Jakub Jankto sulla prima pagina di Marca ad un mese dal coming out: “Ora sono libero”

"Ho provato ad avere rapporti con le donne, ma sentivo che qualcosa non andava. Non aveva senso continuare così per tutta la vita". "Ora spero che tutto continui come se niente fosse. Voglio andare avanti come calciatore, non come gay"

ascolta:
0:00
-
0:00
Jakub Jankto sulla prima pagina di Marca ad un mese dal coming out: "Ora sono libero" - Jakub Jankto - Gay.it
3 min. di lettura

Jakub Jankto sulla prima pagina di Marca ad un mese dal coming out: "Ora sono libero" - Jakub Jankto Marca - Gay.it

Marca è il quotidiano d’informazione sportiva con maggior tiratura in Spagna. La Gazzetta dello Sport iberica, con quasi 3 milioni di lettori al giorno, ovvero il quotidiano più letto nel Paese. Nella giornata di oggi Marca ha dedicato per la 2a volta in un mese la sua prima pagina a Jakub Jankto, 27enne calciatore ceco, centrocampista dello Sparta Praga, in prestito dal Getafe, e della nazionale ceca.

Il 13 febbraio scorso Jankto ha fatto pubblicamente coming out, diventando così il primo calciatore europeo in attività e di una certa importanza a dichiarare la propria omosessualità. Oggi, a quasi un mese da quell’indimenticabile 13 febbraio, Jakub si è concesso la sua prima lunga intervista, a Marca.

Sto molto bene. Sono state tre settimane difficili, soprattutto la prima, perché non sapevo cosa aspettarmi. Ma le reazioni sono state perfette in Repubblica Ceca, Spagna, Italia… Sicuramente questo ti aiuta molto a continuare, a vivere e ad essere concentrato sul calcio, che è la cosa che viene prima di tutto. Prima il calcio. Poi posso concentrarmi su altre cose“.

Jakub ha spiegato come “l’anno scorso” i primi a sapere della sua omosessualità siano stati “i miei genitori e la mia ex moglie. Qualche mese fa l’ho detto ai miei compagni di squadra e all’allenatore, abbiamo parlato di cosa fare e come continuare. Mi hanno detto che non c’erano problemi e questo mi ha aiutato molto, ma ho sentito che c’era qualcosa, qualcosa che non posso descrivere esattamente, quindi ho deciso di dirlo a tutti. Quando sei il primo giocatore è un po’ strano, ma va tutto bene”. “Mia moglie è rimasta scioccata. Quando lo dici dopo 26 anni non è scontato. Grazie a Dio ho passato quel periodo e mi hanno aiutato in ogni modo. L’unica cosa un po’ difficile è stata spiegarlo a nostro figlio, ma grazie a mia moglie abbiamo raggiunto un accordo e facciamo di tutto per lui“.

La paura di una reazione negativa dal mondo del calcio, inevitabilmente, c’è stata.

Quando sei il primo caso devi aspettarti che certe reazioni possano non essere positive, ma io volevo sentirmi libero. Voglio vivere come vivono tutte le persone. L’ho fatto perché voglio aiutare altre persone che hanno orientamenti diversi. Penso di poter essere un buon esempio. L’ho fatto nel momento in cui sentivo di doverlo fare. Non ho pensato per tutta la vita al “coming out”. Ho giocato serenamente per otto anni. Non so cosa sia successo, ma ci sono alcune cose che vuoi dire. Vuoi vivere come vuoi vivere. L’ho detto nel momento in cui sentivo di doverlo dire“.

Jankto ha poi ricordato quando ha capito di essere omosessuale, in tenera età.

Quando ero piccolo e avevo quattordici o quindici anni sentivo che c’era qualcosa di diverso. Ho provato ad avere rapporti con le donne, ma sentivo che qualcosa non andava. Non aveva senso continuare così per tutta la vita, perché vivi solo una volta e poi non c’è niente. Ho deciso che non aveva alcun senso perché tutto poteva essere risolto nel modo in cui l’abbiamo risolto, e ora sono libero“.

Jakub, chiaramente, si augura che altri colleghi possano seguire il proprio esempio, uscendo dal terrore del coming out. “Non devono avere paura. Molti giocatori e molte persone hanno paura di dire ad altre persone che hanno un orientamento diverso. Non mi aspetto che altri giocatori ora dicano di essere omosessuali. Vorrei solo che non fosse più una novità e che tra cinque o sei anni si dicesse “sono omosessuale” e si potesse continuare come se niente fosse“. Non a caso nel calcio femminile l’omosessualità è cosa da tempo sdoganata, e assolutamente accettata. “Quando incontro una ragazza, chiederle se le piacciono gli uomini o le donne per me è una domanda normalissima, ma con gli uomini è diverso. Hanno paura“. Per il futuro di Jankto, adesso, c’è l’assoluta normalità.

Spero che tutto continui come se niente fosse. Voglio andare avanti come calciatore, non come gay. Si spera che accada. Non so cosa accadrà in futuro, ma sicuramente possiamo aiutare e dare il buon esempio. Voglio dare il buon esempio. Voglio dire a tutti coloro che hanno un orientamento diverso che non è un problema e che possono vivere normalmente“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
100% Italia, Dario e Giorgio sono tornati per Il Torneo dei Campioni. E volano in semifinale - Dario e Giorgio - Gay.it

100% Italia, Dario e Giorgio sono tornati per Il Torneo dei Campioni. E volano in semifinale

News - Redazione 17.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24

Hai già letto
queste storie?

Amber Glenn prima storica campionessa USA di pattinaggio artistico femminile dichiaratamente queer - Amber Glenn - Gay.it

Amber Glenn prima storica campionessa USA di pattinaggio artistico femminile dichiaratamente queer

Corpi - Redazione 30.1.24
Jakub Jankto ai colleghi calciatori gay dopo il coming out: “Non c’è motivo di avere paura” - Jakub Jankto 1 - Gay.it

Jakub Jankto ai colleghi calciatori gay dopo il coming out: “Non c’è motivo di avere paura”

Corpi - Redazione 20.10.23
open-milano-torneo-contro-le-discriminazioni-23-marzo

Lo sport a servizio dell’inclusività: il torneo di calcio Open contro le discriminazioni

Corpi - Francesca Di Feo 16.3.24
sport-aics-tesseramento-alias

Tesseramento alias nello sport, la svolta di AICS: “Esaltare il valore dello sport come diritto umano”

Corpi - Francesca Di Feo 3.1.24
Roberto Poletti parla per la prima volta della sua unione civile con Francesco: "18 anni insieme, non ho nulla da nascondere" - Roberto Poletti 2 - Gay.it

Roberto Poletti parla per la prima volta della sua unione civile con Francesco: “18 anni insieme, non ho nulla da nascondere”

Culture - Redazione 11.3.24
Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC - Jessica Andrade - Gay.it

Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC

Corpi - Redazione 16.4.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Compagni di Viaggio, Robbie Rogers spiega come l'essere stato calciatore gay abbia influenzato il suo lavoro da produttore - Compagni di Viaggio Robbie Rogers spiega come lessere stato calciatore gay abbia influenzato il suo lavoro da produttore - Gay.it

Compagni di Viaggio, Robbie Rogers spiega come l’essere stato calciatore gay abbia influenzato il suo lavoro da produttore

Serie Tv - Federico Boni 24.1.24