Famiglie Arcobaleno contro il Family Act: “‘famiglia’ al singolare ci esclude”

Un errore apparentemente banale, che potrebbe però escludere centinaia di famiglie LGBT. Anche Monica Cirinnà chiede una correzione al testo.

famiglie arcobaleno
2 min. di lettura

Dall’Associazione Famiglie Arcobaleno, arriva una critica al Family Act del governo Conte. L’appello è rivolto alla ministra per le Politiche per la famiglia, Elena Bonetti.

Una critica che riguarda una sola parola, ma che acquista un enorme significato in questo momento. Utilizzare il singolare quando si parla di famiglia significa negare l’esistenza delle famiglie LGBT, dando spazio solamente a quelle formate da due persone di sesso diverso. Per questo l’Associazione Famiglia Arcobaleno dice:

Usare famiglie al singolare non è solo una questione di parole, ma significa negare la realtà delle famiglie. Tutte!

Le critiche al testo da parte di Famiglie Arcobaleno

Famiglie Arcobaleno contro il Family Act: "'famiglia' al singolare ci esclude" - famiglie - Gay.it

Nel loro post social l’associazione spiega:

Ancora una volta il legislatore non riesce a immaginare un mondo in cui la parola famiglia possa essere declinata al plurale. In Italia non esiste un solo modello familiare: declinare al singolare la parola famiglia non è solo una questione di parole, ma di sostanza.

Significa negare accesso alle sedi di concertazione alle associazioni che, come la nostra, rappresentano modelli familiari diversi, che condividono però con tutte le famiglie quei problemi cui il Family Act prova a dare una risposta.

A scrivere, è il presidente di Famiglie Arcobaleno, Gianfranco Goretti. La critica si sofferma appunto sull’uso singolare della parola “famiglia”, e in particolare:

Ci riferiamo alla prevista istituzione di un organismo aperto alla partecipazione delle associazioni di tutela della famiglia, declinata, appunto, al singolare. Speriamo ci si renda conto dell’importanza nell’uso delle parole, soprattutto quando queste vanno di pari passo con il diritti delle persone e delle famiglie, tutte.

Il Family Act, che prevede tutele, aiuti e agevolazioni per le famiglie in difficoltà, dovrebbe essere rivolto a tutte le famiglia, che siano eterosessuali o omosessuali. 

Pieno appoggio da Monica Cirinnà

A prendere le parti di Famiglie Arcobaleno, la paladina della comunità LGBT e madre della legge sulle unioni civili Monica Cirinnà. “Non è questione di parole, ma di sostanza” conferma la senatrice dem. E assicura tutto l’aiuto che l’associazione necessita, impegnandosi a corregge la parte del testo criticata:

Quel passaggio della proposta di legge deve essere corretto e mi sono già attivata con le colleghe e i colleghi della Camera.
Sono certa che avverrà: in Italia, la parola famiglia si declina al plurale. Non è questione di parole, ma di sostanza.

Famiglie Arcobaleno contro il Family Act: "'famiglia' al singolare ci esclude" - cirinna - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24
Papa Francesco non vuole più seminaristi gay e avrebbe usato parole offensive verso le persone omosessuali - papa francesco wow - Gay.it

Papa Francesco non vuole più seminaristi gay e avrebbe usato parole offensive verso le persone omosessuali

News - Redazione 27.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Roland Garros 2024 al via, ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per l'Open di Francia - Roland Garros 2024 al via ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per lOpen di Francia - Gay.it

Roland Garros 2024 al via, ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per l’Open di Francia

Corpi - Redazione 27.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque

News - Redazione 14.12.23
Foto: Angela Christofilou

L’8 Marzo ci siamo tuttə per tuttə

Corpi - Redazione Milano 7.3.24
rishi sunak transfobico

Regno Unito, il premier Rishi Sunak torna alla carica contro la comunità trans

News - Francesca Di Feo 6.12.23
frasi che non voglio sentire a natale

Le frasi che non vorremmo sentire al pranzo di Natale

Lifestyle - Redazione Milano 15.12.23
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
meloni orban

Italia al 25° posto su 27 in Europa sui diritti. Peggio di noi solo Ungheria e Polonia. Il report sui singoli voti all’Europarlamento

News - Federico Boni 15.4.24
report-amnesty-diritti-umani

Preoccupante regressione dei diritti umani, tra cui quelli LGBTQIA+, a livello globale: il desolante report di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 29.4.24