Texas, una giudice si rifiuta di celebrare i matrimoni gay dal 2016: il caso alla Corte Suprema

Dianne Hensley, cristiana fondamentalista, difende il suo diritto a discriminare la comunità LGBTQIA+.

ascolta:
0:00
-
0:00
texas-giudice-matrimoni-gay
3 min. di lettura

In Texas, la questione dei diritti LGBTQIA+ è frequentemente fonte di accesi confronti, in particolare quando entra in collisione con il concetto di libertà religiosa.

Emergendo come un nuovo punto focale in questo continuo dibattito, il caso di Dianne Hensley, una giudice del Texas che aveva definito le persone omosessuali “promiscue e più soggette a malattie veneree”, si presenta ora di fronte alla Corte Suprema statale.

Il caso

Nel 2019, Hensley era stata già oggetto di sanzioni da parte della Commissione per la Condotta Giudiziaria del Texas per la sua scelta di officiare solamente matrimoni tra coppie eterosessuali.

La giudice argomenta che tale penalizzazione sia in realtà una violazione della sua libertà religiosa. Hensley è infatti cristiana fondamentalista.

In contrapposizione, la Commissione ha messo in discussione la sua capacità di mantenere un comportamento imparziale sul banco dei giudici, sottolineando che dal 2016 Hensley si sarebbe fin da subito rifiutata di celebrare matrimoni tra persone dello stesso sesso, in netto contrasto con la decisione presa dalla Corte Suprema degli Stati Uniti nel 2015, la quale estendeva i diritti di matrimonio alle coppie omosessuali.

Il ricorso alla corte suprema

In reazione alla sanzione ricevuta, Hensley aveva avviato un procedimento legale, rivendicando un risarcimento e chiedendo un’ingiunzione che impedisse ulteriori azioni disciplinari nei suoi confronti legate al suo rifiuto di officiare matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Tuttavia, nel giugno del 2021, la corte distrettuale statale aveva rigettato la sua richiesta, decisione successivamente confermata dalla Corte d’Appello. Attualmente, la questione è pendente davanti alla Corte Suprema del Texas.

La giudice ha dichiarato di voler “continuare a servire la comunità”, sostenendo che il suo ufficio si occupa anche “reindirizzare” le coppie omosessuali verso altre autorità competenti per la celebrazione del matrimonio, nel caso in cui le fosse richiesto.

Tuttavia, i critici argomentano che una tale misura non risolverebbe il problema cardine: la questione dell’imparzialità che si richiede a un funzionario pubblico nell’esercizio delle proprie funzioni.

La rappresentanza legale di Dianne Hensley acquisisce un rilievo particolare in quanto è affidata a Jonathan Mitchell, ex Solicitor General del Texas. Mitchell è noto per essere l’autore della cosiddetta legge “heartbeat”, che ha avuto un ruolo determinante nell’annullamento di Roe v. Wade, la storica decisione giuridica che garantiva la libertà di aborto in tutti gli stati.

Come una decisione in Texas potrebbe influenzare tutti gli Stati Uniti

Il caso di Dianne Hensley non è un evento isolato, ma si colloca all’interno di un quadro più ampio di tensioni culturali e sociali che percorrono il Texas e, più in generale, gli Stati Uniti.

Recentemente, lo stato ha infatti varato numerose leggi con implicazioni anti-LGBTQIA+, tra cui normative che proibiscono le terapie per l’affermazione di genere per l* adolescenti, censure applicate sui libri che contengono tematiche LGBTQIA+ fino al vergognoso ban della PrEP dalle assicurazioni sanitarie.

Il caso Hensley rappresenta un episodio cruciale nell’intricata tematica dei diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti e particolarmente nel Texas, noto per essere uno degli stati più conservatori del paese. L’esito del procedimento giudiziario potrebbe infatti avere implicazioni significative sia dal punto di vista legale che sociale.

Esso pone infatti in rilievo questioni ancora irrisolte riguardanti il delicato equilibrio tra libertà religiosa e diritti civili, mettendo la Corte Suprema del Texas davanti alla necessità di prendere una decisione che potrebbe costituire un precedente storico nel contesto delle tensioni tra diversi diritti fondamentali.

In un’epoca di rapidi cambiamenti sociali, è indispensabile che anche le leggi e le normative si adattino per rispecchiare i nuovi equilibri e valori emergenti. In questo contesto, il caso Hensley potrebbe fungere da indicatore cruciale per delineare la futura traiettoria di tali adattamenti, sia a livello statale che nazionale.

La decisione che sarà presa dalla Corte Suprema del Texas potrebbe, quindi, non solo incidere sulle dinamiche texane ma anche inviare un messaggio più ampio, influenzando il discorso sui diritti umani e la convivenza civile negli Stati Uniti nel suo insieme.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24

Continua a leggere

legge-omobitransfobia-repubblica-ceca

Repubblica Ceca, modificata la legge sulle unioni civili. Riconosciuta l’esistenza delle famiglie arcobaleno

News - Redazione 30.4.24
Nepal, finalmente riconosciuto il primo storico matrimonio tra due donne - Dipti Shrestha 33 anni e Suprita Gurung - Gay.it

Nepal, finalmente riconosciuto il primo storico matrimonio tra due donne

News - Redazione 15.2.24
Topolino e Minnie costretti a censurare la parola "gay" da uno show Disney ad Orlando.

Topolino e Minnie cancellano la parola “gay” da uno show

News - Redazione Milano 2.1.24
Carolina Morace Movimento 5 Stelle Elezioni Europee

Carolina Morace candidata alle Europee con il M5S parla di matrimonio egualitario e calciatori gay

News - Redazione Milano 30.4.24
grecia-chiesa-ortodossa-scomunica-matrimonio-egualitario

Grecia, la Chiesa Ortodossa minaccia di scomunicare i parlamentari che hanno votato per il matrimonio egualitario

News - Francesca Di Feo 8.3.24
Grecia, si è sposata la prima coppia gay. Ed è boom matrimoniale turistico in stile Mamma Mia! - Grecia Mamma Mia - Gay.it

Grecia, si è sposata la prima coppia gay. Ed è boom matrimoniale turistico in stile Mamma Mia!

News - Redazione 4.3.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Thailandia verso il matrimonio egualitario

Thailandia, ad un passo il sì definitivo del Parlamento al matrimonio egualitario

News - Federico Boni 21.12.23