150.000 dollari di risarcimento a coppia gay per bullismo omofobo in un ristorante italiano

Condannati i 3 proprietari italiani. "Sono stati chiaramente profondamente offesi e minacciati. Sono stati molestati a causa del loro orientamento sessuale”, ha sentenziato il giudice.

ascolta:
0:00
-
0:00
150.000 dollari di risarcimento a coppia gay per bullismo omofobo in un ristorante italiano - Piatto Londra - Gay.it
2 min. di lettura

Tim Jeurninck e Marco Scatena sono una coppia gay felicemente sposata che ha appena ottenuto giustizia, ovvero quasi 150.000 dollari di risarcimento dopo aver citato in giudizio i loro ex datori di lavoro.

Secondo un rapporto del Daily Mail, la coppia è stata “vittima di bullismo per mesi“, avendo subito “costanti insulti” da parte dei colleghi del ristorante italiano Piatto.

Scatena era anche comproprietario del locale, al 30%. L’uomo ha detto di non aver mai ricevuto un dividendo ed è stato costantemente vessato e minacciato dagli altri tre amministratori, che lo hanno anche accusato senza fondamento di aver rubato dal registratore di cassa.  Jeurninck e  Scatena si sono sposati nel 2017 e hanno iniziato a lavorare al ristorante Piatto nel gennaio del 2018. Tra giugno e settembre la coppia è stata “travolta” dagli insulti omofobi.

Una serie di messaggi WhatsApp tra gli altri tre co-proprietari ha confermato l’intenzione di ideare una “bella trappola” per “accelerare” la sua cacciata. Quando Scatena ha letto la chat ha avuto un attacco di panico così grave da dover entrare in congedo per malattia, senza stipendio. La giuria ha stabilito che c’erano “prove più che sufficienti” che avrebbero dimostrato come i colleghi dell’uomo abbiano provato a costringere Scatena a lasciare il ristorante perché gay.

Gli altri proprietari del ristorante, ovvero Alessandro Spina, Vincenzo Cugno Garrano e Fabio Corona,  si sarebbero riferiti a Jeruninck come a una “cameriera” in più di un’occasione, chiamandolo “fr*cio”, in italiano. Quando Tim chiedeva loro di smetterla, ridevano. Non contento, uno dei tre ha anche minacciato Jeruninck, dicendogli che la sua famiglia è nella mafia e avrebbe potuto ucciderlo e ferire la famiglia di suo marito. In un’occasione Cugno Garrano è salito al piano di sopra con un bicchiere pulito e gli ha urlato contro: “Pensavo che voi (persone gay) sapeste pulire meglio”. Quando Jeurninck ha protestato, Cugno Garrano ha risposto: “Sono un vero uomo, a differenza tua. Non voglio che mi parli così per un cazzo”, sputandogli addosso. 

Alla fine Jeruninck si è dimesso, dopo non aver visto un soldo per 9 mesi. Poco dopo si è dimesso anche Scatena. Successivamente i due si sono rivolti alla giustizia, denunciando il locale per discriminazione basata sull’orientamento sessuale.

Il sig. Jeurninck e il signor Scatena hanno sofferto di comportamenti indesiderati a causa del loro orientamento sessuale, con lo scopo di violare la loro dignità o creare un ambiente intimidatorio, ostile, degradante, umiliante o offensivo per entrambi“, ha sentenziato il giudice Green. “Riteniamo che ci sia stata una sostenuta campagna motivata da un comportamento omofobo per costringerlo a lasciare l’attività. Sono stati chiaramente profondamente offesi e minacciati. Sono stati molestati a causa del loro orientamento sessuale”.

Jeurninck ha ricevuto circa $ 51.000 e Scatena ha ricevuto quasi $ 102.000.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Giornata omobitransfobia Girogia Meloni

Giornata contro l’omobitransfobia, le parole di Meloni e il post propaganda di Atreju

News - Giuliano Federico 17.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23
Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
avvocato-difensore-filippo-turetta-emanuele-compagno

Omofobia, misoginia e victim blaming sui social di Emanuele Compagno, ex avvocato difensore di Filippo Turetta

News - Francesca Di Feo 24.11.23
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
Milano, affitto negato perché gay: "La proprietaria preferisce una persona "tradizionale"" (VIDEO) - Andrea Papazzoni - Gay.it

Milano, affitto negato perché gay: “La proprietaria preferisce una persona “tradizionale”” (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24
russia-insegnante-propaganda-lgbtqia

Russia, insegnante si veste da Biancaneve e viene accusato di propaganda LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.12.23
St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24