Tutte le bugie di Victor Orbán in difesa della legge omotransfobica ungherese

Davanti all'UE il presidente ungherese ha vomitato un'enormità di menzogne. Vedere per credere.

orban ungheria
Orban continua a sostenere l'Ungheria omofoba.
2 min. di lettura

Messo alle strette dai principali leader europei, Victor Orbán ha diffuso tutta una serie di bugie per difendere la legge contro la propaganda LGBT appena approvata in Ungheria. Menzogne facilmente dimostrabili, come esplicitato dall’attivista Luca Dudits.

Orbán ha affermato che “non esiste una legge sull’omosessualità” in Ungheria. La verità è che la legge da poco approvata fa per sei volte riferimenti espliciti all’omosessualità, nel contesto della dichiarazione secondo la quale sarà ora “vietato mettere a disposizione dei minori di diciotto anni qualsiasi (…) contenuto [che] promuova o ritragga deviazione dall’identità personale in linea con il sesso di nascita, la riassegnazione di genere e l’omosessualità”.

Orbán ha affermato che “la legge riguarda l’educazione sessuale dei bambini indipendentemente dal suo contenuto“. La verità è che solo la “promozione” e la “rappresentazione” dell’omosessualità sono state vietate, e non la rappresentazione dell’eterosessualità, priva di alcuna restrizione. È vero che la legge vieta anche i contenuti che “dipingono la sessualità come avente uno scopo in sé”, ma mentre il divieto di rappresentazione dell’eterosessualità viene applicato solo selettivamente a tali rappresentazioni, esiste un divieto generale di rappresentazione dell’omosessualità e delle identità transgender in qualsiasi forma.

Orbán ha anche affermato che “spetta ai genitori decidere come i bambini debbano venire a conoscenza della questione della sessualità“. Peccato che questa legge faccia il contrario, limitando i diritti dei genitori: non sarà più possibile per i genitori insegnare ai propri figli ad accogliere le persone gay, lesbiche e transgender nelle proprie vite. A causa dei divieti del Child Protection Act e del Family Protection Act, se un genitore acquisterà al figlio un romanzo per ragazzi con un personaggio LGBTQI o guarderà un film che raffigura un personaggio LGBTQI con un bambino di età inferiore ai 18 anni, violerà la legge.

Orbán ha poi incredibilmente affermato di voler “proteggere i diritti dei ragazzi gay“. La verità è che nel 2003 Orbán ha votato contro una legge contro l’omotransfobia, nel 2007 e nel 2009 ha votato contro la legge sulle unioni civili. Nel 2011, invece, ha votato a favore della legge che vieta esplicitamente il matrimonio tra persone dello stesso sesso, e nel 2013 ha votato a favore di una legge che ha introdotto una definizione escludente di famiglia. Ha poi votato a favore per abolire l’Autorità per la parità di trattamento nell’autunno del 2020 e ha anche votato a favore della limitazione dell’adozione da parte delle persone non sposate. Non contento, ha cancellato le persone transgender per via costituzionale.

Infine, Orbán ha affermato che “è un difensore dei diritti, un combattente per la libertà durante il comunismo quando l’omosessualità era ancora punita“. La realtà è che Viktor Orbán è nato nel 1963. L’omosessualità non è più punita dalla legge ungherese dal 1962. All’epoca Orbán aveva un anno. A meno che non combattesse dalla culla, l’ennesima, gigantesca cazzata del primo ministro più pericoloso d’Europa.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24

Leggere fa bene

liz truss diritti lgbtq rights

Regno Unito, l’ex premier Liz Truss vuole vietare la transizione di genere ai minori di 18 anni

News - Redazione 4.12.23
Vannacci è ovunque e continua nei suoi deliri: "Omosessuali ultraprotetti, si sentono intoccabili" - 6D3046CB E0AC 431B 8685 F78A3416FE24 - Gay.it

Vannacci è ovunque e continua nei suoi deliri: “Omosessuali ultraprotetti, si sentono intoccabili”

News - Redazione 25.9.23
cover-meloni-africa

Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l’omosessualità

News - Francesca Di Feo 29.1.24
roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
marcomengonitayloswift

Marco Mengoni è la nostra Taylor Swift?

Musica - Mandalina Di Biase 3.10.23
Ungheria, mostra del World Press Photo vietata ai minori perché ci sono scatti raffiguranti drag queen - Home for the Golden Gays - Gay.it

Ungheria, mostra del World Press Photo vietata ai minori perché ci sono scatti raffiguranti drag queen

News - Federico Boni 3.11.23
Messico, il presidente Obrador definisce "un uomo vestito da donna" la deputata trans Salma Luevano - Andres Manuel Lopez Obrador - Gay.it

Messico, il presidente Obrador definisce “un uomo vestito da donna” la deputata trans Salma Luevano

News - Redazione 10.1.24
Matteo Salvini a Firenze per il meeting di Identità e Democrazia

Gli imbarazzanti alleati europei di estrema destra della Lega di Salvini

News - Lorenzo Ottanelli 4.12.23