Checco Zalone, il piccolo comico che ha bisogno di dire “Fr*cio” in prima serata

Il comico pugliese ospite di Paolo Bonolis a Music usa l’insulto omofobo durante uno sketch.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Il caso di Checco Zalone e dell’insulto omofobico su Canale 5 anima i social: nel 2017 serve ancora dire “Fr*cio” per fare ridere?


Checco Zalone
è probabilmente, almeno stando agli incassi al cinema, il più apprezzato comico italiano degli ultimi anni. Eppure anche lui stavolta sceglie di ricorrere a una banalotta omofobia per solleticare gli umori del pubblico.

Non è la prima volta che i numeri di Zalone giocano sull’omosessualità e quindi non sarebbe una delusione così inattesa il suo scivolone a Music. Eppure stavolta qualcosa è sembrato diverso: il personaggio di Zalone di solito è un guitto, ma in modo strumentale. Con le sue fisime provinciali e i suoi malcostumi ignoranti è lo specchio attraverso cui deridere e mettere alla berlina la grettezza dell’italiano medio.

Anche la canzone “uomini sessuali”, che certamente dice “Sono gente tali e quali come noi normali” appariva subito così surreale e grottesca da irridere non tanto l’omosessuale, quanto chi poteva essere percepito vicino a pensare tali sciocchezze.

A Music, dove un Paolo Bonolis assiste impotente, non c’è nessuno strumento per riscattare la grettezza di Checco, qui c’è un’intera gag costruita su una presunta e schematica omosessualità, ovviamente basata sui soliti cliché, i vestiti, i capelli e l’apparenza, che infine chiama, inevitabile quasi, l’uso della parola fr*cio per dare il via a risatine da quarta elementare.

Omofobia

Pillon, interrogazione parlamentare in difesa dell’avvocatessa che aveva detto “i gay sono malati”

Persino il consiglio dell’ordine degli avvocati di Mantova aveva preso le distanze dalla donna, che aveva scritto sui social "l’omosessualità è un disturbo psichiatrico e che chi ne è affetto non può lavorare a contatto con i minori, altrimenti questi disturbati trasmetteranno il disturbo nelle scuole".

di Federico Boni