Zoolander 2, Benedict Cumberbatch rinnega il suo personaggio non binario: “Oggi non accetterei”

Già nel 2016 ci furono polemiche, per "un'esagerata e cartoonesca derisione degli individui androgini/trans". E ora parla Benedict.

ascolta:
0:00
-
0:00
Zoolander 2, Benedict Cumberbatch rinnega il suo personaggio non binario: "Oggi non accetterei" - Benedict Cumberbatch non binary Zoolander 2 - Gay.it
2 min. di lettura

In odore di Oscar grazie alla sua straordinaria prova d’attore in Il Potere del Cane di Jane Campion, Benedict Cumberbatch ha ufficialmente rinnegato Zoolander 2, film del 2016 diretto da Ben Stiller in cui l’indimenticato Sherlock Holmes interpretò Tutto, personaggio non binario strereotipato e visibilmente offensivo nei confronti della comunità.

Stroncato dalla critica e inaspettatamente flop al box office, con 55 milioni di dollari incassati in tutto il mondo dopo esserne costati 50, Zoolander 2 è sbarcato in sala 15 anni dopo l’uscita del capitolo originale, diventato di culto nel lontano 2001. Nello sbertucciato sequel Cumberbatch indossava gli abiti di un personaggio androgino e non binario che già all’epoca, per quanto fossero “altri tempi” rispetto ad oggi, suscitò non poche polemiche.

Sarah Rose, attivista LGBTQ+, lanciò una petizione per boicottare la pellicola, definendo il personaggio di Tutto “transfobico“, nonché “un’esagerata e cartoonesca derisione degli individui androgini/trans”. Nella petizione che raccolse quasi 30.000 firme, si paragonava il personaggio di Tutto “all’uso del blackface per rappresentare una minoranza”. Passati sei anni, Cumberbatch ha di fatto ora sposato quella causa, nel corso di un face-to-face Variety con Penelope Cruz.

Ci furono molte polemiche legate a quel personaggio, comprensibilmente. E penso che ora come ora quel ruolo non verrebbe mai interpretato da nessun attore che non sia transgender“. All’epoca il 45enne Benedict pensava che la presenza di un personaggio non conforme al genere fosse addirittura piuttosto progressista. “Ricordo che non ci pensai troppo realmente, anche perché aveva come protagonisti questi due “dinosauri”, due cliché eteronormativi che non comprendevano questo nuovo mondo all’insegna della diversità”. “Il ruolo ci è ritorto un po’ contro. Ma è stato bello conoscerci in quel breve momento e lavorare con Ben Stiller e Owen Wilson”.

Nel film di Stiller l’attrice premio Oscar Penelope Cruz interpretava l’agente dell’Interpol Valentina Valencia. La musa di Pedro Almodovar ha ricordato la performance di Cumberbatch come “divertente“. Nei mesi scorsi Benedict ha invece difeso anche il personaggio interpretato in The Power of Dog, omofobo represso nell’America degli anni ’20 del secolo scorso.

Mi sento molto sensibile alla rappresentazione, alla diversità e all’inclusione“, ha precisato Cumberbatch, sposo di Sophie Hunter e padre di 3 figli. “Mi fido del giudizio di Jane Campion che ci ha scelti per questi ruoli”. “Certo sono un uomo etero ma sono estremamente in contatto con il mio lato femminile. Sono stato cresciuto da mia madre e mia sorella. Certo, mio ​​padre ha un’enorme influenza maschile sulla mia vita, ma non potrebbe mai davvero portarmi via dal lato femminile che ho intrinsecamente in me stesso. Dovevo solo tirarlo fuori… e lasciarlo essere nel mondo. È stata una cosa davvero sperimentale ma bella da fare.”

Il Potere del Cane, vero favorito agli Oscar 2022, ha già infranto record su record.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Dino Fetscher, vacanze d'amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social - Dino Fetscher - Gay.it

Dino Fetscher, vacanze d’amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social

Culture - Redazione 15.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Emma Marrone e Nicolò De Devitiis, Le Iene

Emma Marrone a Le Iene: “Mi piacerebbe diventare madre. Ho 39 anni e tutti gli strumenti per esserlo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24

Hai già letto
queste storie?

@mattheperson

Una chiacchierata con Matt Taylor, tra TikTok e queerness

Culture - Riccardo Conte 13.2.24
Chi è Eliot Sumner, figliə non-binary di Sting che interpreta Freddie Miles in Ripley - eliot sumner freddie ripley - Gay.it

Chi è Eliot Sumner, figliə non-binary di Sting che interpreta Freddie Miles in Ripley

Serie Tv - Redazione 8.4.24
Intervista a Paul B Preciado - My Biographie Politique

Lə infinitə Orlando che ci donano il caos non binario, utopico e liberatorio: intervista a Paul B. Preciado

Cinema - Giuliano Federico 27.3.24
Germania, la Baviera vieta l'uso di un linguaggio inclusivo nelle scuole - non binary power sign 960x640 1 - Gay.it

Germania, la Baviera vieta l’uso di un linguaggio inclusivo nelle scuole

News - Redazione 26.3.24
lady oscar genere non binario

Se oggi un millennial riguarda Lady Oscar, che fine fa quel buon padre che voleva un maschietto?

Culture - Emanuele Bero 28.11.23
Cosa intendiamo per affermazione di genere?

Genere non binario (ENBY): il sondaggio Genderation Data Drive per una raccolta dati sulle identità Non-Binary

News - Redazione Milano 9.4.24
@matttheperson

Chi è Matt Taylor, portavoce dellə gen Z su TikTok

Culture - Riccardo Conte 22.1.24
sport-aics-tesseramento-alias

Tesseramento alias nello sport, la svolta di AICS: “Esaltare il valore dello sport come diritto umano”

Corpi - Francesca Di Feo 3.1.24