Pompei, omofobia agli scavi archeologici: “È in arrivo una nave di ricchi*ni”

Non avendo del tutto colto l'omosessualità dei due giovani che aveva davanti, la guida ha insistito: "Loro sono diversi".

ascolta:
0:00
-
0:00
Pompei, omofobia agli scavi archeologici: "È in arrivo una nave di ricchi*ni" - Pompei omofobia agli scavi archeologici - Gay.it
hdr
3 min. di lettura

Una domenica da turisti agli scavi archeologici di Pompei rovinata dall’omofobia di un dipendente del museo. A denunciarlo una coppia di ragazzi, uno di Milano e l’altro di Roma, rimasti sconvolti e da noi raggiunti telefonicamente. Intenti a riposarsi dal caldo soffocante di fine estate, Gori e il suo fidanzato hanno intercettato il dialogo tra un’apparente guida con cartellino appuntato sul petto e un altro dipendente.

Preparati perché è in arrivo una nave di ricchi*ni“, ha detto la guida all’altro uomo, in riferimento all’imminente sbarco di una Royal Caribbean a tinte queer, suscitando lo sconcerto della coppia di ragazzi. La guida si è poi rivolta ad una famiglia lì vicino, chiedendo loro se fossero stranieri. “No, siamo di Napoli”, la replica, con Gori e il suo compagno che hanno subito ribattuto: “Anche noi siamo italiani e siamo omosessuali, certi termini andrebbero evitati”.

Da parte sua, la guida non ha chiesto scusa, nè fatto un passo indietro. Anzi, ha provato a giustificare il tutto come puro e semplice “dialetto napoletano“. A dargli manforte la famiglia accanto ai due ragazzi, che ha difeso l’uomo. Peccato che “ricchi*ne” sia un termine inequivocabile in ogni parte d’Italia. Ed ha connotati chiaramente dispregiativi. Non avendo del tutto colto l’omosessualità dei due giovani, la guida ha poi continuato: “Loro sono diversi”, riferendosi proprio alla famigerata crociera gay. Anche il collega a cui si era rivolto, preannunciando lo sbarco della “nave piena di ricchi*ni“, ha taciuto.

Gori e il fidanzato hanno inizialmente discusso con l’uomo, provando a farlo ragionare, per poi andarsene furibondi. Più tardi, una volta sbollita la rabbia, sono tornati sul posto per cercarlo nuovamente, senza però trovarlo.

“Se ci avesse chiesto scusa ci sarebbero girate meno le scatole”, ci ha confessato Gori. “E invece ha voluto rincarare la dose”. “Nonostante gli abbiamo detto per ben due volte che fossimo gay, ha insistito”. “Vorremmo almeno delle scuse. È una questione di principio. So bene che non succederà nulla, ma vorrei una presa di posizione. Anche perché parliamoci chiaro, gli scavi di Pompei sono gestiti dal Ministero della Cultura. Con le mie tasse pago anche gli scavi di Pompei. Non mi va che in un ente statale, in un museo d’Italia, un turista possa subire questo, dopo aver pagato un biglietto d’ingresso”.

Gli scavi di Pompei, vorremmo ricordare alla guida in questione, trasudano omoerotismo, come scoperto nel 2017 con il rinvenimento del calco di un abbraccio tra due uomini, senza dimenticare gli affreschi che rappresentano atti sessuali di ogni tipo gay, etero e anche di gruppo,  all’interno delle lupanare, case “del piacere”, e i non pochi peni raffigurati. Nel 2020, invece, fece clamore il  ritrovamento di un graffito omofobo del 76 d.C all’interno del Termopolio. Quasi 2000 anni dopo, potremmo aver trovato un parente alla lontana del suo autore.

Non è accettabile che in un luogo simbolo dell’arte e della cultura italiana nel mondo, il parco archeologico dell’antica città di Pompei, un dipendente possa comportarsi in questo modo incivile e non professionale“, ha commentato Antonello Sannino, segretario Antinoo Arcigay Napoli. “La nostra associazione, Pride Vesuvio Rainbow, nel fornire piena assistenza e solidarietà ai due ragazzi vittime di questo increscioso episodio, si è già attivata per avere un incontro con la Sovrintendenza del parco archeologico di Pompei, al fine di confrontarsi sull’accaduto e soprattutto perché siano adottati provvedimenti e misure affinché quanto successo non debba più ripersi in futuro.  L’episodio ci spinge a sollecitare la Regione Campania nel porre a pieno regime la legge regionale contro l’omotransfobia, a partire dalla costituzione dell’Osservatorio regionale contro i crimini d’odio legati all’orientamento sessuale e all’identità di genere, previsto dalla legge e non ancora operativo“.

Il sito di Pompei è patrimonio UNESCO, con oltre 2 milioni di visitatori l’anno.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Giornata omobitransfobia Girogia Meloni

Giornata contro l’omobitransfobia, le parole di Meloni e il post propaganda di Atreju

News - Giuliano Federico 17.5.24

Continua a leggere

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d'Appello - Cesena Forza Nuova 1 - Gay.it

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d’Appello

News - Redazione 21.3.24
Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: "Ho rischiato di perdere l'occhio" - Pasquale Ciano 2 - Gay.it

Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: “Ho rischiato di perdere l’occhio”

News - Redazione 13.12.23
Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: "Mi veniva da piangere e mi son sentita male" - Tekemaya - Gay.it

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: “Mi veniva da piangere e mi son sentita male”

News - Redazione 6.12.23
torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23
Aggressione Ragazzo Gay Milano Piazza Diaz

Milano, ragazzo di 22 anni accoltellato in pieno centro perché gay

News - Redazione Milano 19.5.24
Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
Lodi, "mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile". La replica della titolare alla recensione disumana - pizzeria recensione choc - Gay.it

Lodi, “mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile”. La replica della titolare alla recensione disumana

News - Redazione 12.1.24
Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: "È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo" - la myss - Gay.it

Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: “È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo”

News - Redazione 9.1.24