Barista omofoba denuncia: “Licenziata da Starbucks perché non ho indossato una maglietta arcobaleno”

Ma Starbucks non ci sta e dà un'altra versione dei fatti.

starbucks
Scoppia un caso da Starbucks, per una maglietta arcobaleno.
2 min. di lettura

Si chiama Betsy Fresse, e nel 2018 lavorava allo Starbucks di Hoboken, nel New Jersey. Nel mese di giugno, con l’arrivo del pride, Starbucks ha pensato di far indossare ai propri dipendenti una maglietta arcobaleno, come gesto di appoggio alla comunità LGBT. 

Fumo negli occhi per Betsy. La donna è infatto una devota religiosa, e anche solamente indossare una maglietta a sostegno del pride non poteva proprio accettarlo. Quando i suoi superiori hanno chiesto spiegazioni, ha semplicemente confermato che “le sue convinzioni religiose le impedivano di farlo“.

Secondo i suoi superiori, Betsy non poteva più lavorare presso Starbucks poiché “il suo comportamento non era conforme ai loro valori fondamentali“. Ma non tanto per non voler indossare la maglietta, ma perché avrebbe detto ai suoi colleghi che “avevano bisogno di Gesù“.

Come riportato dagli atti giudiziari del tribunale dove si sta affrontando il caso, l’ex barista avrebbe detto che non ha nulla contro le persone LGBT, ma per la sua religione deve “esprimere con parole e opere l’amore di Cristo per tutti“. Ma l’amore di Cristo per tutti non comprende anche gay, bisex, transgender e lesbiche? 

Non si sa, perché, spiega sempre la donna, “Dio ha creato l’uomo e la donna” e “il matrimonio è definito nella Bibbia come tra un uomo e una sola donna. Qualsiasi attività sessuale che ha luogo al di fuori di questo contesto è contraria alla sua comprensione dell’insegnamento biblico“.

Non c’era scusa che tenga. Betsy non poteva indossare la maglia arcobaleno. Questo, riportano sempre gli atti:

equivarrebbe a parlare forzatamante e a mostrare in modo impreciso la sua difesa di uno stile di vita in diretta contraddizione con le sue convinzioni religiose.

Da Starbucks, hanno spiegato:

Starbucks non discrimina in base al sesso, etnia, religione o orientamento sessuale. Nessuna parte del nostro codice di abbigliamento richiede ai partner di indossare articoli approvati – tranne il grembiule verde – che non hanno selezionato personalmente. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
lollidaniele9gmailcom 26.11.20 - 22:42

ma taci befana te e la tua schifo di religione

Avatar
lollidaniele9gmailcom 26.11.20 - 22:38

hanno fatto bene a licenziarti

Avatar
Patrizio Bucher 26.11.20 - 18:05

Far capire che quanto scritto nella Bibbia non è oro colato è difficile, ancora un assoluto tabù: "non puoi criticare la fede". Dio, se uno crede, vuole la giustizia assoluta, il rispetto totale e reciproco (vale a dire rispettare chi ti rispetta). Quanto scritto nella Bibbia non viene da Dio. I diritti delle donne, della comunità LGBT e di altre categorie, rispettose del prossimo, rientrano nella logica di giustizia assoluta quindi della volontà di Dio.

Trending

Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
Louisa Jacobson, figlia di Meryl Streep, fa coming out: "Felice di entrare in questa gioiosa nuova era" - coming out Louisa Jacobson - Gay.it

Louisa Jacobson, figlia di Meryl Streep, fa coming out: “Felice di entrare in questa gioiosa nuova era”

Culture - Redazione 25.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
@milanopride

Perché il Milano Pride non ha madrine e padrini? Le comunità ebraiche queer ci saranno? Intervista

Lifestyle - Riccardo Conte 24.6.24
Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24

Hai già letto
queste storie?

Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
Lodi, "mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile". La replica della titolare alla recensione disumana - pizzeria recensione choc - Gay.it

Lodi, “mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile”. La replica della titolare alla recensione disumana

News - Redazione 12.1.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24
africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
Islam LGBTIAQ musulmani Politecnico Milano

Seminari e incontri islamici anti-LGBTQIA+: bufera sul Politecnico di Milano, ecco cosa è successo

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24
Marius Madalin Musat e Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi “Cos’ha Milano di inclusivo e anticlassista?”, aggredito in Porta Venezia con il suo compagno Marius Madalin Musat

News - Redazione Milano 4.1.24
arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24