Le associazioni LGBT replicano al Vaticano: “Attacco alla Costituzione, no ingerenze la politica sia laica”

Dure e inevitabili le reazioni delle associazioni LGBT italiane all'attacco della Santa Sede.

Le associazioni LGBT replicano al Vaticano: "Attacco alla Costituzione, no ingerenze la politica sia laica" - Arcigay e Gay Center contro il Vaticano - Gay.it
Arcigay e Gay Center contro il Vaticano
4 min. di lettura

Contro l’ingerenza Vaticana odierna hanno tuonato le associazioni LGBT nazionali. Davanti alla Santa Sede, che ha ufficialmente chiesto modifiche al DDL Zan al Governo Draghi, perché a loro dire contrasterebbe il Concordato, Arcigay , Mario MieliGayLib e Gay Center hanno tuonato.

L’attivazione della diplomazia Vaticana con l’utilizzo del Concordato per cercare di bloccare l’iter della legge Zan al Senato è un qualcosa senza precedenti nelle relazioni tra la Repubblica Italiana e la Santa Sede, il tentativo esplicito e brutale è quello di sottrarre al Parlamento il dibattito sulla Legge e trasformare la questione in una crisi diplomatica, mettendola nella mani del Governo Draghi per far si che tutto venga congelato“, ha dichiarato. Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay. “I motivi portati dal Vaticano nella nota diplomatica sono poi agghiaccianti: leggendo tra le parole usate da monsignor Gallagher nella nota ufficiale si capisce chiaramente che il problema non è tanto la legge, ma la Costituzione Italiana, in particolare l’art 3 a cui la legge si ispira, richiamandone i diritti alle libertà e tutele fondamentali dei cittadini. La Santa Sede, ad esempio, vive come un problema il fatto che le scuole private non siano esentate dall’occuparsi di contrastare l’omofobia: vorremmo quindi capire che cosa ci sta dicendo il Vaticano, che le scuole private difendono il diritto ad essere omofobe? La legge altro non fa che richiamare la legge sulla Buona scuola approvata nel 2016, che suggerisce alle scuole di adottare iniziative educative atte a contrastare le discriminazioni, iniziative che comunque non sono obbligatorie, e che sono lasciate alla discrezionalità dei Consigli d’Istituto di ogni scuola, che decidono se e come fare ad affrontare queste tematiche. Confidiamo che il Governo Draghi difenda i principi di laicità che ispirano la nostra democrazia, respingendo al mittente questa iniziativa della Santa Sede, perché si tratta di una ingerenza che supera ogni livello mai raggiunto nei rapporti tra l’Italia e il Vaticano, giocando sull’ambiguità di essere religione e di essere Stato, ambiguità che sarebbe ora di mettere in discussione, cancellando privilegi risalenti a 90 anni fa. Il compito del nostro Paese è quello di tutelare dalle violenze e dalle discriminazioni le cittadine e i cittadini italiani, e questo dovere, a fronte di aggressioni e violenze quotidiane che subiscono le persone LGBT+, non può essere messo in discussione da stati esteri, men che meno da uno stato teocratico come il Vaticano“.

Il Compito della politica è prendere le decisioni guardando laicamente alla realtà senza le lenti del pregiudizio e dell’integralismo religioso che generano solo odio, violenze e continuano a rafforzare lo status di discriminazione e mancanza di tutele per l’intera comunità lgbtqia+. Una condizione ormai inaccettabile in un Paese civile e democratico che rende ormai l’Italia una delle ultime eccezioni europee in termini di arretratezza e oscurantismo. A pochi giorni dal Roma Pride sentire certe affermazioni ci fa capire quanta strada debba ancora essere percorsa” ha dichiarato Claudio Mazzella, Presidente del CCO Mario Mieli.

Apprendiamo con preoccupazione e sgomento la nota ufficiale della Segreteria dello Stato Vaticano che condanna la proposta di legge approvata alla Camera contro omotransfobia, misoginia e abilismo come una violazione del Concordato Stato-Chiesa dell’84. Un ricatto diplomatico senza precedenti“, ha proseguito Pietro Turano, portavoce di Gay Center.

La discriminazione e la violenza verso le persone LGBT (gay, lesbiche, bisessuali e trans) è un fatto trasversale che nasce dall’odio e dall’intolleranza verso una caratteristica fondamentale dell’uomo. È un attacco alla dignità degli esseri umani. Nessuna legge che tuteli chi è vittima può compromettere la libertá, anzi la difende. Nessun articolo di un trattato internazionale può essere messo in discussione da questo principio di diritto, l’unico tutelato dalla proposta di legge contro l’omotransfobia. Se il concordato diventa per il Vaticano uno strumento da impugnare contro una legge di civiltà fondamentale per l’Italia, forse è piuttosto arrivata l’ora di rivedere la legittimità del Concordato. Ricordiamo che il lungo e osteggiato percorso della legge ha già conosciuto compromessi. E’ stato introdotto l’art. 4 che promettendo di garantire la libertà di pensiero, in realtà, legittimerebbe di fatto e per la prima volta posizioni discriminatorie. Inoltre, anche l’articolo 7 è stato rivisto, subordinando le iniziative di informazione e cultura del rispetto contro l’omotransbifobia nelle scuole al consenso genitoriale e all’approvazione del piano formativo, come fossero valori negoziabili, un’offerta integrativa e non indispensabile. Creare occasioni di dialogo, espressione, formazione non limita la libertà di pensiero ma la riconosce e le dà spazio. Per questo chiediamo alla politica italiana di dare un segnale, di riaffermare i principi di uno stato laico e pluralista, includente e non oscurantista.

