Joe Biden celebra il Pride Month 2024: “In America siamo tutti uguali, promuovere l’uguaglianza è prioritario”

Accorato discorso a sostegno dei diritti LGBTQIA+ da parte del presidente USA, con la vicepresidente Kamala Harris al suo fianco.

ascolta:
0:00
-
0:00
joe biden pride month 2023 gay pride stati uniti lgbtiq+ trans kids
joe biden pride month 2023 gay pride stati uniti lgbtiq+ trans kids bam,bini queer
4 min. di lettura

Il 5 novembre prossimo si terranno le Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d’America, con Joe Biden, presidente uscente, chiamato ancora una volta a sfidare Donald Trump, diventato la scorsa settimana il primo ex presidente condannato in un processo penale per il caso della pornostar Stormy Daniels. E se il tycoon grida al complotto, Biden continua a sostenere pubblicamente la comunità LGBTQIA+ ripetutamente attaccata dal suo rivale.

Joe Biden celebra il Pride Month 2024: "In America siamo tutti uguali, promuovere l'uguaglianza è prioritario" - Joe Biden - Gay.it

Nel celebrare il Pride Month, con tanto di pagina X ufficiale colorata di rainbow, il presidente democratico ha infatti rilasciato una lunga e bellissima dichiarazione a sostegno dei diritti e della comunità tutta.

“Durante il Mese del Pride, celebriamo lo straordinario coraggio e il contributo della comunità lesbica, gay, bisessuale, transgender, queer e intersessuale (LGBTQI+)”, ha precisato Biden. “Riflettiamo sui progressi compiuti finora nel perseguimento dell’uguaglianza, della giustizia e dell’inclusione. Ci impegniamo nuovamente a fare di più per sostenere i diritti LGBTQI+ in patria e nel mondo. Per generazioni, gli americani LGBTQI+ hanno fatto appello al coraggio di vivere in modo autentico e orgoglioso, anche quando ciò significava mettere a rischio la propria vita e i propri mezzi di sussistenza. Nel 1969 allo Stonewall Inn di New York, coraggiosi individui LGBTQI+ protestarono contro la violenza e l’emarginazione che dovettero affrontare, dando impulso a un movimento per i diritti civili per la liberazione delle persone LGBTQI+ che ha trasformato la nostra nazione. Da allora, i coraggiosi americani LGBTQI+ continuano a ispirare e portare speranza a tutte le persone che cercano una vita fedele a ciò che sono. Le persone LGBTQI+ continuano inoltre ad arricchire ogni aspetto della vita americana come educatori, intrattenitori, imprenditori, atleti, attori, artisti, scienziati, studiosi, diplomatici, medici, militari, veterani e molto altro ancora. Promuovere l’uguaglianza per la comunità LGBTQI+ è una priorità assoluta per la mia amministrazione”, ha continuati Biden.

“Ho firmato lo storico Respect for Marriage Act, che protegge il matrimonio delle coppie omosessuali e interrazziali. In qualità di comandante in capo, sono orgoglioso di aver posto fine al divieto per gli americani transgender di prestare servizio nell’esercito degli Stati Uniti. Ho firmato storici ordini esecutivi che rafforzano la tutela dei diritti civili per quanto riguarda l’alloggio, l’occupazione, l’assistenza sanitaria, l’istruzione e il sistema giudiziario. Stiamo anche combattendo la pericolosa e crudele pratica delle cosiddette “terapie di conversione” e implementando una strategia nazionale per porre fine all’epidemia di HIV in questo paese. Abbiamo posto fine alla pratica vergognosa di vietare agli uomini gay e bisessuali di donare il sangue. Stiamo svolgendo questo lavoro qui negli USA e in tutto il mondo, dove i membri della comunità LGBTQI+ lottano per il riconoscimento dei loro diritti umani fondamentali e cercano di vivere una vita piena, liberi dalla violenza e dalla discriminazione alimentata dall’odio”.

“Ma nonostante tutti i progressi, sappiamo che le sfide reali persistono”, ha ricordato Biden.

