Squadra di calcio inglese condanna i canti omofobi dei propri fans: ‘Non devono ripetersi”

La Bristol Rovers si schiera totalmente contro l’omofobia e assicura che si impegnerà per far sì che tali tifosi saranno allontanati da future partite. Altri tifosi condannano a loro volta le azioni di questo gruppo di ignoranti, promuovendo l’inclusione.

I fans della squadra di calcio inglese Bristol Rovers hanno lanciato insulti e canti omofobi ai fans avversari, della Brighton & Hove Albion, nel corso del match disputatosi il 27 agosto.
Totalmente in disaccordo con ciò che avveniva nei propri spalti, il 31 agosto la Bristol Rovers ha rilasciato una dichiarazione condannando questo genere di comportamenti omofobi:
La Bristol Rovers è stata messa al corrente dei canti omofobi avvenuti nell’ultima partita disputata. Come Club, siamo fermamente contrari a questo tipo di azioni, li disprezziamo, e stiamo prendendo le misure appropriate per affrontare questo problema in modo che non si ripeta.
Inoltre, la Boston Rovers ha annunciato che il personale di sicurezza e gli steward cercheranno di identificare i tifosi o i gruppi “che agiscono in modo inappropriato mentre si trovano all’interno dello stadio”.
Una volta identificati, tali tifosi saranno scortati fuori dallo stadio e riceveranno “divieti appropriati” in relazione a future partite.
Concludendo la sua dichiarazione, la Boston Rovers ha detto:
Vorremmo ringraziare la stragrande maggioranza dei tifosi che hanno e continuano a rappresentare il nostro Club nel modo che tutti ci aspettiamo.

Un fan: “Questo genere di cose dovrebbe essere eliminato dal calcio”

Bristol Rovers

I canti omofobi hanno ricevuto condanne diffuse sia dalle organizzazioni calcistiche che dai tifosi stessi.
Su un gruppo chat dedicato alla squadra Bristol Rovers, la maggioranza dei tifosi ha condannato l’omofobia dimostrata dai loro compagni, con commenti del tipo:
Un comportamento imbarazzante, soprattutto perché Bristol stessa ha una grande comunità LGBT+. Questo genere di cose dovrebbe essere eliminato dal calcio. Questo mostra che abbiamo ancora molto da fare come club e come società. Forse dovremmo vedere questo episodio come un’opportunità per il Club di fare ancora di più per promuovere l’inclusione”.
Un portavoce del gruppo anti-discriminazione ‘Kick It Out‘ ha dichiarato di aver contattato la Football Association – l’organo di governo del calcio inglese – a proposito dei canti omofobi.
Ti suggeriamo anche  Uk nega asilo a donna lesbica, rimandata in Uganda viene violentata e rischia ogni giorno la morte
Pride

Pride Month 2020: le parate non ci saranno, ma la nostra battaglia non si fermerà mai

Un Pride Month molto diverso, quello di quest’anno, ma il Covid-19 non ci impedirà di battagliare per i nostri diritti.

di Alessandro Bovo