Il principe Harry ritira il premio LGBT in onore di Lady D e la ricorda: “Ha lottato contro omofobia e stigma da HIV”

"Quando strinse la mano di un uomo di 32 anni con l’HIV davanti alle telecamere, sapeva esattamente cosa stava facendo: stava usando la sua posizione per educare la gente".

Il principe Harry ritira il premio LGBT in onore di Lady D e la ricorda: "Ha lottato contro omofobia e stigma da HIV" - diana - Gay.it
2 min. di lettura

Ieri sera sono stati consegnati gli Attitude Awards (la serata è stata condotta da Tom Daley): tra gli altri presente anche il principe Harry, che ha ritirato il Legacy Award dedicato a sua madre Diana. Il reale inglese è salito su palco e ha pronunciato un discorso emozionante e importantissimo:

“Nell’aprile del 1987, mia madre aveva solo 25 anni. Stava ancora muovendo i primi passi nella vita pubblica, ma già sentiva la responsabilità di portare l’attenzione su questioni che venivano ignorate. Sapeva che l’AIDS era una delle cose che molti volevano nascondere e sembrava una sfida senza speranza. Combatteva perché sapeva che questa malattia relativamente nuova stava creando una situazione pericolosa e alimentava l’omofobia.

Molte persone sono state discriminate dalle loro comunità – e talvolta dalle loro famiglie – semplicemente perché erano malate. Anche se era stato dimostrato che l’HIV non poteva essere trasmessa dal contatto superficiale, molti non volevano nemmeno stare vicino ai malati. Migliaia di persone sono morte nel Regno Unito tra cui molti giovani uomini gay della sua generazione senza fare alcun progresso verso il trattamento della malattia.

Quindi, in quel mese di aprile, quando lei strinse la mano di un uomo di 32 anni con l’HIV davanti alle telecamere, sapeva esattamente cosa stava facendo. Stava usando la sua posizione di Principessa del Galles, la donna più famosa del mondo, per sfidare tutti ed educare la gente, ha cercato di raggiungere coloro che avevano bisogno di aiuto invece di spingerli via.

Negli anni che seguirono quella stretta di mano famosa, il suo lavoro continuò, sia in pubblico che in privato. Quando ha visitato il Mildmay Hospital e il London Lighthouse hospice, ha voluto che il mondo apprendesse le storie dei malati che stavano per morire. Voleva svegliare la gente, cercava di chiedere delle azioni verso i trattamenti che avrebbero salvato vite.

Nell’anno prima della morte di mia madre, i primi trattamenti veramente efficaci sono stati sviluppati per l’HIV e AIDS. Non ha vissuto per vedere i progressi che sono stati fatti per salvare innumerevoli vite nel Regno Unito e in tutto il mondo.
Mi chiedo spesso cosa avrebbe fatto per continuare la lotta contro l’HIV e l’AIDS se oggi fosse ancora con noi.

Credo che avrebbe detto a tutti – non solo ai gay – che dobbiamo fare controlli regolari – sia per noi stessi che per quelli che amiamoSono certo che lei avrebbe richiesto lo stesso accesso ai trattamenti e ai test per i giovani in Africa e in tutto il mondo. E lei sarebbe ovviamente in piedi accanto a coloro che vivono apertamente la condizione di HIV-positiviWilliam e io siamo incredibilmente orgogliosi di ciò che nostra madre ha raggiunto. E vi ringraziamo per averla premiata con il Legacy Award”.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

Continua a leggere

Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
Vivere con Hiv testimonianza Enrico

Vivere con l’Hiv, la testimonianza di Enrico: “Quando l’ho detto al mio compagno questa è stata la sua risposta”

Corpi - Daniele Calzavara 14.3.24
Madonna in lacrime ricorda a tuttə noi perché sia ancora importante combattere l'hiv/aids. L'emozionante discorso - VIDEO - Madonna aids hiv - Gay.it

Madonna in lacrime ricorda a tuttə noi perché sia ancora importante combattere l’hiv/aids. L’emozionante discorso – VIDEO

Musica - Redazione 5.12.23
Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale - donatella versace alessandro zan milano check point 2 - Gay.it

Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale

Corpi - Redazione Milano 1.12.23
Hiv e aids, 9 iconici film che hanno fatto la storia - cover film hiv aids - Gay.it

Hiv e aids, 9 iconici film che hanno fatto la storia

Corpi - Federico Boni 29.11.23
Positive+1, l'app di dating per persone sieropositive - Positive1 - Gay.it

Positive+1, l’app di dating per persone sieropositive

Corpi - Federico Boni 12.1.24
1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza” - stigmahiv - Gay.it

1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza”

Corpi - Daniele Calzavara 30.11.23
hiv aids 1 dicembre perché

Perché la giornata mondiale contro hiv/aids è il 1° Dicembre?

Corpi - Redazione Milano 29.11.23