Ungheria, la Corte Costituzionale stoppa Orban: “Niente primato nazionale sul diritto europeo”

Uno schiaffo al premier ungherese è arrivato direttamente dai giudici costituzionali del proprio Paese.

orban ungheria
Orban continua a sostenere l'Ungheria omofoba.
2 min. di lettura

L’ennesimo schiaffo a Victor Orban, premier dell’ultradestra ungherese, arriva oggi dalla Corte Costituzionale, che ha ribadito il mancato primato del diritto nazionale su quello europeo. Tutto era nato dalla volontà del governo ungherese di mettere in discussione la supremazia del diritto dell’Unione.

Judit Varga, ministra della Giustizia, si era opposta a una sentenza della Corte di Giustizia UE che aveva riconosciuto una violazione del diritto comunitario da parte del governo di Budapest, avendo respinto con la forza i richiedenti asilo al confine con la Serbia.  La Corte UE aveva sottolineato come “la normativa ungherese limita, da un lato, i diritti di avere accesso ai richiedenti protezione internazionale e di comunicare con questi ultimi e, dall’altro, l’effettività del diritto garantito al richiedente asilo di poter consultare, a proprie spese, un consulente legale o altro consulente“. Orban aveva mantenuto il punto sul piano anti-immigrazione ungherese, facendo ricordo contro il primato del diritto dell’Unione europea e replicando quanto già fatto dalla Polonia, ovvero cercare la sponda da parte della Corte, che non è (sorprendentemente?) arrivata. Anzi.

Nella sentenza i giudici costituzionali d’Ungheria hanno ribadito che non possono contestare il verdetto della Corte Ue sul tema migranti. “Siamo con la Polonia, il diritto nazionale prevale su quello dell’Unione europea“, aveva commentato Viktor Orban nel sostenere la sentenza della Corte costituzionale polacca, pronunciatasi a sostegno delle leggi nazionali rispetto all’ordinamento comunitario. Orban aveva ufficialmente chiesto che le istituzioni europee rispettassero la sovranità degli Stati membri, ma dalla Corte del suo stesso Paese è arrivata una rumorosa bocciatura. La Commissione europea ha così commentato quanto deciso dai giudici costituzionali ungheresi, tramite il proprio portavoce Christian Wigand: “La analizzeremo in dettaglio, naturalmente spetta alle autorità ungheresi attuare le decisioni della Corte di giustizia europea”.

Judit Varga, ministra ungherese della giustizia, ha dato una sua differente opinione alla sentenza, definendola favorevole al Governo: “La Corte costituzionale ha costruito una forte barriera legale oltre alla chiusura fisica delle nostre frontiere. La Corte costituzionale ungherese non ha esaminato il primato del diritto dell’Ue, né si è soffermata sulla revisione della precedente sentenza della Corte di giustizia dell’Ue”. “Al fine di proteggere efficacemente i propri confini, l’Ungheria ha anche il diritto di adeguare le proprie norme nazionali alla realtà adottando misure aggiuntive e uniche. Il dibattito ha anche evidenziato l’inevitabile necessità di riformare le norme dell’Ue in materia di immigrazione”.

Dopo aver annunciato un referendum nazionale in difesa della propria legge omotransfobica pochi mesi fa approvata, Orban è ora atteso alle elezioni politiche di aprile, con un’immagine internazionale sempre più sporcata da scandali e decisioni cattofasciste. Al suo fianco in Europa, ancora oggi, ci sono Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
Heartstopper 6, Alice Oseman ha una bozza dell'ultimo capitolo: "Almeno 18 mesi per disegnarlo" - Heartstopper - Gay.it

Heartstopper 6, Alice Oseman ha una bozza dell’ultimo capitolo: “Almeno 18 mesi per disegnarlo”

Serie Tv - Redazione 28.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24
pride di modena, terni e alessandria

Come sono andati i Pride di Alessandria, Terni e Modena il 25 maggio – GALLERY

News - Gio Arcuri 28.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24

Continua a leggere

Leo Varadkar, il primo storico premier gay d'Irlanda si è dimesso: "Ragioni politiche e personali" - Scaled Image 100 - Gay.it

Leo Varadkar, il primo storico premier gay d’Irlanda si è dimesso: “Ragioni politiche e personali”

News - Redazione 21.3.24
Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: "È un'italiana di cui andiamo orgogliosi" - Dopo la querela Vannacci si scusa con Paola Egonu - Gay.it

Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: “È un’italiana di cui andiamo orgogliosi”

News - Redazione 14.5.24
Scalfarotto: "Ho chiesto di calendarizzare il disegno di legge sul matrimonio ugualitario. Nessuno mi ha seguito" - Ivan Scalfarotto e Matteo Renzi - Gay.it

Scalfarotto: “Ho chiesto di calendarizzare il disegno di legge sul matrimonio ugualitario. Nessuno mi ha seguito”

News - Redazione 13.3.24
donald-trump

Cancellata la norma voluta da Donald Trump che consentiva ai medici di negare le cure ai pazienti LGBT+

News - Redazione 12.1.24
elly schlein partio democratico

Abruzzo al voto, Elly Schlein: “Ci battiamo per il diritto delle donne a scegliere del proprio corpo”

News - Redazione 8.3.24
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Padova, Tribunale respinge ricorso della Procura contro le famiglie arcobaleno

News - Redazione 5.3.24
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi - sit in Russia 8 - Gay.it

Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi

News - Redazione 11.1.24
Luca Paladini insultato da consigliere leghista in aula: "Pezzo di m*rda". Poi l'aula approva la mozione transfobica (VIDEO) - Luca Paladini - Gay.it

Luca Paladini insultato da consigliere leghista in aula: “Pezzo di m*rda”. Poi l’aula approva la mozione transfobica (VIDEO)

News - Redazione 8.5.24