Da 36 che erano si sono ridotti a 21: si assottigliano i “malpancisti”

Dei 21 nessuno ha dichiarato che rispetterà il voto sulla stepchild. Noi attendiamo...

Da 36 che erano si sono ridotti a 21: si assottigliano i "malpancisti" - senatori malpancisti base11 2 - Gay.it
5 min. di lettura

Lo sapevamo che avremo creato un vespaio, lanciando una lista di senatori più che dubbiosi sulla stepchild, al punto da mettere in dubbio il voto finale sul ddl Cirinnà sulle unioni civili se il famigerato articolo 5 passasse nella sua formulazione originale, con i voti dei 5 stelli (cui anche oggi Arcigay fa un appello). A chi oggi parla di “liste di proscrizione”, perché avremo pubblicato i nomi dei circa trenta senatori dubbiosi sulla stepchild, rispondiamo che non parliamo di persone qualunque, ma di senatori della Repubblica, scelti coi voti dei loro elettori cui devono rendere conto, in un partito che ha il riconoscimento delle coppie dello stesso sesso nel programma e nello statuto: semplicemente, abbiamo fatto un’operazione verità, smascherando una “fronda” che stava nelle catacombe e sollecitando i senatori a fare distinguo che non avrebbero fatto. Perchè il punto è uno solo: chi tra coloro che, legittimamente dal loro punto di vista, voteranno contro la stepchild, sono disposti ad arrivare fino al limite estremo di votare il ddl Cirinnà se questa dovesse passare? Perchè è un dato di fatto incontrovertibile che ieri sera, nella fantomatica riunione della “bicameralina” del PD tra Micaela Campana ed i malpancisti, almeno tre senatori avrebbero paventato questa ipotesi.

Ascolta il confronto su Radio Popolare tra Alessio De Giorgi, direttore di Gay.it, e COCIANCICH Roberto, uno dei senatori “malpancisti” del PD sulla stepchild adoption:

Da 36 che erano si sono ridotti a 21: si assottigliano i "malpancisti" - elena fissore base - Gay.it

Ecco quindi il punto dei contrari alla stepchild.
Dei 36 senatori che avevamo indicato ieri solo in pochi, in realtà, si sono sfilati totalmente. La prima a farlo è stata la Senatrice Elena Fissore che ci ha dichiarato che, dopo un po’ di dubbi iniziali, alla fine ha deciso che voterà anche la stepchild adoption. Stessa cosa per il Senatore Alessandro Maran e per il Senatore Ignazio Angioni, che ci ha mandato una email. Siamo quindi a 33 senatori contro la stepchild, perchè dagli altri non è arrivata ad ora alcuna smentita in tal senso.
Solo oggi 15 gennaio il Senatore Vincenzo Cuomo ci ha rilasciato questa dichiarazione , spiegando alla fine di essere favorevole non solo alle unioni civili ma anche alla stepchild adoption.

Da 36 che erano si sono ridotti a 21: si assottigliano i "malpancisti" - Mauro Maria Marino - Gay.it

E gli altri 32?
Tutti i rimanenti sono indignati per il metodo utilizzato. Ma occorre distinguere tra quelli che hanno fatto dichiarazioni chiare sul loro orientamento di voto finale e tra coloro che hanno in tal senso tergiversato o non hanno risposto.
Tra i primi, comunque favorevoli alle unioni civili, il Senatore Mauro Maria Marino via twitter ha specificato che non voterà contro le unioni civili, anche se dovesse passare la stepchild adoption.
Il Senatore Giuseppe Cucca dichiara di “votare convintamente il provvedimento, anche se dovesse contenere la stepchild”, sulla quale evidentemente è contrario.
In ultimo la Senatrice Pamela Orrù: “Io sono per un potenziamento delle norme contro l’utero in affitto ma non ho mai dichiarato, e soprattutto non ho mai pensato, che questo possa pregiudicare il mio voto al ddl Cirinnà. In ogni caso – conclude Orrù – respingo i metodi squadristici della lista di proscrizione di Gay.it”.
Anche Rosa Maria Di Giorgi, senatrice del PD, smentisce alla fine di aver mai subordinato l’orientamento finale sul ddl Cirinnà all’esito della votazione sulla stepchild (nonostante a noi risulti che sia così, ma ormai poco importa) e conferma di essere comunque orientata a votare a favore delle unioni civili.
Anche il Senatore Bruno Astorre ci conferma che, con o senza stepchild (sulla quale ha dei dubbi), voterà comunque il ddl Cirinnà.
Il Senatore Ugo Sposetti, da noi raggiunto telefonicamente, pur considerando “miserabile” la nostra iniziativa, ci ha dichiarato di aver “tutte altre idee sull’argomento”. Non ci ha specificato quali ma, dal tono, si può desumere che sicuramente voterà quanto meno a favore delle unioni civili, anche con la stepchild approvata.
Il Senatore Giorgio Pagliari invece ci scrive che “una cosa è il voto sulla stepchild adoption e un’altra cosa è il voto della legge. E io non ho mai detto che non voterò la legge nel suo complesso, perché penso esattamente il contrario.”
Alla fine della sera, a tarda notte, arriva la precisazione del Senatore Giorgio Tonini, contrario alla stepchild ma comunque disponibile, se questa passasse, a votare il ddl Cirinnà.
Il Senatore Nicola Latorre, pur dandoci dei “fascisti” – testuali parole -, in risposta ad un elettore ha detto che voterà comunque il ddl Cirinnà, pur avendo forti dubbi sulla stepchild.
Idem per il Senatore Claudio Moscardelli, che però – almeno – non offende nessuno.
Il Senatore Francesco Scalia ci ha mandato questa precisazione che pubblichiamo volentieri: “Io ritengo che il tema della stepchild adoption vada stralciato ed affrontato nella sua sede più opportuna: una riforma della legge sulle adozioni. In quella sede il tema andrebbe valutato esclusivamente in funzione dell’interesse del bambino. Il mio voto, nel caso l’art. 5 dovesse rimanere invariato, sarebbe comunque favorevole, perché ritengo necessaria e non più procrastinabile la disciplina normativa delle unioni civili.”

