Expo Dubai 2020 a rischio omotransfobia, Arcigay e Agedo chiedono un evento “inclusivo”

Questo perché in tutti gli Eminati Arabi uniti l'omosessualità è illegale e perseguibile.

Expo Dubai 2020 a rischio omotransfobia, Arcigay e Agedo chiedono un evento "inclusivo" - ExpoDubai - Gay.it
DUBAI, UAE - August 27: skyscrapers in reflection on blue glass. Dubai Expo 2020 Sign
2 min. di lettura

Ha inizio oggi, con un anno di ritardo causa Covid-19, l’Expo 2020 di Dubai, esposizione universale che nel 2030 potrebbe tornare in Italia, a Roma, 15 anni dopo la felice esperienza milanese. Per l’occasione Arcigay e Agedo hanno rivolto un appello al BIE (Bureau International des Expositions, l’organizzazione intergovernativa che gestisce gli Expo) affinché gli Stati che organizzano e che partecipano all’evento siano tenuti a sottoscrivere la “Carta della diversità e per le pari opportunità nelle esposizione che accolgono tutti“, nata nell’edizione milanese dell’evento.

Questo perché, è doveroso ricordarlo, le persone LGBT sono legalmente perseguitate a Dubai e in tutti gli Emirati Arabi Uniti. L’articolo 354 del codice penale federale, in tal senso, recita: “Chiunque commetta uno stupro su una donna o una sodomia con un maschio sarà punito con la morte“.

L’appello rivolto agli Stati che partecipano all’Expo, che circola sotto forma di petizione sulla piattaforma Allout, vuole rendere strutturale il progresso raggiunto dall’organizzazione sotto la guida di Giuseppe Sala, nella sua tappa italiana. La Carta sottoscritta allora era sintesi di un lavoro di elaborazione compiuto da oltre 70 associazioni espressioni della società civile e dall’amministrazione dell’Expo 2015 di Milano, e chiedeva esplicitamente al BIE di rendere strutturale quell’elemento, al fine di contribuire alla lotta contro ogni tipo di discriminazione nelle future Esposizioni – genere, età, disabilità, origine etnica, religione, orientamento sessuale, identità e qualsiasi altra – e sostenere le iniziative volte a valorizzare la diversità promossa dall’Organizzatore.

Purtroppo – denunciano Arcigay e Agedo – ancora adesso fra i criteri di valutazione di una candidatura non è prevista la presenza di iniziative o linee guida esplicitamente finalizzate a prevenire discriminazioni sia nei confronti di chi lavora all’Expo si di chi lo attraversa. Sta alla sensibilità dei singoli organizzatori garantire all’interno dell’EXPO uno spazio effettivamente inclusivo di ogni forma di diversità“. Pertanto le due associazioni sollecitano il bureau a “definire e attuare linee guida nel rispetto del principio di pari dignità e trattamento equo sul posto di lavoro; a promuovere la valutazione, nel Dossier di Candidatura presentato dal governo dello Stato interessato all’organizzazione di Expo, delle iniziative contro ogni forma di discriminazione; a chiedere agli organizzatori di Expo di riferire regolarmente al Comitato Esecutivo del BIE i progressi nella preparazione di un’Esposizione con un focus specifico sulla valorizzazione della diversità delle persone; a sostenere gli organizzatori di Expo nel presentare un Regolamento Speciale dell’Evento riguardante sia l’inclusione dei lavoratori e delle lavoratrici sia l’accoglienza dei visitatori e delle visitatrici; a chiedere al Comitato di Comunicazione e Informazione del BIE di valutare le iniziative di organizzatori dell’Expo e Partecipanti volte all’educazione e sensibilizzazione su questo argomento; a monitorare periodicamente all’Assemblea generale l’andamento delle azioni intraprese dagli organizzatori di Expo e dai Partecipanti per promuovere le pari opportunità e valutare l’impatto delle buone pratiche; a valutare, tra i premi del BIE, le iniziative adottate dai Partecipanti Ufficiali a promozione della diversità e dell’inclusione“.

Il tema dell’Expo 2020 di Dubai è “Connettere le menti, creare il futuro”. Nel 2025 si terrà a Osaka, Giappone, seguendo il tema “Delineare la società del futuro per le nostre vite”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 1.10.21 - 10:03

La prova provata che i miei timori e la mia islamofobia hanno solide fondamenta. Dietro rutilanti costruzione ipermoderne , si cela la shaharia : entro quanto sostituirà in Europa le leggi laiche vigenti?

    Avatar
    Anonimo 1.10.21 - 11:37

    Quello che non capisco è come la tua islamofobia e i tuoi timori possano spingerti a votare un partito dichiaratamente omostransfobico e cattofascista come la Lega.

Trending

Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Marius Madalin Musat e Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi “Cos’ha Milano di inclusivo e anticlassista?”, aggredito in Porta Venezia con il suo compagno Marius Madalin Musat

News - Redazione Milano 4.1.24
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
uganda-smug-perde-ricorso-tribunale

Uganda, l’NGO LGBTQIA+ SMUG perde il ricorso in tribunale: operazioni illegali secondo l’Anti Homosexuality Act

News - Francesca Di Feo 25.3.24
russia-insegnante-propaganda-lgbtqia

Russia, insegnante si veste da Biancaneve e viene accusato di propaganda LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.12.23
Vannacci: "L'omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte" - Vannacci - Gay.it

Vannacci: “L’omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte”

News - Redazione 23.5.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24