Dubai: due lesbiche condannate a un mese di carcere

Due turiste, che sarebbero state viste mentre si scambiavano baci e carezze sulla spiaggia dell’emirato arabo, devono adesso scontare 30 giorni di prigione per “atti indecenti in pubblico”.

Due turiste lesbiche, una donna bulgara di 36 anni e una trentenne libanese, sono state condannate da una Corte di Dubai a scontare un mese di carcere prima di potere tornare nei loro paesi d’origine. Il reato? Le due donne sono state giudicate colpevoli di "atteggiamenti indecenti in luogo pubblico". 

Stando a quanto riportato dal quotidiano locale ‘Gulfnews’, le due ragazze sarebbero state sorprese da alcuni testimoni oculari intente a scambiarsi carezze affettuose e baci, sdraiate una sull’altra, sulla fscia di spiaggia che collega l’emirato di Sharajah a quello di Dubai. Basandosi sulle testimonianze raccolte, il tribunale ha comminato la condanna, nonostante le due donne avessero sempre negato l’accaduto.

Ti suggeriamo anche  Cile, approvata la legge: sarà possibile rettificare l'identità di genere
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni