Reggio Emilia, il pugile che picchiò un gay condannato a 2 anni

La pena è stata sospesa, ma dovrà comunque risarcire la vittima con 7.000 euro. Discordanti però le testimonianze.

reggio emilia
2 min. di lettura

2 anni di reclusione e 7.000 euro di risarcimento danni. Questa la sentenza della giudice Antonella Garcea, che ieri ha condannato il pugile Erik Bondavalli, in arte Dynamite Kid. Nella seduta finale del processo a Reggio Emilia, la giudice ha riconosciuto alla vittima l’aggressione a sfondo omofobo, e accusato il pugile di lesioni gravi e diffamazione. Era il 24 giugno 2013, e il 37enne gay stava camminando per strada quando ha incrociato il pugile. Questo, guardandolo, gli avrebbe detto “Ciao, finocchio“. Quindi,  il 37enne lo ha seguito per chiedere spiegazioni sulla frase, ed è stato aggredito violentemente. “Ma lui, senza parlare, mi sferrò quattro pugni” ha raccontato la vittima, che ieri si è costituta parte civile. 

Bondavalli sostiene invece un’altra versione dei fatti. Conferma di aver incrociato il 37enne, ma di aver ricevuto anche delle avances sessuali. Al suo rifiuto, il 37enne lo avrebbe aggredito, e per legittima difesa avrebbe risposto colpendolo. Ma la versione non concorda con alcune testimonianze e con il comportamento del pugile, come conferma l’avvocato dell vittima, Claudio Vincetti: “L’imputato si faceva chiamare Dynamite Kid, era un pugile al massimo della sua carriera e avvezzo ad affrontare energumeni. Non è credibile sostenere che sia stato lui a subire l’aggressione. Diversi agenti, invece, hanno confermato che fu il mio assistito a subire i colpi“. 

Pugile condannato a Reggio Emilia, ma chi ha ragione?

Il pugile è stato condannato, ma il suo legale ha già fatto sapere che si rivolgerà in Appello per avere giustizia. L’avvocato Giancarlo Pasquale aveva prima della sentenza richiesto l’assoluzione piena, spiegando che non si poteva condannare il suo assistito solamente in quanto pugile. E sottolinenando che non c’erano testimoni oculari. Altro dubbio riguarda il fatto che fu lo stesso Bondavalli a chiamare la Polizia. Giunta sul posto, avrebbe preso le generalità di entrambi. Ma, secondo la testimonianza di altri agenti, la vittima aveva un atteggiamento provocatorio nei confronti del suo aggressore, e continuava a provocarlo mandandogli baci. Il 37enne, secondo l’avvocato del pugile, sarebbe anche imputato in un secondo processo, per delle avances nei confronti di un minorenne. Ironia della sorte, anche questo faceva boxe e in aula ha affermato di essere stato colpito dal 37enne. 

Insomma, che ci siano state o meno avances e atteggiamenti provocatori del 37enne, non si sa ancora. Potrebbero essere solo illazioni e false piste, o potrebbe realmente aver istigato l’aggressore. La giudice sembra però convinta nella sua decisione. Soddisfatti anche la vittima e il suo legale, il quale ha affermato che “è stata chiarita in modo inequivocabile la responsabilità di Bondavalli per un’aggressione a sfondo omofobo“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

Leggere fa bene

pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno - Arcigay Livorno - Gay.it

Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno

News - Redazione 8.3.24
Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d'Appello - Cesena Forza Nuova 1 - Gay.it

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d’Appello

News - Redazione 21.3.24
Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24
russia-insegnante-propaganda-lgbtqia

Russia, insegnante si veste da Biancaneve e viene accusato di propaganda LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.12.23
100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore - roberto vannacci - Gay.it

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore

News - Redazione 7.12.23
Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: "Mi veniva da piangere e mi son sentita male" - Tekemaya - Gay.it

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: “Mi veniva da piangere e mi son sentita male”

News - Redazione 6.12.23
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24