DDL Zan, Arcigay festeggia l’approvazione: “Una prima vittoria, ora si proceda rapidamente al Senato”

Le parole di Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay.

DDL Zan, Arcigay festeggia l'approvazione: "Una prima vittoria, ora si proceda rapidamente al Senato" - arcigay 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Pioggia di dichiarazioni in relazione alla legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo, approvata poche ore fa alla Camera dei Deputati. Dopo aver letto le prime parole di Alessandro Zan, Nicola Zingaretti, Monica Cirinnà, Laura Boldrini e del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, sono infatti arrivate anche quelle di Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay.

L’approvazione alla Camera dei Deputati della legge contro l’omotransfobia e la misoginia è una prima vittoria che ci fa ben sperare sull’approvazione definitiva del provvedimento. Per questo primo risultato vogliamo ringraziare i deputati e le deputate che hanno combattuto questa battaglia in prima linea, a partire dall’onorevole Alessandro Zan, relatore della legge, e dagli onorevoli Laura Boldrini, Mario Perantoni e Ivan Scalfarotto che avevano depositato proposte di legge sul tema, poi confluite nel testo finale. Inoltre, ai ringraziamenti ascoltati in aula, vorremmo aggiungere quelli alle tante persone, lgbti ma non solo, che hanno riempito le piazze appena due settimane fa per sostenere questa legge, a chi ha firmato i nostri appelli, a chi da tanti anni scende in piazza con noi, nei Pride e nelle tante altre manifestazioni, per chiedere uguaglianza e diritti. Ora la palla passa al Senato e sappiamo che non sarà un passaggio senza difficoltà: tuttavia siamo fiduciosi, perché nella Camera alta sappiamo esserci eletti ed elette in grado di portare avanti con vigore e determinazione questa battaglia, fino all’approvazione finale. Il testo approvato alla Camera interviene sulla tematica discriminatoria aggiungendo agli articoli 604 bis e ter del Codice penale che trattano le aggravanti di reato e la condotta istigatoria verso discriminazioni e violenze, quelle legate al sesso, genere, orientamento sessuale, identità di genere e disabilità, estendendo le tutele in sede processuale a tutte le vittime di questi reati. Contiene poi politiche di prevenzione, con il mandato ad UNAR di costruire piani strategici di contrasto alla discriminazione verso le persone LGBTI; si dà inoltre mandato all’Istat di indagare con cadenza triennale la situazione delle discriminazioni per colmare il grave fenomeno dell’under reporting che caratterizza questo ambito; la legge istituzionalizza anche in italia la giornata del 17 maggio contro omofobia, transfobia, bifobia e lesbofobia, già riconosciuta a livello europeo. Infine, la legge fa proprie le politiche di sostegno alle vittime tramite l’istituzione dei centri di accoglienza finanziati con 4 milioni di euro annui, già previsti con la conversione in legge del decreto agosto. I toni della discussione avvenuta in Commissione ed in aula alla Camera, così come la difficoltà dell’iter e alcune soluzioni trovate nel testo della legge, come la necessità ridondante di ribadire i principi di libertà di opinione già previste dalla Costituzioni e dalla giurisprudenza è un indicatore chiaro delle difficoltà che ancora oggi la politica ha nell’affrontare le leggi che riguardano le persone LGBTI. Una cosa che abbiamo già vissuto nel 2016 durante la discussione della legge sulle unioni civili. Un indicatore chiaro della tanta strada che ancora resta alle persone LGBTI per arrivare a quella piena uguaglianza che è e resta il traguardo finale delle nostre battaglie per la costruzione di un Paese migliore per tutte e tutti. Ci concediamo una giornata di festeggiamenti, ma già da domani sarà necessario volgere lo sguardo in avanti e riprendere la battaglia in Senato, per giungere alla definitiva conversione in legge del testo.

https://www.facebook.com/gaypuntoit/posts/3814246938628209

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
Annalisa parla di un Nuovo Album

Annalisa si prepara per un nuovo album: “Voglio invitare un po’ di colleghi”

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti - Palinsesti Rai - Gay.it

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti

Culture - Federico Boni 19.7.24
Roma, pestaggio choc a coppia gay. Frustate, calci e pugni. Lo sconvolgente video. "Appello per riconoscere gli aggressori" - Roma pestaggio choc a coppia gay. Frustate e pugni. Lo sconvolgente video - Gay.it

Roma, pestaggio choc a coppia gay. Frustate, calci e pugni. Lo sconvolgente video. “Appello per riconoscere gli aggressori”

News - Redazione 19.7.24
Alberto Matano e il marito Riccardo Mannino

L’estate 2024 di Alberto Matano tra sole, amore e nuove avventure letterarie: le foto social

Culture - Luca Diana 19.7.24
La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il "Super Bowl di Grindr" (VIDEO) - grindr repubblicani - Gay.it

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il “Super Bowl di Grindr” (VIDEO)

News - Federico Boni 19.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

Roberto Vannacci

500.000 voti spediscono Roberto Vannacci in Europa, il generale eletto con la Lega

News - Redazione 10.6.24
Elton John al fianco di Joe Biden celebra Stonewall e la comunità LGBT: "Dobbiamo combattere, come 55 anni fa" (VIDEO) - Elton John - Gay.it

Elton John al fianco di Joe Biden celebra Stonewall e la comunità LGBT: “Dobbiamo combattere, come 55 anni fa” (VIDEO)

News - Federico Boni 1.7.24
Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?" - Nemo - Gay.it

Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?”

Musica - Redazione 4.6.24
stati-uniti-carolina-del-sud-terapie-affermative-minori

Stati Uniti, la Carolina del Sud diventa il 25° stato USA a bandire le terapie affermative per l* minori trans

News - Francesca Di Feo 23.5.24
meloni orban

Ungheria, Orban sfida l’UE: “Inammissibile l’ingresso dei propagandisti LGBTIA+ nelle nostre scuole” – VIDEO

News - Redazione 22.1.24
Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+? - Claudia Sheinbaum 1 - Gay.it

Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+?

News - Redazione 4.6.24
Finlandia, gay e unito civilmente Pekka Haavisto vola al ballottaggio presidenziale contro Alex Stubb - Pekka Haavisto - Gay.it

Finlandia, gay e unito civilmente Pekka Haavisto vola al ballottaggio presidenziale contro Alex Stubb

News - Federico Boni 29.1.24
Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” - VIDEO - Gabriel Attal 1 - Gay.it

Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” – VIDEO

News - Redazione 31.1.24