L’anno scorso, mentre celebravamo il mese del Pride nel South Lawn della Casa Bianca, ho avuto l’onore di incontrare i sopravvissuti alle sparatorie al Club Q e al Pulse. Anche se la mia amministrazione ha approvato la legge sulle armi più significativa degli ultimi 30 anni, il Congresso deve fare la sua parte e vietare quelle d’assalto. Allo stesso tempo, le famiglie di tutto il Paese devono affrontare la straziante decisione di trasferirsi in uno Stato diverso per proteggere i propri figli dalle pericolose e odiose leggi anti-LGBTQI+, che prendono di mira i bambini transgender, minacciano le famiglie e criminalizzano medici e infermieri. Questi progetti di legge attaccano i nostri valori e le nostre libertà più fondamentali in quanto americani: il diritto di essere se stessi, il diritto di prendere le proprie decisioni mediche e il diritto di crescere i propri figli. Alcune cose non dovrebbero mai essere messe a rischio: la vostra vita, sicurezza e la vostra dignità. All’intera comunità LGBTQI+ – e in particolare ai bambini transgender – sappiate che il vostro Presidente e tutta la mia amministrazione vi sostengono. Ti vediamo per quello che sei: creato a immagine di Dio e meritevole di dignità, rispetto e sostegno. Ecco perché ho intrapreso un’azione storica per proteggere la comunità LGBTQI+. Stiamo garantendo che la comunità LGBTQI+ sia protetta dalla discriminazione nell’accesso all’assistenza sanitaria, e il Dipartimento della salute, il Dipartimento per la sicurezza interna e il Dipartimento di giustizia hanno lanciato una partnership sulla sicurezza per fornire formazione e supporto essenziali alla comunità, comprese quelle risorse per contribuire a denunciare i crimini d’odio e proteggere meglio festival, pride, centri comunitari, aziende e operatori sanitari al servizio della comunità. Il Dipartimento dell’Istruzione e il Dipartimento di Giustizia stanno inoltre valutando se i divieti sui libri possano violare le leggi federali sui diritti civili quando prendono di mira gli studenti LGBTQI+ o gli studenti di colore e creano ambienti scolastici ostili. Inoltre, stiamo fornendo servizi specializzati attraverso la hotline di emergenza nazionale per i giovani LGBTQI+ che si sentono isolati e sopraffatti: chiunque abbia bisogno di aiuto può chiamare il 988 e quindi premere 3 per essere messo in contatto con un consulente professionista. Stiamo impegnando maggiori risorse per programmi di salute mentale che aiutano le famiglie a sostenere e ad affermare i propri figli e stiamo avviando una nuova iniziativa federale per affrontare il problema dei senzatetto LGBTQI+. Abbiamo finalizzato nuove normative che impongono agli Stati di proteggere i bambini LGBTQI+ in affidamento. L’America è l’unica nazione al mondo fondata su un’idea: siamo tutti creati uguali e meritiamo di essere trattati allo stesso modo per tutta la vita. Non siamo mai stati pienamente all’altezza di questa idea, ma non ce ne siamo nemmeno mai allontanati del tutto. Questo mese ci impegniamo nuovamente a realizzare la promessa dell’America per tutti gli americani, per celebrare le coraggiose persone LGBTQI+ e per essere orgogliosi dell’esempio che hanno dato alla nostra nazione e al mondo“. “ORA, QUINDI, io, JOSEPH R. BIDEN JR., Presidente degli Stati Uniti d’America, in virtù dell’autorità conferitami dalla Costituzione e dalle leggi degli Stati Uniti, proclamo Giugno 2024 come Mese dell’orgoglio lesbico, gay, bisessuale, transgender, queer e intersessuale. Invito il popolo degli Stati Uniti a riconoscere i risultati ottenuti dalla comunità LGBTQI+, a celebrare la grande diversità del popolo americano e a sventolare in alto le bandiere del proprio orgoglio”.

Alle parole di Joe Biden si sono aggiunte quelle di Kamala Harris, vicepresidente degli Stati Uniti d’America che nel weekend ha preso parte al Pride di Los Angeles: “Insieme, stiamo combattendo per la libertà di essere chi sei e amare chi ami, apertamente e con orgoglio. Il mio messaggio agli americani LGBTQI+: Vi vediamo. Vi sentiamo. E noi vi celebriamo“.

Joe Biden celebra il Pride Month 2024: "In America siamo tutti uguali, promuovere l'uguaglianza è prioritario" - Kamala Harris - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby "pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi - Antoine Dupont - Gay.it

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby “pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi

Corpi - Redazione 20.6.24
Tony Effe e Gaia, Sesso e Samba

“Sesso e Samba è diseducativa”: Tony Effe risponde a una mamma che non approva gli ascolti della figlia

Musica - Emanuele Corbo 21.6.24
Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24

Hai già letto
queste storie?

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia - Caitlyn Jenner - Gay.it

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia

News - Redazione 19.3.24
Donald Trump e il trionfo in Iowa, cosa succede ora con le primarie repubblicane? - Donald J. Trump - Gay.it

Donald Trump e il trionfo in Iowa, cosa succede ora con le primarie repubblicane?

News - Federico Boni 17.1.24
Libri omocausto Gay.it

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

Culture - Federico Colombo 24.1.24
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Vannacci: "L'omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte" - Vannacci - Gay.it

Vannacci: “L’omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte”

News - Redazione 23.5.24
Joe Biden, Taylor Swift, Donald Trump

Sarà Taylor Swift a ‘salvare’ Joe Biden e sconfiggere i repubblicani?

Musica - Redazione Milano 1.2.24
lucca-manifesti-stop-gay-pride

Un paese di fascisti: “Stop gay pride, Lucca non vi vuole” l’attacco contro il Toscana Pride 2024

News - Francesca Di Feo 19.6.24