49 baci per Orlando: il blitz fotografico che rilancia l’amore dopo il dolore

Un progetto collettivo che irrompe nelle strade per ricordare le vite spezzate. 49 baci, uno per ogni vita mancante, affissi a Roma, Milano, Firenze.

49 baci per Orlando: il blitz fotografico che rilancia l'amore dopo il dolore - orlando baci cover - Gay.it
3 min. di lettura

Un evento improvviso nella notte, come improvviso è stato il folle attacco armato contro i ragazzi di Orlando. Un blitz d’amore come risposta al terribile blitz d’odio, morte e paura. Nella notte tra sabato 18 e domenica 19 giugno in tre città italiane – Roma, Milano e Firenze – centinaia di poster sono stati affissi sui muri di strade e piazze per affermare la libertà all’amore dopo la tragedia, per tornare a sperare, ad amare. Shoot me! il titolo del progetto,”colpiscimi”, “sparami” – come a ribadire che le nostre vite e le nostre storie sono inarrestabili. Che se anche ne sopprimi una, dieci o quarantanove, altre cento, mille ne verranno alla luce, libere, oltraggiose.

orlando_baci_1

orlando_baci_3

A una settimana esatta dalla strage di Orlando, in Florida, un progetto del collettivo che  celebrare il ricordo delle 49 giovani vite spezzate: 49 ritratti di baci (omo ma anche eterosessuali) raccolti dal fotografo Gianluca Vassallo, 42 anni, nato a Napoli ma trapiantato in Sardegna. Ritratti con cui sono stati tappezzati i muri delle città, per affiancare al dolore un atto di libertà espressiva. Un bacio per ognuna delle persone uccise nella notte tra l’11 e il 12 giugno, al Pulse club a Orlando, Florida, nello sciagurato blitz dell’americano di origini afghane Omar Mateen: questa l’idea di Gianluca, un’idea che si è fatta immagine. Il progetto ha coinvolto spontaneamente tante persone che hanno sentito l’urgenza di condividere una reazione, mettendosi a disposizione e offrendosi allo sguardo pubblico. Un progetto collettivo, che risponde coralmente a un affronto contro la comunità LGBTQI, ma più in generale contro l’umanità: “Io non esisto” ci ha detto l’autore, “in questo progetto esiste solo il mio sguardo. Non è una mia attività ma è una risposta collettiva, realizzata da centinaia di persone, alla stupidità di quell’atto di violenza”.

Shoot_Me!_018

Gianluca ci tiene a sottolineare l’aspetto comunitario e collettivo del progetto: “In tanti abbiamo sentito una frustrazione incredibile dopo quei fatti. E la volontà di rispondere a tutto quello con delicatezza, gioia, potenza, era una necessità larga alla quale io ho solo offerto lo sguardo. Tutto il visibile esiste perché esiste un processo invisibile. Il nostro prossimo obiettivo è dimenticarci la paternità e farlo diventare un bene pubblico. Mettendo i nomi in un cassetto e le istanze al centro del dibattito pubblico”.

Shoot_Me!_023

L’operazione Shoot me! è scattata al tramonto. Secondo le regole dei blitz già organizzati in passato da Gianluca Vassallo: affissioni senza alcuna autorizzazione per un messaggio che deve scuotere, sorprendere, provocare. Era già successo a Olbia, nel 2013, qualche mese dopo la terribile alluvione che in Sardegna provocò 18 morti. Le foto degli alluvionati comparvero nelle strade della città nel cuore della notte: per l’amministrazione comunale pare fu un’operazione scomoda. All’alba, solo tre ore dall’affissione – “con un tempismo che ancora oggi fatico a spiegarmi” – i manifesti vennero tutti strappati.

Un progetto dagli intenti sociali e politici quello di Gianluca: “Credo che i processi che l’arte possano dare un contributo alla vita civile. Mettendo da parte l’autorialità, l’individualità e diventando parte della necessità di cambiamento che urlano il paese e il mondo”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ariete sorprende i fan

Ariete offre la colazione ai fan che la aspettano da 24 ore: “Per voi ci sarò sempre”

Musica - Emanuele Corbo 20.6.24
Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda? - Drag Race Italia - Gay.it

Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda?

News - Redazione 20.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Mahmood coming out_ Foto dalla sfilata di Prada

Quella specie di coming out di Mahmood in inglese: media italiani impazziti

Musica - Mandalina Di Biase 20.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24

Leggere fa bene

whereupon-turmoil-allen-frame

Prima e dopo l’hiv, quegli anni tra fine ’70 e ’90 a New York: “Whereupon”, rivoluzione e tragedia negli scatti di Allen Frame

Culture - Francesca Di Feo 6.6.24
La bellezza liberatoria degli infiniti "Pride", per sempre e ovunque: storia visiva dell'orgoglio LGBTQIA+ - pride libro scripta maneant 3 - Gay.it

La bellezza liberatoria degli infiniti “Pride”, per sempre e ovunque: storia visiva dell’orgoglio LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 8.6.24
Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24
Mahmood inSAFE FROM HARM A FILM BY WILLY CHAVARRIA

Mahmood, il video integrale di Willy Chavarria designer di collezioni non binarie

Lifestyle - Mandalina Di Biase 13.2.24
Mahmood, bacio gay

Mahmood, il bacio gay a New York nel video di un brand

Culture - Luca Diana 10.2.24
Madonna omaggia le vittime del Pulse: "Tutti noi contribuiamo ai crimini di odio, perché tutti discriminiamo" - Madonna - Gay.it

Madonna omaggia le vittime del Pulse: “Tutti noi contribuiamo ai crimini di odio, perché tutti discriminiamo”

Musica - Redazione 12.4.24