Rifiutata da 10 famiglie perché sieropositiva, bimba neonata adottata da una coppia gay

Aveva solo 28 giorni ed era sottopeso, quando la coppia l'ha adottata.

sieropositiva
2 min. di lettura

Un corpicino piccolissimo, di soli 28 giorni. Due occhi che farebbero innamorare qualsiasi persona all’istante. Ma è sieropositiva. Per questo motivo, Olivia è stata rifiutata da 10 famiglie. Non volevano passare la vita con una bambina con l’HIV, chissà cosa avrebbero pensato parenti e amici. Poi, sono arrivati Damian Pighin e Ariel Vijarra di Santa Fe, in Argentina. E la loro vita è cambiata. Così come quella di Olivia.

Damian e Ariel ricordano ancora adesso, a cinque anni, il momento in cui l’hanno presa in braccia, le hanno dato il biberon e li ha guardati, con quegli occhi grandi, senza piangere. Avevano creato all’istante una connessione perfetta. A differenza degli altri 20 genitori, loro se ne sono innamorati, e hanno accettato l’affido senza perdere nemmeno un secondo. Non avevano paura della malattia, l’avrebbero curata. E così hanno fatto. E continuano a fare, a cinque anni dall’adozione della piccola Olivia. Dopo tre anni di tentativi, erano riusciti a coronare il loro sogno: avere un bambino. 

La storia di Olivia, bimba sieropositiva, e dei suoi due papà

Damian e Ariel hanno raccontato in televisione la loro storia. E’ stata la prima coppia gay a sposarsi a Santa Fe, e una volta fatto il grande passo, hanno pensato a mettere su famiglia, scegliendo la strada dell’adozione. E nel 2014, quasi per caso, gli si presenta questa opportunità: una bimba neonata, sottopeso, venuta al mondo solo da circa un mese. E’ bastato uno sguardo:

Appena l’ho vista, ho sentito che faceva parte della mia vita. La connessione è stata immediata. L’abbiamo tenuta tra le braccia, le abbiamo dato il biberon e lei ci ha guardato con gli occhi aperti, senza piangere. 

Una volta portata a casa, avrebbero dovuto iniziare la terapia per tenere sotto controllo l’HIV. Sapevano che non sarebbe stato facile, che avrebbero dovuto istruire Olivia a prendere le medicine e far attenzione, ma non ne erano impauriti come le altre dieci famiglie che l’hanno rifiutata. A due anni, Olivia era una bambina in forma: era aumentata di peso e la terapia funzionava. Il virus non era più rilevabile. Questo significa che non c’era il rischio di diffondere il virus (in caso di entrare in contatto con il suo sangue o avere rapporti) e che il suo sistema immunitario rispondeva pienamente. Oggi, Olivia ha cinque anni, vive con i suoi due papà e con la sorellina Victoria (adottata un anno dopo di lei), della stessa età.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
bacibaci 17.10.19 - 17:20

Questa storia viene dall'Argentina. Wikipedia dice che in Argentina nel 2010 è stato introdotto il matrimonio e con esso in automatico anche l'adozione di coppie gay sposate. Nel 2010?!! E noi , dopo quasi 10 anni, abbiamo mezza Italia, gay compresi, che vota partiti che dicono che ci sono il gender e la lobby gay? Forse i gay che votano destra dovrebbero fare mea culpa visto che non hanno fatto niente per ripulire la destra italiana dall'omofobia.

Trending

Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: "Quanto sei gay? Sono gay" (VIDEO) - Giancarlo Commare ha fatto coming out - Gay.it

Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: “Quanto sei gay? Sono gay” (VIDEO)

Culture - Redazione 22.7.24
Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi - olimpiadi parigi atleti queer - Gay.it

Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi

Corpi - Federico Boni 23.7.24
Tommaso Stanzani, primo bacio social all'amato Oreste Gaudio (VIDEO) - Tommaso Stanzani primo bacio social allamato Oreste Gaudio VIDEO - Gay.it

Tommaso Stanzani, primo bacio social all’amato Oreste Gaudio (VIDEO)

Culture - Redazione 24.7.24
Sam Smith

Sam Smith: “Ero un ragazzo spaventato, amavo un uomo che non era gay”. Così è nata “Not in That Way”

Musica - Emanuele Corbo 24.7.24
Vladimir Luxuria

Vladimir Luxuria ricoperta d’insulti per le foto in bikini: “Frustrati, io vivo la vita reale”. Poi rimprovera il governo

News - Emanuele Corbo 25.7.24
Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico? - grindr olympic - Gay.it

Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico?

News - Redazione 24.7.24

Hai già letto
queste storie?

Icar PrEP Long Acting - Giugno 2024

Prevenzione HIV, l’appello dei clinici e della Community dei pazienti per l’approvazione della Long Acting PrEP

News - Gay.it 20.6.24
Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: "Di me non sai", intervista a Raffaele Cataldo - Sessp 41 - Gay.it

Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: “Di me non sai”, intervista a Raffaele Cataldo

Culture - Federico Colombo 19.3.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
San Valentino 2024, i messaggi d'amore delle coppie vip LGBTQIA+ - San Valentino 2024 - Gay.it

San Valentino 2024, i messaggi d’amore delle coppie vip LGBTQIA+

Culture - Redazione 15.2.24
whereupon-turmoil-allen-frame

Prima e dopo l’hiv, quegli anni tra fine ’70 e ’90 a New York: “Whereupon”, rivoluzione e tragedia negli scatti di Allen Frame

Culture - Francesca Di Feo 6.6.24
Vivere con Hiv testimonianza Enrico

Vivere con l’Hiv, la testimonianza di Enrico: “Quando l’ho detto al mio compagno questa è stata la sua risposta”

Corpi - Daniele Calzavara 14.3.24
Luca Vismara e Peter Seggio

L’Estate 2024 di Luca Vismara e Peter Seggio tra baci, dediche social e relax

Culture - Luca Diana 22.7.24
Kyle Dean Massey e Taylor Frey presto di nuovo genitori - Kyle Dean Massey e Taylor Frey di nuovo genitori - Gay.it

Kyle Dean Massey e Taylor Frey presto di nuovo genitori

Culture - Redazione 8.3.24