Conclude Turano: “Ogni giorno la nostra associazione ascolta e aiuta ragazze e ragazzi puniti, rifiutati e colpevolizzati per aver condiviso con gli altri il proprio modo di vivere se stessi, i propri corpi, le relazioni. Abbandonati dalla famiglia, allontanati da amici e compagni, isolati a scuola. storie di diritti compromessi sul lavoro, di attacchi in pubblica piazza, di minacce da vicini, colleghi, sconosciuti. Per questo domani, 23 giugno, in occasione del prossimo Pride, Gay Center ha organizzato un confronto politico con Alessandro Zan (PD) , Alessandra Maiorino (M5S) , Fabrizio Marrazzo (Partito Gay LGBT+), e Pietro Turano (Gay Center) alle ore 18.30 nella Redazione di Scomodo in via Carlo Emanuele I. Chiederemo in questa occasione che la politica italiana non faccia passi indietro e che dia un segnale o eliminado i compromessi che hanno indembolito la legge o se non hanno i numeri approvando quanto prima questa proposta di legge senza ulteriori compromessi“.

All’attacco anche GayLib, associazione che riunisce i gay di centrodestra.

Come associazione per la tutela dei diritti delle persone lgbt continueremo la nostra battaglia culturale, sociale e politica contro ogni forma di discriminazione omotransfobica a ogni livello, necessaria anche nelle scuole di ogni ordine e grado, tenendo soprattutto conto del fatto che le notizie di aggressioni e fatti di bullismo a sfondo palesemente omofobico continuano a susseguirsi quotidianamente in tutta la penisola, coinvolgendo purtroppo nel ruolo di vittime e aggressori anche giovanissimi, poco più che bambini, si veda il recente fatto del 12enne bullizzato a Roma da suoi coetanei con gravi offese a sfondo omofobico o il grave pestaggio avvenuta a Torre Annunziata, di cui si ha notizia in queste ore, ai danni di un ragazzo gay aggredito da un branco di sette persone. Ci piacerebbe  che la Chiesa esprimesse maggiore pietà e accoglienza per queste vittime, evitando ingerenze a gamba tesa nel dibattito democratico e nel percorso parlamentare delle proposte di legge italiane.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
L'Eras Tour di Taylor Swift è una bellissima illusione: non la capite? - taylor - Gay.it

L’Eras Tour di Taylor Swift è una bellissima illusione: non la capite?

Musica - Riccardo Conte 15.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Shannen Doherty Addio

Addio Shannen Doherty, sempre al fianco dei fragili, in bilico tra forza e vulnerabilità

Serie Tv - Mandalina Di Biase 15.7.24

Leggere fa bene

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD". E a Vannacci dice che... - Monica J. Romano - Gay.it

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD”. E a Vannacci dice che…

News - Federico Boni 8.5.24
meloni orban

L’ascesa delle ultradestre e dei movimenti anti-LGBTQIA+ spiegata in 5 punti fondamentali

News - Francesca Di Feo 29.5.24
Roberto Menia di Fratelli d'Italia in Senato irride Macron: "Femmineo con pruriti muscolari" (VIDEO) - Roberto Menia di Fratelli dItalia in Senato irride Macron - Gay.it

Roberto Menia di Fratelli d’Italia in Senato irride Macron: “Femmineo con pruriti muscolari” (VIDEO)

News - Redazione 20.3.24
CGIL e associazioni LGBTQIA+ hanno sottoscritto un protocollo d'intesa per la difesa dei diritti - PROTOCOLLO DINTESA CGIL CON LE ASSOCIAZIOINI LGBTQIA 0 - Gay.it

CGIL e associazioni LGBTQIA+ hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per la difesa dei diritti

News - Redazione 26.6.24
grecia-chiesa-ortodossa-scomunica-matrimonio-egualitario

Grecia, la Chiesa Ortodossa minaccia di scomunicare i parlamentari che hanno votato per il matrimonio egualitario

News - Francesca Di Feo 8.3.24
Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero - carcere - Gay.it

Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero

News - Redazione 18.4.24
Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: "È un'italiana di cui andiamo orgogliosi" - Dopo la querela Vannacci si scusa con Paola Egonu - Gay.it

Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: “È un’italiana di cui andiamo orgogliosi”

News - Redazione 14.5.24
decreto genitori

Corte d’Appello smentisce il decreto Salvini sulle carte d’identità dei minori: “Applicare la dicitura “genitori””

News - Redazione 15.2.24