Mantova: arriva l’avviso alla cittadinanza sul pericolo omosessuali

C'è più da scandalizzarsi per l'italiano utilizzato o per il suo contenuto?

mantova
2 min. di lettura

Quando si leggono fatti del genere, si spera sempre che sia uno scherzo. O almeno una fake news. Purtroppo però, quando si parla di omosessualità, se ne sono sentite davvero di tutti i colori. Ma sull’avviso di Mantova, o più precisamente a Bozzolo, sinceramente non si sa se scandalizzarsi per l’ennesimo atto omofobo o ridere per la creatività dell’autore. Stavolta, nel comune mantovano, hanno deciso di apporre dei volantini in cui si avvisa del pericolo omosessuali. Una vera e propria allerta da codice rosso, in cui si denuncia la presenza di omosessuali nella zona.

L’avviso utilizza degli appellativi offensivi, come ad esempio i termini “fr*ci cul*ttoni perversi“, i quali sarebbe animati da “luride intenzioni”. Additando gli omosessuali come delle bestie da rinchiudere al più presto, il volantino avvisa la cittadinanza del pericolo di trovarli per strada, impedendo così agli onesti cittadini di Bozzolo di fare una tranquilla passeggiata in centro.

Il delirante avviso omofobo di Mantova

Un italiano sdentato, precario, che spesso troviamo nei commenti indignati dei social, dove la grammatica è un optional. Per non parlare di intere frasi senza un senso logico. Poi, alla fine, la perla:

Ho sparite ho rileviamo il resto di questi rinc*glioniti porci perversi.

Ma questa è solo l’ultima frase, scritta addirittura più piccolo rispetto al resto del testo.

Attenzione

Codice Rosso.

Si allerta la cittadinanza. 

Della presenza sul territorio di alcune persone omosessuali Non tutti che sono usciti dal limite del buonsenso e della decenza morale, i cosidetti “fr*oci cul*ttoni perversi” animati da luride intenzioni. 

Si spera che tali luridi porconi siano al più presto rinchiusi nel loro porcile e riportati alla decenza. Qualcuno dice che il mondo è bello perchè è vario! per quanto mi riguarda di sti porci del mondo vario! 

Kagasota morbosi sfrenati schifosi possono anche crepare con un bel tappo in c*lo

Di sera non si è liberi di farsi una passeggiata tranquilla che non passi qualche stronzo tonto di c*lo. Su qualche macchina faccio un paio di esempi a caso – Ford Kaga – oppure sù – Benz Mercedes – c’è chi ha la tipica camminata da rotto in culo, e chi porta i baffi la lecca culo. 

Ho sparite ho rileviamo il resto di questi rinc*glioniti porci perversi.

In rispetto dell’avviso, è stata mantenuta la struttura, la punteggiatura e la grammatica come compare nel testo originale.

Condiviso da I Sentinelli di Milano, la speranza è che vengano presi provvedimenti per la rimozione di questo ed eventuali altri volantini del genere. Almeno in rispetto alla lingua italiana, oltre che per condannare un gesto tremendamente omofobo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 20.4.19 - 9:05

Mai prendere sottogamba queste che non devono essere definite " goliardate" . Vi sono gli estremi per un esposto ( almeno) alle Autorità competenti. E non deve essere difficile risalire alla stamperia ed al committente.

Trending

Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

Leggere fa bene