C’è una storia gay, censurato in Tunisia Chiamami Col Tuo Nome

Il film di Luca Guadagnino non ha ottenuto il visto del governo tunisino. Cancellato dalle sale.

chiamami col tuo nome
< 1 min. di lettura

Niente proiezione di Chiamami Col Tuo Nome per i cinefili tunisini: la censura si abbatte sul film tratto dal romanzo di André Aciman.

Previsto al cinema La Colisée di Tunisi, Chiamami Col Tuo Nome è uscito dalla programmazione senza nemmeno vedere la sala. A deciderlo il governo tunisino, che attraverso il ministero degli Affari Culturali ha vietato la visione del film nel Paese.

La Tunisia, l’unico stato nordafricano in cui ha attecchito la rivoluzione dei gelsomini, portando il paese pur tra mille contraddizioni nella democrazia, resta ancora una terra ostile sul tema dell’omosessualità: basti ricordare gli abusi subiti da diversi attivisti gay da parte delle forze dell’ordine e dei loro famigerati test anali.

Proprio la storia d’amore omosessuale tra i due protagonisti del film Elio e Oliver, interpretati da Timothée Chalamet e Armie Hammer, sarebbe il motivo del bando caduto sul film di Luca Guadagnino, anche se nulla di ufficiale è emerso dai funzionari del governo che si sarebbero limitati ad emettere un divieto per via orale.

Non sarebbe la prima volta che un film a tematica LGBT viene censurato nella Tunisia democratica: nel 2013 la stessa sorte è toccata alla Vita di Adele, del franco-tunisino Kechiche.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Ghana LGBTQ+

Ghana, a rischio 4 miliardi a causa della legge anti-LGBT. E il presidente non l’ha ancora firmata

News - Redazione 6.3.24
Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24
ghana-legge-anti-lgbt-ghana

Ghana, l’esito dell’iter legislativo sulla legge anti-gay potrebbe arrivare entro aprile

News - Francesca Di Feo 19.4.24
Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24
Polonia matrimonio egualitario Gay.it

Polonia, suicidi in aumento a causa delle leggi omobitransfobiche del Paese

News - Federico Boni 20.2.24
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24