sulla base delle recensioni degli utenti:

  • LL Bar, in Calle de Pelayo 11. In questo locale l’attrazione principale sono gli spettacoli di drag queen, che si tengono praticamente ogni sera, dalle 11 a mezzanotte. Nel weekend, LL bar propone tra gli eventi anche dei sensuali strip show. Per questo motivo, seppur il bar sia particolarmente piccolo, è quasi sempre pieno. Prima delle 11 di sera offrono una speciale offerta 2×1 sui drink;
  • Gris, in Calle de San Marcos. Il Gris è uno dei locali più conosciuti della città per gli amanti della musica indie, pop ed elettronica, grazie ai concerti che si tengono il sabato notte. Si tratta di un bar piuttosto piccolo che si riempie presto nei week end, grazie alla sua frequentazione gay e ai drink particolarmente economici;
  • La Karma, in Calle Gravina 4. Anche questo è un locale piccolo e molto frequentato dalle persone LGBTQ+ che desiderano ritrovarsi per bere qualcosa in compagnia. Se capiti in questo locale, non dimenticare di indossare qualcosa di rosso in omaggio al logo del bar. Verrai accolto benissimo!
  • LOL Gay Club @Cool, in Calle de Isabel la Catòlica, 6. Si tratta di una mega discoteca che è tra i punti di riferimento della scena LGBTQ+ di Madrid. L’arredamento futuristico e gli show con uomini super palestrati sicuramente sono i motivi principali della presenza di un gran numero di persone durante i week end;
  • Kluster@Chango. I Kluster Party al Chango (Calle de Covarrubias, 42) sono solo per uomini. Si tratta di uno dei club gay più grandi e famosi di Madrid con musica soprattutto house. È frequentato da una clientela over 30;
  • Bearbie, in Plaza de Pedro Zerolo, 2. È la discoteca per i gay bear e per gli ammiratori. In un unico spazio si può ballare, bere e accedere alla dark room. È aperto il venerdì e il sabato sera. L’ingresso a 10 € include un drink.

Per quanto riguarda le saune gay della città segnaliamo le seguenti: la Premium Sauna e la Sauna Octopus.

Ricordiamo che, in tempi di pandemia da Covid-19, molte regole ed orari cambiano. Ti invitiamo a cercare sui profili social dei locali maggiori informazioni in merito.

locali gay di madrid, guida gay spagna
Shutterstock

Eventi annuali e festival LGBTQ+ di Madrid

Madrid ospita una pletora di eventi LGBT durante tutto l’anno, oltre al Pride estivo, uno dei più partecipati al mondo.

Ci sono tanti eventi più piccoli rispetto al Pride che si svolgono in tutte le stagioni. Per le feste, troverai il We Festival, che si svolge due volte all’anno (a Capodanno e durante la settimana del Pride).

Ci sono poi i GayDays di Madrid, che si tengono a settembre al Parque de Atracciones de de Madrid, il parco divertimenti di 20 ettari situato nella Casa de Campo a Madrid.

Merita anche il Pride annuale dedicato ai bear, il MadBear, che si tiene nel mese di dicembre.

Siamo stati esaustivi in questa guida alle esperienze friendly da fare a Barcellona e Madrid? Hai qualche locale, evento o festa da suggerire ad altri lettori come te? Scrivici ora nei commenti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Peter Tatchell scrive al torero Mario Alcalde dopo il suo coming out: “Volta le spalle alla sanguinaria corrida” - Mario Alcalde - Gay.it

Peter Tatchell scrive al torero Mario Alcalde dopo il suo coming out: “Volta le spalle alla sanguinaria corrida”

News - Redazione 25.3.24
Siviglia, il nuovo Gesù che promuove la Pasqua scatena gli ultracattolici di destra: "É effeminato e sexy" - Siviglia il sexy Gesu che promuove la Pasqua scatena gli ultracattolici di destra 1 - Gay.it

Siviglia, il nuovo Gesù che promuove la Pasqua scatena gli ultracattolici di destra: “É effeminato e sexy”

News - Redazione 31.1.24
Gran Canaria tra spiagge dorate, acque cristalline e accoglienza LGBTQIA+ - guida lgbtqia friendly a gran canaria 8 - Gay.it

Gran Canaria tra spiagge dorate, acque cristalline e accoglienza LGBTQIA+

Viaggi - Francesca Di Feo 16.4.24
gran-canaria

Gran Canaria: paradiso tutto da scoprire tra escursioni, diving e yoga sulla spiaggia

Viaggi - Francesca Di Feo 21.5.24
Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: "Ho rischiato di perdere l'occhio" - Pasquale Ciano 2 - Gay.it

Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: “Ho rischiato di perdere l’occhio”

News - Redazione 13.12.23
Mario Alcalde, il primo storico coming out di un torero spagnolo - Mario Alcalde coming out - Gay.it

Mario Alcalde, il primo storico coming out di un torero spagnolo

Corpi - Redazione 24.1.24
Gay Games 2026 a Valencia: una prospettiva unica sul fiore all'occhiello della costa orientale spagnola - valencia gay games 2026 - Gay.it

Gay Games 2026 a Valencia: una prospettiva unica sul fiore all’occhiello della costa orientale spagnola

Viaggi - Francesca Di Feo 21.12.23
Il Festival del Cinema Spagnolo di Roma celebra la Giornata contro l'Omobitransfobia con 3 film queer - On the Go prime immagini dal nuovo film con Omar Ayuso - Gay.it

Il Festival del Cinema Spagnolo di Roma celebra la Giornata contro l’Omobitransfobia con 3 film queer

Cinema - Redazione 10.5.24