Linguaggio inclusivo, il dibattito in Francia si infiamma, Brigitte Macron “i pronomi sono due: lui e lei. E vanno bene”

Vi fa così paura il linguaggio inclusivo? In Francia, un fiume di polemiche dopo l'aggiunta del pronome neutro 'iel' nel dizionario francese. Il Presidente Macron è corso in difesa dei suoi protetti e per farlo ha usato il 'filtro First Lady'.

Linguaggio inclusivo, il dibattito in Francia si infiamma, Brigitte Macron "i pronomi sono due: lui e lei. E vanno bene" - IMG 20211125 150823 128 - Gay.it
3 min. di lettura

In Francia continua la discussione sull’inserimento del pronome neutro iel nel prestigioso dizionario Le Petit Robert. L’aggiunta, per ora, è avvenuta solo nella versione online, ma ha suscitato una serie di polemiche tra chi condivide la scelta e chi inneggia alla cancel culture e a uno strambo scenario apocalittico.

Vi fa così paura il linguaggio inclusivo?

La scorsa settimana abbiamo notato come il caso di Le Robert fosse una rarità nel panorama istituzionale, chiedendoci come mai ci sia una tale resistenza ad accogliere i tempi che cambiano e il linguaggio che si evolve con essi. Quest’ultimo, ricordiamo anche qui, è un “processo culturale frutto della Storia e di chi la storia può scriverla, e non un monolite inscalfibile piovuto dallo Spazio“.

“I linguisti e gli accademici lo sanno bene, non è una novità. La lingua si evolve di pari passo con la popolazione che ne usufruisce; è uno strumento creato per far sì che gli esseri umani possano capirsi e non per escludersi vicendevolmente”.

Ho provato a ragionare così, la scorsa settimana, ma nel mentre il dibattito in Francia è andato avanti e ha infiammato anche la First Lady Brigitte Macron: “i pronomi sono due: lui e lei. E vanno bene. La lingua è così bella”, arrivando in difesa del ministro dell’Istruzione Jean-Michel Blanquer e del politico François Jolivet, entrambi di La République En Marche, il partito fondato dal presidente Macron. Un affare di famiglia.

Jolivet aveva accusato Le Petit Robert di attivismo spicciolo, mentre Blanquer aveva dichiarato che “la scrittura inclusiva non è il futuro della lingua francese“, aggiungendo “il femminismo è una giusta causa, ma non dobbiamo triturare la nostra lingua, che è già abbastanza complessa. Va bene femminilizzare i nomi delle professioni, ma le modifiche improvvise non vanno bene”.

‘Femminilizzare i nomi delle professioni’? Basta leggere queste poche parole e oltre alla mascella da risollevare, si potrebbe scrivere un intero saggio contro il sistema fallocentrico che annienta ogni dibattito e che ha prodotto questa riflessione. Il Presidente è subito corso in difesa dei suoi protetti e per farlo ha usato il ‘filtro First Lady’.

Elisabeth Moreno
Elisabeth Moreno, ministra francese per le Pari opportunità

In risposta al clan Macron arriva la ministra francese per le Pari opportunità, Elisabeth Moreno, che ha definito la scelta del dizionario “un progresso per le persone che vogliono riconoscersi in questo pronome. Non capisco cosa possa togliere a chi non lo utilizza”.

Ed è proprio questo il punto, cosa toglie a chi non lo utilizza? Qual è la loro paura? Oppure non è paura, ma solo sottovalutazione delle vite altrui. Si sa, quando ti chiudi in una torre d’avorio e vivi cibandoti del tuo privilegio per anni, diviene difficile capire o anche solo tentare di cedere il passo, ascoltare l’altro.

Nel libro del PostQuestioni di un certo genere” edito da Iperborea, la sociolinguista Vera Gheno scrive “credo che la prima cosa sia mettersi in ascolto. Nella nostra società il divergente ha meno possibilità di far sentire la propria voce: è vittima di ingiustizia discorsiva“.

Ingiustizia discorsiva è parlare e non essere creduti; ingiustizia discorsiva è non avere spazi mediatici per far sentire la propria voce; ingiustizia discorsiva è venire narrati da altri invece di potersi narrare. C’è un momento in cui chi ha uno o più privilegi deve fare un passo indietro e non dire «so come ti senti, provo empatia», ma «non so come ti senti, quindi ti lascio lo spazio per spiegarmelo. Con le tue parole»”.

Il direttore generale della casa editrice Le Robert, Charles Bimbenet, ha rilasciato una nota, parlando della scelta di includere il pronome neutro iel nel dizionario: “Da qualche mese i ricercatori di Le Robert hanno rilevato un uso crescente della parola iel. La frequenza d’uso di una parola è studiata mediante analisi statistiche di ampi insiemi di testi, tratti da diverse fonti. Questa attenzione costante ci permette di riscontrare la comparsa di nuove parole, modi di dire e significati”,

addiungendo: “La parola iel è stata valutata all’inizio di ottobre in una riunione di redazione di Le Robert, durante la quale si è deciso di inserirla nel nostro dizionario online: è vero che il suo uso è ancora ristretto (lo abbiamo sottolineato nella definizione, usando l’espressione ‘raro’), ma è in forte crescita da qualche mese”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Non lasciarti sfuggire, intervista a Dimitri Cocciuti: "Il mio romanzo orgogliosamente inclusivo e queer" - Dimitri Cocciuti - Gay.it

Non lasciarti sfuggire, intervista a Dimitri Cocciuti: “Il mio romanzo orgogliosamente inclusivo e queer”

Culture - Federico Boni 19.6.24
kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24

Hai già letto
queste storie?

Via all'iter per il riconoscimento della Carriera Alias al personale dipendente di Roma Capitale - Carriera Alias - Gay.it

Via all’iter per il riconoscimento della Carriera Alias al personale dipendente di Roma Capitale

News - Redazione 24.4.24
Roberto Vannacci

500.000 voti spediscono Roberto Vannacci in Europa, il generale eletto con la Lega

News - Redazione 10.6.24
Jill Biden: "Donald Trump è pericoloso per la comunità LGBTQ+ e per gli Stati Uniti" - Jill Biden - Gay.it

Jill Biden: “Donald Trump è pericoloso per la comunità LGBTQ+ e per gli Stati Uniti”

News - Redazione 16.4.24
Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia - Caitlyn Jenner - Gay.it

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia

News - Redazione 19.3.24
Vannacci, papabile capolista Lega alle europee: “L’omosessualità dipende dal condizionamento sociale” - VIDEO - Roberto Vannacci - Gay.it

Vannacci, papabile capolista Lega alle europee: “L’omosessualità dipende dal condizionamento sociale” – VIDEO

News - Redazione 16.1.24
g7-diritti-lgbt

G7 nell’Italia dell’estrema destra, spariti i diritti LGBTQIA+ che a Hiroshima nel 2023 erano in agenda

News - Francesca Di Feo 14.6.24
tweet transfobico casa editrice libertà di parola rowling

J.K. Rowling attacca la nuova legge scozzese contro l’omobitransfobia: “Arrestatemi”. E il premier inglese è con lei

News - Federico Boni 2.4.24
attivista-politica-trans-uccisa-messico

Messico: uccisa a colpi di pistola la politica e attivista trans pronta a candidarsi al Senato

News - Francesca Di Feo 16.1.24