Casa Bianca 2020, Pete Buttigieg confessa: ‘ho conosciuto mio marito su un’app di dating’

Candidato democratico alla Casa Bianca per il 2020, Pete Buttigieg ha ricordato il primo incontro con il marito Chasten Glezman.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Pete Buttigieg, primo candidato apertamente LGBTI alla Casa Bianca nella storia d’America, ha rivelato di aver conosciuto l’amato Chasten Glezman, sposato nel 2018, grazie ad Hinge, dating app a pagamento per chi cerca relazioni durature.

L’attuale sindaco di South Bend, lanciatissimo nelle primarie democratiche tanto dall’aver già raggiunto la terza posizione tra i sondaggi dell’ultimo mese, ha rivelato il tutto nel corso di un’intervista alla CNN. Hinge, in Italia poco conosciuta, utilizza Facebook per facilitare le connessioni tra gli utenti, invitandoli a continuare le conversazioni. A differenza di app come Tinder, Hinge ti mette in contatto con gli amici dei tuoi amici di Facebook, evitando quindi la connessione diretta con puri e semplici estranei.

“Ho visto questa luce, qualcosa nei suoi occhi”, ha detto Buttigieg del suo attuale marito. Pete ha ammesso come Chasten sia la cosa più bella che gli sia mai capitata, augurandosi, infine, di poter ampliare la famiglia. “Lo spero“, ha confessato Pete quando Van Jones gli ha chiesto se a un certo punto dei ‘piccoli Buttigieg’ arriveranno in casa.

Nel corso dell’intervista alla CNN, Buttigieg ha affermato che gli Stati Uniti devono mostrare “autorità morale” sui diritti LGBT, perché così facendo “altri Paesi sarebbero costretti dall’opinione pubblica mondiale ad effettuare progressi”. “Se l’America non è considerata affidabile non è rispettata, non importa ciò che abbiamo da dire su questo o su qualsiasi altra questione sui diritti umani”.

Social

“Vuoi sposarmi?”, e scoppia a piangere dalla gioia – è virale il video della proposta di nozze tra due ragazzi

Conosciutisi su Instagram, Cody e Brandon si sono messaggiati per un anno. Poi appena si sono visti dal vivo è stato amore a prima vista. Ora si sposeranno.

di Federico Boni