Il reggiseno di Blanco

Con la sua faccia da Joker, Blanco ci vomita addosso le ombre nerissime e bidimensionali dei nuovi conformismi identitari.

ascolta:
0:00
-
0:00
blanco reggiseno blanco nudo padova concerto
blanco reggiseno padova blanchitobebe tour concerto
3 min. di lettura

Prima di vederlo grande performer sul palco dell’Ariston in quei Brividi scolpiti insieme a Mahmood, avevamo già parlato delle mutande di Blanco.

Ieri a Padova, nel primo dei suoi 34 concerti già tutti sold out che lo porteranno domani a Milano, in un tour che si chiuderà il 17 Settembre – sempre a Milano, all’Ippodromo, Blanco ha sfoggiato un reggiseno nero sul proprio corpo stortignaccolo, tatuato e brufoloso.

Il reggiseno di Blanco è post ideologico. Come è ovvio, siamo lontani anni luce dai corsetti che strizzavano le forme delle procaci donne anni ’50 e che hanno ispirato e ispirano stuoli di stilisti di ieri e di oggi – avete presente quell’Italietta da cartolina, sofieloren e mandolino: quella. Ciao amore ciao, addio.

Con il reggiseno di Blanco siamo lontani anche dalla fluidità debordante, spremuta e strizzata anch’essa, e già abusata, a cui tutti i creativi del contemporaneo sembrano dover o voler pagare pegno – non sia mai un maschio con un reggipetto e basta: deve varcare le soglie da un genere all’altro in almeno sette punti cardinali dell’universo infinitesimale del non binarismo (di genere). A me pare che Blanco accarezzi una provocazione scomoda: con la sua parecchio stronza faccia da Joker, Blanco ci vomita addosso le ombre nerissime e bidimensionali dei nuovi conformismi identitari.

Ma torniamo a capezzoli pelosi e reggiseno. Se volessimo ripristinare un’etichetta novecentesca, potremmo dire che quello di Blanco è un reggiseno punk, ma ecco che subito, davanti a una platea di gente di tutte le età presente al concerto di Padova – bimbi, madri, padri, cugini, sposi, amanti e nonni – la parola punk diventa struggentemente inadeguata.

Il reggiseno di Blanco ha le coppe polpose di una gratuità senza indugi. Indossare quel reggiseno è per Blanco un gesto che non ha radici e non racconta altro che una disinibizione scavallante, uno scacco matto alle argomentazioni più o meno esistenti di presunte teorie di genere. È così privo di provocazione ed è così profondamente disinibito – senza inibizioni – da non prestare il fianco neanche alle eventualmente arrabbiate accuse di appropriazione culturale.

Qualcuno dirà – comprensibilmente – che tutto viene infine banalizzato. Ed è proprio così. Ma a questi ultimi, a coloro che covano il sospetto che le proprie battaglie di affermazione di genere siano da Blanco ridotte a non-sense da palcoscenico, lo stesso Blanco risponde con la magnifica narrazione nichilista dei propri testi disperati e rabbiosi, quelli sì covati sotto i capezzoli pelosi.

E non è del resto mio compito difendere Blanco da possibili accuse di banalizzare la queerness: è che Blanco è già ben lontanamente oltre l’idea di identità statica. Non si ferma un attimo, e nel suo correre, Blanco racconta con l’efficacia degli artisti il divenire eterno di queste nuove meravigliose creature umane non collocabili.

Il reggiseno di Blanco è un gesto queer, ma non ha nulla di queer intorno e probabilmente nessuna consapevolezza. È la fuga in tutte le direzioni di una generazione, siddetta Z, che non ha tempo di questionare su superamenti del binarismo di genere, perché ciò che davvero l’attrae, la frammenta, e forse persino la dilania, è il caotico sgretolamento di ogni binarismo, di qualunque separazione in due blocchi.

Blanco ha chiesto ai fan di indossare bianco e nero durante i suoi concerti, ma nel reggiseno di Blanco c’è la totale negazione dello schema binario tout court, è anzi la scomparsa del bianco o nero, del giusto o sbagliato e – persino – del legittimo o illegittimo. Prossima tappa, l’illegalità.

 

blanco reggiseno blanchitobebe padova
Il reggiseno di Blanco, sfoggiato nel concerto di Padova il 4 Aprile 2022.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Johan Floderus, diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran chiede la mano al fidanzato, il dolcissimo video - Johan Floderus il diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran e chiede la mano al fidanzato il dolcissimo video - Gay.it

Johan Floderus, diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran chiede la mano al fidanzato, il dolcissimo video

News - Redazione 19.6.24
kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Calciatori Gay Italia Nazionale Europei 2024

“Uno o due calciatori gay nella Nazionale italiana agli Europei di Germania 2024”

Lifestyle - Redazione Milano 18.6.24
Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Dennis Altman nel 1972

Dennis Altman, una vita tra attivismo e accademia: intervista

Culture - Alessio Ponzio 8.4.24
Gianna Nannini: "Sono natə senza genere, non ho categorie” - Gianna Nannini - Gay.it

Gianna Nannini: “Sono natə senza genere, non ho categorie”

Musica - Redazione 22.3.24
Teansgender Carcere Europa

Nelle carceri europee le persone transgender subiscono intimidazioni e violenze

News - Redazione Milano 26.4.24
Lily Gladstone in Killers of the Flower Moon (2023)

Lily Gladstone vuole decolonizzare il suo genere

Cinema - Redazione Milano 2.1.24
festival di cinema gay in italia e queer culture

Rassegne e festival italiani di cinema LGBTIAQ+ e cultura queer che nel 2024 dovresti conoscere

Cinema - Redazione 1.2.24
Mahmood inSAFE FROM HARM A FILM BY WILLY CHAVARRIA

Mahmood, il video integrale di Willy Chavarria designer di collezioni non binarie

Lifestyle - Mandalina Di Biase 13.2.24
Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: "Mi chiamo Fin" - fin affleck ben affleck e jennifer garner - Gay.it

Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: “Mi chiamo Fin”

Culture - Redazione 11.4.24
Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?" - Nemo - Gay.it

Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?”

Musica - Redazione 4.6.24