Virgin Atlantic dice addio al binarismo: i dipendenti potranno indossare la divisa che più li rappresenta

L'obiettivo è quello di creare un ambiente più inclusivo per dipendenti e clienti appartenenti alla comunità LGBTQIA+.

ascolta:
0:00
-
0:00
virgin-atlantic-persone-non-binarie
3 min. di lettura

Tutti i volti di un mondo che cambia e si evolve: oggi, l’inclusione e la valorizzazione della diversità ce la insegna Virgin Atlantic, che con un gesto semplice ma estremamente impattante aggiorna le proprie politiche interne per permettere ai dipendenti di “indossare” i propri pronomi sull’uniforme.

La compagnia aerea ha inoltre annunciato anche la modifica delle politiche sulla stessa uniforme, lasciando che l* dipendenti indossino “ciò che più si allinea con la loro espressione di genere e che più li metta a loro agio”.

Ma le novità non sono solo per i dipendenti di Virgin Atlantic: anche l* clienti della compagnia aerea potranno contare su uno staff formato e preparato a rispondere ai loro bisogni e a rispettare la loro identità grazie a un nuovo sistema di emissione dei titoli di viaggio che include il genere non binario.

L’annuncio è arrivato dalla compagnia aerea solo ieri, e le varie iniziative volte a modificare le politiche antiquate e binariste fanno parte della strategia “Be Yourself” di Virgin Atlantic il cui obiettivo è quello di creare un ambiente più inclusivo per dipendenti e clienti appartenenti alla comunità LGBTQIA+.

Le nuove politiche adottate dall’azienda significano molto per me” ha dichiarato alla stampa Jaime Fosstroem, dipendente di Virgin Atlantic. “Come persona non binaria, mi permette di essere me stess* anche sul posto di lavoro e scegliere cosa preferisco indossare”.

La compagnia aerea ha deciso d’immortalare il momento con un photoshoot decisamente stiloso la cui protagonista è Michelle Visage di RuPaul’s Drag Race, insieme aTanya Compas, attivista per i diritti LGBTQIA+ in america, Talulah-Eve, modella transgender, e Tayreece Nye influencer e drag queen. Le inconfondibili uniformi sono tutte targate Vivienne Westwood.

virgin-atlantic-persone-non-binarie

Come mamma di un* bimb* non binari*, e come alleata della comunità LGBTQIA+, apprezzo molto i passi avanti condotti da Virgin Atlantic in questo senso. Si tende a sottovalutare l’importanza dell’abbigliamento nell’espressione di sè. Per me, il modo di vestire è una parte importantissima di ciò che sono” ha dichiarato Visage.

Un ambiente di lavoro più inclusivo è più felice. E un ambiente di lavoro felice, è più produttivo.

A pochi giorni dalla prima implementazione delle nuove politiche sull’espressione di genere, i sondaggi effettuati da Virgin Atlantic hanno parlato di un incremento della felicità dell* dipendenti sul posto di lavoro, nonché della produttività.

Se l’obiettivo primario della compagnia aerea era teoricamente quello di creare un ambiente di lavoro più inclusivo, oggi Virgin Atlantic può godere anche dei benefici collaterali dovuti all’aggiornamento delle proprie politiche.

Crediamo che tutt* possano fare la differenza” ha dichiarato Juha Jarvinen, responsabile dell’ufficio commerciale di Virgin Atlantic. “Ecco perché è così importante permettere a tutti di lavorare in un ambiente sereno e sviluppare al massimo il proprio potenziale”.

Non solo Virgin Atlantic: i passi avanti nel linguaggio inclusivo

Le compagnie aeree trailblazers nell’ambito del linguaggio inlusivo sono state – prima di Virgin Atlantic – British Airways e Air Malta, che negli scorsi anni hanno deciso di abbandonare il binarismo nel modo di rivolgersi all* propri* passegger*.

Un sguardo a un futuro che – in Italia – ci sembra lontanissimo, alla luce degli ultimissimi episodi di discriminazione riscontrati durante le ultime elezioni politiche, che hanno spinto tantissime persone transgender e non binarie a rinunciare al proprio diritto di voto per evitare coming out forzati.

Nel nostro paese, complice anche una lingua italiana che fatica ad adattarsi al concetto di neutralità di genere, il binarismo viene difeso a spada tratta da tutti coloro che si fanno intimidire da una semplice shwa o da un asterisco.

La controversia sul linguaggio inclusivo in Italia è accesissima, e probabilmente passeranno anni prima che compagnie aeree – ma anche ospedali, ambienti istituzionali, pbbliche amministrazioni e scuole – si decidano ad abbandonare una volta per tutte un concetto antiquato come quello del binarismo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

Continua a leggere

sport-aics-tesseramento-alias

Tesseramento alias nello sport, la svolta di AICS: “Esaltare il valore dello sport come diritto umano”

Corpi - Francesca Di Feo 3.1.24
"Orlando, my biographie politique", il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d'Italia - Orlando my biographie politique 2 - Gay.it

“Orlando, my biographie politique”, il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d’Italia

Cinema - Redazione 15.3.24
Cosa intendiamo per affermazione di genere?

Genere non binario (ENBY): il sondaggio Genderation Data Drive per una raccolta dati sulle identità Non-Binary

News - Redazione Milano 9.4.24
@ludovicadesantis_pht

Any Other e il diritto di ricordare, l’intervista

Musica - Riccardo Conte 31.1.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Nemo

Nemo, chi è l’artista non binario che rappresenta la Svizzera all’Eurovision 2024?

Culture - Luca Diana 9.5.24
@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24
Nemo, Eurovision 2024

Nemo, l’artista svizzerə non binariə vince l’Eurovision 2024 con “The Code”

Musica - Luca Diana 12.5.24