>>>>> CLICCA QUI PER CONTATTARE GLI ALTRI

Da 36 che erano si sono ridotti a 21: si assottigliano i "malpancisti" - senato vuoto - Gay.it

Ne rimangono 23
I Senatori Sangalli e Corsini ci hanno raggiunto telefonicamente, rifiutandosi di far smentite e criticando solo il nostro metodo. Alla nostra domanda se voteranno la stepchild così come è e, se questa passasse, il testo finale delle unioni civili, hanno tergiversato. Si sono comunque entrambi rifiutati di fare una smentita chiara per iscritto su quale è la loro posizione.
I senatori del Pd Vincenzo Cuomo, dalla Zuanna e Nicoletta Favero congiuntamente respingono “metodi squadristi e liste di proscrizione, che certamente non facilitano una discussione complessa su un provvedimento di portata storica che dovrebbe mirare ad armonizzare diritti e non a contrapporli”. Sul merito del provvedimento però tacciono, come se non dovessero rendere conto agli elettori che li hanno scelti per il Senato.
I senatori del Pd Mauro Del Barba, Stefano Collina, Emma Fattorini e Giancarlo Sangalli, in una dichiarazione congiunta, si limitano a criticare i nostri metodo, ma non rispondono alla nostra domanda di fondo sul loro orientamento di voto nel caso in cui la stepchild passasse così come è oggi.
Anche il Senatore Francesco Russo non specifica quale sarà il suo orientamento, se sulla stepchild non si trovasse una mediazione: “da Segretario del gruppo PD voglio fino in fondo provare a fare il mio dovere trovando una soluzione che tenga insieme tutte le sensibilità del mio Partito”.
La lista si chiude con altre posizioni. Il senatore Mirabelli Stessa cosa il Senatore Andrea Marcucci, che sappiamo invece essere favorevole a stepchild e unioni civili.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24

Leggere fa bene

Ivano Marino festeggia il 1° anniversario con Giacomo: "Tu sei la più bella famiglia che io potessi mai desiderare" - VIDEO - Ivano Marino festeggia il 1° anniversario con Giuseppe 3 - Gay.it

Ivano Marino festeggia il 1° anniversario con Giacomo: “Tu sei la più bella famiglia che io potessi mai desiderare” – VIDEO

Culture - Redazione 2.10.23
Sagi Golan e Omer Ohana gayit omosessuali vedovi di guerra

In Israele ora anche gay e lesbiche sono vedovə di guerra, la storia di Sagi e Omer – VIDEO

News - Redazione Milano 13.11.23
polonia-riconoscimento-coppie-omosessuali-cedu

Polonia, negare il riconoscimento alle coppie omosessuali viola la Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo

News - Francesca Di Feo 14.12.23
come costituire le unioni civili in italia

Polonia, il governo annuncia: “A breve un disegno di legge sulle unioni civili”

News - Redazione 28.12.23
unioni civili in puglia, le top 5 location

Guida alle location più romantiche e accoglienti in Puglia per celebrare le tue unioni civili

Viaggi - Redazione 20.9.23
Padova, via alle cause contro le famiglie arcobaleno: "Sarà una battaglia di civiltà giuridica e umana" - Padova via alle cause contro le famiglie arcobaleno - Gay.it

Padova, via alle cause contro le famiglie arcobaleno: “Sarà una battaglia di civiltà giuridica e umana”

News - Redazione 14.11.23
Maria è stata ufficialmente affidata a Marcello e Gianluca, coppia di ballerini di Palermo - Marcello Carini e Gianluca Mascia - Gay.it

Maria è stata ufficialmente affidata a Marcello e Gianluca, coppia di ballerini di Palermo

News - Redazione 21.11.23
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24